15 Mar 2019

Dal Sudamerica all’Italia: le opportunità dell’agricoltura organica e rigenerativa

Scritto da: Annalisa Jannone

Nata in Sudamerica, l’agricoltura rigenerativa organica si sta diffondendo anche in Italia grazie all’impegno di Deafal che ha avviato percorsi di formazione, produzione e sperimentazione con agricoltori e allevatori di tutto il paese.

Dal Mondo dei campesinos sudamericani una sinergia tra antichi saperi della tradizione contadina, agronomi e studiosi del suolo e cooperanti internazionali sta diffondendo anche in Italia un’alternativa all’agricoltura industriale e chimica e all’agricoltura naturale (del lasciar fare alla natura) che, seppur affascinante e globalmente “curativa”, in Europa è propria di piccoli appezzamenti di terreni e sempre affaticata nel confronto con i mercati.

soil-2

L’Agricoltura Organica e Rigenerativa   (AOR) nasce in Sudamerica dalla lotta alla povertà, dalla spinta all’autonomia energetica e alimentare delle economie rurali familiari.
Proprio dal primo viaggio in Italia di Jairo Restrepo ci si è resi conto dello stato di profonda crisi e insoddisfazione degli agricoltori nostrani.

 

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.


Non è solo questione di mercato e di economia ma anche di cultura. L’iperspecializzazione ci ha fatto perdere infatti l’intuizione alle connessioni, la curiosità di sperimentare azioni semplici, la capacità di osservare.
Sembra dunque naturale che da luoghi (il sud del mondo) con un tessuto socio-economico più compromesso ma più in contatto con la ciclicità della terra, più capaci di creatività e intraprendenza si sia sviluppata questa agricoltura rigenerativa che riscuote sempre più interesse in Italia.
Imparare ad aumentare la produttività rigenerando il suolo per sentirsi in grado di sfidare un sistema che uccide, che fa abbandonare le terre e che ammala.

 

La Geoevoluzione considera infatti prima di tutto il Suolo. Conoscerlo e rivitalizzarlo, aumentare la biodiversità, la biodisponibilità dei minerali. Riconoscere le piante spontanee come bioindicatori, praticare le analisi qualitative e quantitative attraverso la cromatografia, analisi chimico-fisiche, etc., conoscere e intervenire sulla microbiologia del proprio terreno.

 

Fare in base ad un’analisi delle risorse presenti, preparare fertilizzanti, ammendanti, rimineralizzanti, inoculi di microrganismi. Valutare una meccanizzazione rispettosa degli equilibri della rizosfera per accelerare i tempi di rigenerazione e abbattere i consumi energetici. Molte sono le azioni concrete possibili, semplici e sostenibili, purché si consideri la terra un bene competente di per sé, da valorizzare per creare condizioni sostenibili nel tempo.

12195847_1001610716566247_2246087388683618832_n

L’agricoltura organica e rigenerativa si sta diffondendo anche in Italia grazie all’impegno di Deafal che ha avviato percorsi di formazione, produzione e sperimentazione con agricoltori e allevatori di tutto il paese.

 

Quello che emerge dai primi corsi organizzati da Deafal in Italia è la grande professionalità, competenza e scientificità proposta. Da qui la possibilità di accrescere la capacità produttiva riuscendo a massimizzare le risorse esistenti in termini di spazio, tempo ed energia investita.

 

Come per la Permacultura, c’è una parte di Italia che vuole ripartire da un diverso rapporto con il proprio territorio, più di altre nazioni europee mostra la maturità di voler “abitare” il proprio paesaggio attingendo a quello che ci differenzia dagli altri paesi: la biodiversità e la bellezza.

 

Per saperne di più:
www.agricolturaorganica.org 

Il video “Una historia diferente” 

 

 

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
I vini “eroici” della Liguria:  La Polenza racconta la vita in vigna
I vini “eroici” della Liguria: La Polenza racconta la vita in vigna

Con il pretesto della guerra in Ucraina il Parlamento invita il Governo ad aprire alla coltivazione di OGM
Con il pretesto della guerra in Ucraina il Parlamento invita il Governo ad aprire alla coltivazione di OGM

In Sardegna c’è una Food Forest che riduce l’impronta ecologica facendo piantare alberi ai viaggiatori – Io Faccio Così #355
In Sardegna c’è una Food Forest che riduce l’impronta ecologica facendo piantare alberi ai viaggiatori – Io Faccio Così #355

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La nuova Costituzione “dal basso” cilena è pronta! – #552

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne

|

Sikanamente, il gruppo di ragazzi che sono tornati nel borgo d’origine per farlo rivivere

|

Stop alle armi nucleari: Etica Sgr lancia un manifesto per proporre il disinvestimento finanziario

|

“Siccità è crisi climatica”: la protesta degli attivisti di Extinction Rebellion contro le scelte della politica

|

Il Fuoco, l’elemento sacro di consapevolezza per sé stessi e per il mondo

|

Ecoistituto Siciliano, valorizzare il territorio e le comunità locali attraverso la cultura della sostenibilità