23 Nov 2018

B Corp Italia: le 100 aziende che fanno business per rigenerare società e ambiente

Scritto da: Redazione

Si incontrano il 28 novembre a Bologna le 100 B Corp italiane, ovvero quelle aziende for profit che perseguono anche un altro obiettivo: avere un impatto positivo sulle persone, l’ambiente e le comunità in cui operano. Il summit “Time to B” il pomeriggio sarà aperto al pubblico.

Il 28 Novembre 2018 le 100 B Corp Italiane si riuniranno all’ Opificio Golinelli di Bologna con l’obiettivo di dare ulteriore impulso allo sviluppo del movimento di aziende che usano il Business come Forza Rigenerativa della società e dell’ambiente.

 

Dalle 16.30 l’incontro si aprirà al pubblico per favorire il coinvolgimento di tutti gli imprenditori, manager e altri stakeholder interessati al fenomeno For Benefit, per condividere gli sviluppi italiani e internazionali, favorire sinergie e allargare sempre di più l’impatto positivo. Le B Corp rappresentano la punta più avanzata del movimento globale di aziende sostenibili e rigenerative.

download (1)

Oggi il numero di B Corporation italiane registra la più elevata crescita in Europa. Nel 2016 le B Corp hanno portato all’introduzione in Italia delle Società Benefit, forma giuridica già adottata da oltre 300 aziende. Oltre agli imprenditori delle B Corp, durante l’incontro condivideranno le loro prospettive l’economista Stefano Zamagni, il direttore di B Lab Europa Nathan Gilbert, Maria Paola Chiesi, direttore CSR di Chiesi Farmaceutici  e Massimo Mercati, DG di Aboca.

 

Le B Corp sono aziende che soddisfano i più stringenti standard al mondo in termini di impatto positivo e sostenibilità d’impresa. Costituiscono un movimento globale di imprese che ha l’obiettivo di diffondere un paradigma economico più evoluto, dimostrando che le aziende del futuro sono quelle che rigenerano la società e l’ambiente. Oltre 2.500 B Corp e 80.000 aziende in 150 settori e 65 paesi usano il BIA – Benefit Impact Assessment, lo strumento di misura aziendale ideato da B Lab. Le aziende che riescono a raggiungere gli 80 punti dell’assessment rappresentano una soluzione concreta e scalabile che crea valore sia per gli azionisti che per tutti gli stakeholder. In tutto il mondo le B Corp promuovono la forma giuridica di Benefit Corporation/Società Benefit.

 

L’Opificio Golinelli è conosciuto anche come “l’ecosistema aperto” e sorge dalle ceneri di uno spazio industriale di 9.000 mq, vicino al centro di Bologna, oggi completamente dedicato a laboratori, aule didattiche, uffici, spazi per esposizioni e workshop, e un auditorium.
Nativa è un acceleratore dell’evoluzione delle aziende perché diventino sempre più sostenibili e rigeneratrici. Nativa è Country Partner per l’Italia di B Lab, la non profit che in tutto il mondo promuove le B Corp. Nel 2012 è stata la prima B Corp certificata e Benefit Corporation in Europa.

 

Per registrazioni all’incontro aperto al pubblico clicca qui 

 

Per informazioni: media@nativalab.com

 

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'economia in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Nativa e le B Corp: così è nato il business che può cambiare il mondo – Io faccio così #248
Nativa e le B Corp: così è nato il business che può cambiare il mondo – Io faccio così #248

B Corp, raddoppiano le aziende che fanno bene alla società e all'ambiente

B Corp School: gli studenti costruiscono le imprese sostenibili del futuro
B Corp School: gli studenti costruiscono le imprese sostenibili del futuro

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Ulivi malati e biodiversità in pericolo: la Puglia non si avvelena!

|

Stagione di caccia: nessuno stop nonostante gli incendi abbiano decimato gli animali

|

La Foresta in Testa: musica e natura per far emergere i talenti

|

Buddies, i nuovi dog sitter migranti che combattono l’abbandono degli animali

|

Amore, sesso, relazioni. Cosa sta succedendo in Italia? Ne parliamo il 25 settembre

|

Non Siamo Atlantide: il mito rivive in un evento dedicato alla sostenibilità

|

Matteo Saudino: “Vi parlo della filosofia, bella proprio perché apparentemente inutile”