10 Ott 2018

Mediterranea: una nave italiana in difesa dei migranti

Scritto da: Redazione

È stata ribattezzata Mediterranea la prima missione in acque internazionali completamente organizzata in Italia da una rete di realtà della società civile. Partita qualche giorno fa, la nave denuncerà e testimonierà ciò che accade in quel tratto di mare divenuto un cimitero “nel silenzio, nell’assenza di soccorsi, nel vuoto lasciato dalle ong criminalizzate, nella complice indifferenza dei governi italiani ed europei”.

La nave italiana Mediterranea è partita qualche giorno fa per raggiungere le acque internazionali che separano le coste italiane da quelle libiche. La nave ha l’obiettivo di svolgere attività di monitoraggio, testimonianza e denuncia della drammatica situazione che quotidianamente vede donne, uomini e bambini rischiare la propria vita, attraversando il Mediterraneo centrale, nell’assenza di soccorsi generata dalle recenti politiche italiane ed europee.

 

 

Mediterranea è una nave e un progetto, “una piattaforma di realtà della società civile”, nata con lo scopo di denunciare e testimoniare quello che accade in quel tratto di mare diventato “un cimitero che quest’anno ha inghiottito 1.719 migranti”.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

 

Banca Etica ha concesso il prestito per avviare la missione e per l’acquisto della nave. Inoltre, sta supportando il crowdfunding per raccogliere circa 700mila euro e svolgendo attività di tutoraggio per tutti gli aspetti economici. In osservanza di tutte le norme e le prassi di prudenza, il fido è anche garantito da garanzie personali prestate da alcuni parlamentari. “Questa operazione è in linea con quei valori che ci hanno portato in questi anni a finanziare, per circa 70 milioni di euro complessivi, centinaia di realtà che operano per un’accoglienza degna nel nostro paese”, spiega Banca Etica.

mediterranea-

Il nucleo promotore è composto da singole persone e associazioni come l’Arci e YaBasta Bologna, ONG come Sea-Watch, il magazine online I Diavoli, imprese sociali quali Moltivolti di Palermo.

 

“Mediterranea oggi ha messo in mare una nave che ha bandiera italiana, che è nel Mediterraneo centrale, che è in questo momento in uno spazio di frontiera, diventato un vero e proprio cimitero a cielo aperto. La nostra missione è quella di essere presenti in mare, per svolgere attività di monitoraggio, testimonianza e denuncia della drammatica situazione che quotidianamente vivono donne, uomini e bambini, attraversando il Mediterraneo centrale che in questo momento è in assenza di soccorso, nel silenzio e nella complice indifferenza del governo italiano ed europei”, ha dichiarato Ada Talarico della rete Mediterranea, durante la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa.

 

“Otto migranti al giorno in media muoiono nelle acque del Mediterraneo centrale – aggiunge – e noi oggi abbiamo deciso di difendere un diritto fondamentale, quello della vita. La nostra scelta, con Mediterranea, è stata quella di attivarsi, impegnarsi concretamente e agire”. “Vogliamo vincere la paura e il disprezzo con la solidarietà, vogliamo salvare noi stessi da un presente e un futuro di odio. Mediterranea è qualcosa di inedito, di mai visto. Non è una Ong, ma è una azione non governativa, con un obiettivo concreto che abbiamo messo in mare”, ha concluso Talarico.

 

 

 

Articoli simili
Humus Job, la rete di aziende etiche per un’agricoltura consapevole – Io faccio così #328
Humus Job, la rete di aziende etiche per un’agricoltura consapevole – Io faccio così #328

Piantare alberi al posto delle mine: così rinasce una terra tormentata
Piantare alberi al posto delle mine: così rinasce una terra tormentata

Della Terra riparte dalla “contadinanza” per favorire la giustizia sociale e ambientale
Della Terra riparte dalla “contadinanza” per favorire la giustizia sociale e ambientale

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Le “follie” del Centro America, fra criptovalute e nuove dittature – Io Non Mi Rassegno #386

|

Italia a piccoli passi: due mamme in viaggio per raccontare il Bel Paese

|

Etichetta Consapevole: voi sapete come leggerla?

|

La storia di Lorenza: “Così la ceramica mi ha insegnato a vivere la vita con lentezza”

|

Asili nel bosco, una “foresta di relazioni” per un futuro migliore

|

Humus Job, la rete di aziende etiche per un’agricoltura consapevole – Io faccio così #328

|

Ricominciamo 2021: il Casentino riparte all’insegna di arte, musica e natura

|

Impariamo dagli animali a stare bene con noi stessi e con gli altri