Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia

Chi sono

Daniel Tarozzi

Mi chiamo Daniel Tarozzi, sono laureato in Scienze della Comunicazione, ho lavorato come autore televisivo, regista di documentari, videomaker e soprattutto giornalista. Nel 2004 ho fondato (con Francesca Giomo) un giornale web, “Terranauta”, che ho diretto fino al giugno 2010 e nel settembre 2010 ho fondato (con Paolo Ermani) “Il Cambiamento” che ho diretto fino al novembre 2013. Ora sono giornalista e direttore editoriale di “Italia che Cambia“. In tutti questi anni di giornalismo sono venuto a contatto con la maggior parte delle esperienze di “cambiamento” reale che popolano l’Italia ma che non trovano spazio nei media. Ho capito che “tocca a me” raccontarle, riunirle, confrontarle. Ed ecco che è nato il progetto di “Viaggio nell’Italia che cambia”: sette mesi in camper per incontrare “chi ha preso la propria vita in mano senza aspettare che qualcuno lo faccia al suo posto”.

Dal viaggio sono nati quattri libri: due editi Chiarelettere: “Io Faccio così – Viaggio in camper nell’Italia che Cambia“e “Una moneta chiamata Fiducia“, e due scritti con Andrea Degl’Innocenti, “I Diari dell’Italia che Cambia” e “E ora si Cambia“. Inoltre, il viaggio ha ispirato un documentario, uno spettacolo teatrale e soprattutto un progetto di racconto, mappatura, valorizzazione e messa in Rete dell’Italia che cambia… Oggi continuo la mia attività giornalistica, dirigo il Journal di Fondazione Pistoletto e scrivo libri sulle tematiche a me care.

Infine, mi sono trasferito tra i monti liguri, studio il mondo dei cani con la scuola Think Dog e sono consapevole che… è bello vivere in un Altopia.

#IoNonMiRassegno 21/2/2020

|

Coinquilini solidali: vivere insieme per aiutarsi a vicenda

|

Feminism, torna la fiera dell’editoria delle donne!

|

Paulo Lima, “diventare azione” partendo dai giovani – Io faccio così #280

|

Una giornalista in classe: nelle scuole per portare il cambiamento

|

Muri Sicuri, la street art solidale per le zone terremotate

|

OpetBosna! Quando un gruppo di amici si mobilita per i profughi

|

Figli, la responsabilità quotidiana di restare insieme