13 Ott 2017

Un weekend di (stra)ordinario cambiamento

Scritto da: Ezio Maisto

Ancora un successo di “Progettare il Cambiamento”, il percorso formativo negli ecovillaggi per comprendere il presente e orientare il proprio futuro. Dopo la replica dell’incontro sul “Pensiero”, a breve la replica del modulo dedicato agli “Strumenti”.

Lo scorso weekend (6-8 ottobre) Italia che Cambia ha riunito per la seconda volta alcuni tra i nomi più prestigiosi in Italia nel campo dell’innovazione sociale: Cristiano Bottone, referente per l’Italia del Movimento delle Transition Town; Maurizio Pallante, saggista e fondatore di MDF-Movimento per la Decrescita Felice; Fabio Pinzi, agronomo e membro dell’Accademia Italiana di Permacultura; e Daniel Tarozzi, scrittore, giornalista e fondatore di Italia che Cambia.

IMG_20171007_115843

Lo abbiamo fatto da un lato per continuare a divulgare il Pensiero del Cambiamento  (titolo di questo incontro), e dall’altro per presentare di nuovo integrate la Decrescita, il Downshifting, la Permcultura e la Transizione, ossia le materie alla base del mondo che verrà. Soprattutto, lo abbiamo fatto per dare la possibilità a chi sta pensando di cambiare la propria vita di incontrare dei compagni di viaggio.

 

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Alla parte formativa abbiamo unito momenti di intrattenimento, quali proiezioni, movimento corporeo e visite guidate all’ecovillaggio Panta Rei, in Umbria, che ospitava l’incontro. Il risultato è stato un altro meraviglioso melting pot di energie umane. Circa 30 persone provenienti da diverse regioni d’Italia hanno partecipato e condiviso con noi – dal cerchio iniziale del venerdì a quello finale della domenica – un’altra intensa ed emozionante esperienza.

Gruppo Panta Rei ottobre 2017 (1)

L’incontro era una replica del primo modulo del nostro percorso di weekend formativi in ecovillaggio dal titolo “Progettare il Cambiamento”, per comprendere il presente e orientare il proprio futuro.

 

Il secondo modulo del percorso, dedicato agli Strumenti del Cambiamento, avrà luogo entro fine anno presso un ecovillaggio del Nord Italia (data e luogo preciso sono ancora in fase di definizione). Parleremo di Facilitazione, Eco-psicologia, Comunicazione Ecologica e Sociocrazia con alcuni tra i massimi esperti italiani di queste materie. A breve i dettagli riguardanti i docenti e i costi.

IMG_20171008_104035

Ricordiamo che ogni modulo di “Progettare il Cambiamento” è indipendente dagli altri: chiunque sarà pertanto libero di frequentare quello/i che riterrà più utile/i per sé. Ciascun appuntamento conterrà inoltre moduli di materie ogni volta differenti e una serie di attività sociali.

 

Presto ci saranno inoltre novità sul terzo modulo, dedicato alle Azioni del Cambiamento, che si svolgerà all’inizio del 2018 in una località del Centro Italia che manterremo segreta fino a pochi giorni prima dell’incontro. Restate sintonizzati.

 

 

 

Articoli simili
Gino Chabod, l’artigiano del legno che insegna ai bambini il “saper fare”
Gino Chabod, l’artigiano del legno che insegna ai bambini il “saper fare”

Le panchine della gentilezza, dove grandi e piccoli cambiano il mondo con atti gentili
Le panchine della gentilezza, dove grandi e piccoli cambiano il mondo con atti gentili

I campi sportivi abbandonati diventano luoghi di socialità grazie ai Genitori @ttivi
I campi sportivi abbandonati diventano luoghi di socialità grazie ai Genitori @ttivi

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Germania, un governo “semaforo”? – #417

|

Il diritto dei bambini all’aria pulita: le strade scolastiche come antidoto a traffico e inquinamento

|

Fuga dalla città. Una seconda vita sulle colline piacentine

|

Assamil: una delle comunità più giovani d’Italia cresce e cerca una nuova casa

|

Re-sisters: l’arte e la cultura per dire no alla violenza sulle donne

|

Il primo Asilo nel Bosco altoatesino, dove le maestre sono la neve e la pioggia

|

La storia di Esma, il musicista che ha lasciato la città per vivere e cantare la campagna

|

Camilla Rossi, educatrice: “Attivismo quotidiano, educazione e messa in discussione per combattere la violenza contro le donne”