Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
2 Dic 2019

I club dei lettori silenziosi: ritrovarsi per leggere in compagnia

Scritto da: Roberta Costi

Nati in America nel 2012, i Silent Book Club si sono diffusi rapidamente nel mondo e oggi se ne contano cento, di cui quattro in Italia. Si tratta di un modo originale di promuovere la lettura mettendo al centro le persone che hanno voglia di condividere momenti piacevoli.

Leggere è sempre un piacere, leggere in compagnia è divertente. Questo è il motto dei Silent Book Club: ritrovi dove si legge in silenzio e in compagnia. E si socializza, se si desidera: per i lettori più introversi e timidi è un’occasione per incontrare altri lettori senza forzature.

Funziona in modo molto semplice: ciascuno porta il suo libro, si fanno quattro chiacchiere e poi si legge in silenzio. Ognuno con il suo libro, ma insieme. L’idea è di rilassarsi, stare bene, trovare un momento per se stessi ma insieme agli altri. Un bicchiere di vino, un the o una tisana incoraggiano anche i lettori più timidi. Non ci sono iscrizioni, tessere, libri assegnati da leggere. Soprattutto, non bisogna essere per forza “brillanti”.

Silent Book Club è nato negli Stati Uniti nel 2012 per iniziativa di Guinevere de la Mare e Laura Gluhanich ed ormai è un movimento mondiale. Ogni Silent Book Club è un capitolo – chapter – di un libro che si scrive leggendo. Anzi, leggendolo insieme.

È un modo un po’ speciale di promuovere la lettura, perché mette al centro le persone. Abbiamo bisogno di incontrarci, stare insieme e di vivere insieme momenti anche piacevoli. I lettori poi, si sa, sono sempre alla caccia di consigli, novità, indicazioni, sbirciano, chiedono… “Cosa leggi di bello?”, si domandano. Eppure la lettura è sempre rappresentata come un’attività da solitari. Un esempio? I siti di fotografie: centinaia di foto, praticamente nessuna che ritragga due persone che leggono insieme; lettrici e lettori hanno sempre un’aura fra il romantico e l’eroico. “Strana gente”, scrive Ben Okri. Forse anche questo allontana dai libri gli adolescenti, che hanno una gran voglia di stare insieme agli altri, in gruppo.

I lettori silenziosi si incontrano in librerie, caffè, biblioteche, ristoranti, spazi di ogni genere, al chiuso o all’aperto. Di solito viene scelto un luogo fisso, ma molti organizzano appuntamenti in vari punti della città. I Silent Book Club nel mondo sono più di cento: negli Stati Uniti ma anche in India, Sud Africa, Bulgaria, Francia, Malesia, Israele, Inghilterra, Olanda, Lussemburgo, Tailandia.. In Italia sono al momento quattro, di cui due in Piemonte: lo storico Silent Book Club Corbetta (Milano), Silent Book Club Montrigiasco (Novara), Silent Book Club Padova e il neonato Silent Book Club Mergozzo (Verbano-Cusio-Ossola  ), che ha scelto una formula un po’ particolare: non ha una sede fissa, ma organizza incontri in luoghi e belli e accoglienti della zona, quando possibile anche all’aperto.

Il format tipico è di due ore, ad esempio:
18.00-18.30: arrivi, prendi un bicchiere, fai due chiacchiere
18.30-19.15 : si legge, in silenzio
19.30-20.00: ancora quattro chiacchiere. O leggi ancora un po’…

Scrivere un nuovo capitolo, lanciare un Silent Book Club è facile: qui si trovano indicazioni e consigli (in inglese).

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Esplosione a Beirut: i nuovi retroscena – Io Non Mi Rassegno #196

|

L’ecovillaggio Torri Superiore, il cantiere del vivere sostenibile che ha fatto la storia – Io faccio così #295

|

Elena e Sara: la rivoluzione degli abiti usati per “riformare” il sistema moda

|

Il cammino delle panchine invita le persone a sostare su ciò che è importante

|

A Palermo i ragazzi del carcere minorile ripartono dai biscotti

|

Piccole scuole e piccoli comuni? Creiamo un’allenza educativa virtuosa

|

Come creare una società più equa e collaborativa nella ripresa post Covid-19?

|

Nocciola Italia: contadini e cittadini contro l’avanzata delle monoculture