16 Dic 2019

A Roma i turisti cenano con i rifugiati per scambiare storie e segreti di cucina

Scritto da: Redazione

Nato con l'idea di promuovere l'integrazione sociale tramite la cucina, il ristorante etico ed etnico Gustamundo propone ora ai turisti italiani e stranieri in visita a Roma esperienze culinarie e d'incontro con gli chef rifugiati. Ogni cena diventa così un'occasione per condividere storie, sogni e segreti di cucina.

Il Ristorante etnico ed etico “Gustamundo” ha lanciato un nuovo servizio dedicato ai turisti presenti nella Capitale: si tratta di “esperienze culinarie e d’incontro”, a tu per tu con i suoi Chef rifugiati. Un’occasione unica per dare al proprio viaggio un valore nuovo: attraverso il cibo ed il racconto, si accresce la conoscenza dell’Altro e le distanze di riducono. Il locale si trova in prossimità della stazione metropolitana “Valle Aurelia” e a due passi dai Musei Vaticani.

Ad accogliere i turisti ci sono: Buba, 36 anni, Gambia e Jafar, 21 anni, Iraq. Per gli ospiti è possibile scegliere tra due opzioni di menù: vegetariana o con carne. In cucina, i tre Chef migranti: Ilyas (Pakistan), Amona (Somalia), Moustafa (Siria). Creme morbide, dadolate colorate e un mix perfetto di note dolci e speziate per incantare con i sapori del mondo i palati più curiosi ed esigenti. 

Al momento del dolce, si aggiunge qualche sedia al tavolo e inizia lo scambio di storie, sogni lasciati alle spalle e prospettive future. I turisti si presentano, condividono l’esperienza di viaggio. Gli Chef raccontano l’idea da cui nasce “Gustamundo”: ossia quella di promuovere l’inclusione lavorativa delle Persone rifugiate nel settore della ristorazione, contrastando l’isolamento e l’emarginazione. Poi, i risultati sinora raggiunti e gli obiettivi per gli anni a venire, come Persone e come team di lavoro. 

 «Le attrazioni a Roma sono infinite, ma ci sono tanti modi di viaggiare: il turismo consapevole e solidale, ad esempio, sta prendendo sempre più piede non solo in Italia. L’immigrazione e l’accoglienza sono due realtà che caratterizzano fortemente la Capitale: sedersi a tavola e conversare con chi ce l’ha fatta in termini di rinascita ed integrazione, significa uscire dal mainstream continuando ad accrescere la propria conoscenza oltre che la propria umanità» ci racconta Pasquale Compagnone.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

«Un’esperienza unica! Una fonte d’ispirazione per tutti. Abbiamo avuto la fortuna di incontrare Buba, uno dei nostri Chef che viene dal Gambia. Ha condiviso con noi il viaggio verso l’Italia, arduo e durato un intero anno, e il suo desiderio di tornare in futuro nel suo paese per aiutare la famiglia e la comunità di origine anche grazie alle competenze professionali apprese qui. Abbiamo imparato molto anche sul suo Paese: lo sapete che in Gambia cucinano tutto con burro di noccioline?» racconta Nicole, originaria di Hong Kong ma residente a Boston (USA). Per Cindy, da Dallas (Texas), una “eye-opening experience” attraverso cui si diventa più consapevoli ed anche più grati.

Le esperienze dedicate ai turisti sono gestite dagli Chef e dallo Staff “Gustamundo” in tre lingue (italiano, inglese e francese) e la durata media è di due ore. È possibile prenotare la cena solidale all’indirizzo: info@gustamundo.it

Il progetto “Gustamundo” nasce con l’idea di proporre integrazione economica e sociale tramite la “cucina”. Con la collaborazione di molti centri di accoglienza e di alcune onlus, Gustamundo organizza cene multietniche preparate da uomini e donne provenienti dai paesi più disagiati. Non solo occasione di scambio culturale e confronto, quindi, ma un’iniziativa di sostegno vero e proprio, con la volontà di includere e offrire opportunità lavorative. Tra il 2017 e il 2018 Gustamundo ha rilasciato circa 170 CUD.

Articoli simili
Musicainsieme a Librino: nella periferia catanese è la musica che “salva” i giovani
Musicainsieme a Librino: nella periferia catanese è la musica che “salva” i giovani

Eufemia: quando l’inclusione sociale passa per una moltitudine di attività sostenibili e interculturali
Eufemia: quando l’inclusione sociale passa per una moltitudine di attività sostenibili e interculturali

La Mia Banda è Pop: la devianza giovanile si combatte attraverso cura e giustizia riparativa
La Mia Banda è Pop: la devianza giovanile si combatte attraverso cura e giustizia riparativa

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Quei migranti che non fanno notizia – #551

|

“Siccità è crisi climatica”: la protesta degli attivisti di Extinction Rebellion contro le scelte della politica

|

Il Fuoco, l’elemento sacro di consapevolezza per sé stessi e per il mondo

|

Ecoistituto Siciliano, valorizzare il territorio e le comunità locali attraverso la cultura della sostenibilità

|

In Calabria arte e cultura per combattere l’oicofobia, la paura di casa

|

Ortika, la moda etica e circolare che si ispira alla natura, dove gli scarti non esistono

|

Nella casa circondariale di Siracusa l’Arcolaio sperimenta modelli innovativi di economia sociale

|

Anche Roma sta cambiando grazie ai principi della decrescita felice