Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
27 Ago 2018

Una biblioteca dentro casa aperta alla comunità

Scritto da: Ezio Maisto

A Ross di Pielungo, una frazione del comune di Vito d’Asio (PN), Roberto e Silvina hanno allestito una biblioteca nella loro casa. Chiunque può visitarli e prendere in prestito gratuitamente uno o più dei circa 2mila libri disponibili. Un modo utile e originale per contribuire al mantenimento e al rafforzamento dello spirito di comunità del villaggio.

È nata esattamente un anno fa (fine agosto 2017) nel comune di Vito d’Asio, in provincia di Pordenone, e in paese è sempre più conosciuta e utilizzata. Si tratta di una biblioteca un po’ particolare, dai loro fondatori chiamata “La tana del lupo”. Cosa la rende speciale? Il fatto che non ha né sede in una struttura pubblica, né è la collezione privata di uno studioso, un nobile o altro defunto notabile abitante di un palazzo storico, come spesso capita.

 

La biblioteca in questione si trova, infatti, in una stanza appositamente allestita nella casa privata di Roberto Carniel e Silvina Guzman, una normalissima coppia di ricercatori universitari (l’uno in geofisica, l’altra in vulcanologia) con la passione per la lettura.

books-1850645_960_720

In realtà Roberto e Silvina hanno iniziato questo percorso già diversi anni fa, quando hanno deciso di mettere a disposizione di compaesani e villeggianti i tanti libri di loro proprietà conservati in qualche scaffale e diversi scatoloni. La cosa si è però trasformata in un progetto vero e proprio soltanto un anno fa, quando hanno avuto la possibilità di allestire una stanza dedicata, eliminando gli scatoloni ed esponendo i circa 2mila volumi in loro possesso – per la maggior parte romanzi – su nuovi e più capienti scaffali, procedendo anche alla loro catalogazione.

 

La coppia si è trasferita in zona nel 2013, attratta dalla bellezza della natura e soprattutto dalla qualità dei rapporti umani. “Una comunità è solida quando ognuno dei suoi membri si rende utile in qualcosa per supportarla e migliorarla, specie attraverso la solidarietà e la condivisione”, dichiara Roberto. “C’è chi ci mette gli ortaggi del suo orto, chi le uova delle proprie galline… noi ci mettiamo i libri”.

 

“La tana del lupo” si trova nella Borgata Ross di Pielungo, frazione del comune di Vito d’Asio, situato nella vallata del fiume Arzino, ed è aperta a tutti, a qualsiasi orario. Chiunque può passare e citofonare per vedere se c’è qualcuno, oppure scrivere a biblioteca.ross@gmail.com per prendere un appuntamento. Il prestito dei libri è completamente gratuito.

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Lo strano caso dei cereali al cipollotto (e altre storie) – Io Non Mi Rassegno #179

|

L’Italia contadina si ribella alle monocolture delle multinazionali

|

Capitale Sociale, nasce una scuola per imparare a riprogettare il futuro

|

Pronti alla vera contaminazione?

|

Una vecchia edicola diviene portineria di comunità

|

Il riciclo della plastica segna il riscatto di una comunità in Etiopia

|

La tana di Jo: letture e movimento per crescere in natura

|

Fianco a fianco: “Aiutiamo i ragazzi stranieri a realizzarsi in Italia”