12 Feb 2020

Dal giro del mondo all’ecoturismo in Sardegna: la nuova vita dei CycloLenti

Scritto da: CycloLenti

Cambiare vita per mettere al centro la passione per i viaggi e la sostenibilità. Dopo aver girato il mondo in bicicletta con la sua compagna, Marco Buonomo è tornato in Italia ed è andato a vivere in Sardegna dove ora collabora con Sardaigne en Liberté, un tour operator sardo-francese che promuove un turismo eco, equo ed etico.

Sardegna - “Se potessi scegliere il lavoro ideale per me, come sarebbe?”. È una domanda che non mi sono mai posto perché il concetto stesso di scelta non era mai approdato nella mia mente, almeno fino a 30 anni, quando arriva, precoce, la mia crisi di mezza età. Per una serie casuale di eventi sincronici, nel giro di pochissimi mesi, perdo il lavoro, la casa, l’auto e pure la compagna. Crisi o opportunità? Disperazione o gioia? Torno a fare quello che facevo prima oppure approfitto delle congiunzioni astrali per dare una svolta diversa alla mia vita? Per mia fortuna, scelgo quest’ultima ipotesi, lascio il certo per l’incerto, inforco una bicicletta e parto per mete a me sconosciute (qui abbiamo raccontato le avventure di viaggio dei CycloLenti).

cyclolenti 1
Marco e Tiphaine durante il loro viaggio in giro per il mondo

Torno 3 anni e 3 mesi dopo, con occhi nuovi per guardare il mondo ed una barba lunga da far impallidire i talebani. La carriera da uomo d’affari, la cravatta e la vita a Milano appartengono alla mia vecchia pelle. Come un pittore dipingo la mia nuova vita, ben consapevole che è la mia la mano che impugna il pennello. Ora, il mio quadro non conosce più confini e c’è spazio per tutto ciò che la mente può immaginare. Tratteggio un luogo in cui mi possa perdere nella natura, un’abitazione minimal e in movimento, un terreno, un orto e un lavoro che incarni i miei principi e le mie passioni. Sto sognando? Mi do da fare e non smetto di sognare fino a quando l’immaginazione prende forma. La Sardegna diventa la mia terra, una barca a vela il mio tetto temporaneo e l’eco-turismo il mio nuovo ambito lavorativo.

Il viaggio in bici mi ha arricchito molto e al rientro rifletto a lungo su come condividere gli ingredienti fondamentali di questo mix: natura, sostenibilità, ritmo lento e scoperta delle culture locali. Il cammino mi viene incontro conoscendo Jean-Luc, un francese di mezz’età sposato con un’ogliastrina. Anche lui, come me, ha compreso l’importanza di rallentare, assaporare la vita e rispettare la natura. Anche lui, come me, è stregato dalla Sardegna. Anche lui, come me, lascia il certo per l’incerto e abbandona il suo vecchio lavoro d’ufficio per dedicarsi completamente ad una nuova entusiasmante impresa: Sardaigne en Liberté, un tour operator sardo-francese che promuove un turismo eco, equo ed etico.

sardaigne en libertè
Foto di Beniamino Lai tratta dalla pagina Facebook di Sardaigne en Libertè

Il connubio è inevitabile e uniamo le nostre energie ed i propri ingredienti per creare itinerari che mettano al centro l’ascolto dell’uomo e della natura: in compagnia degli asinelli sardi, a piedi, in bici o in barca a vela, vacanze fuori dai circuiti di massa e dai ritmi lenti che permettono di trascorrere alcuni giorni nella Sardegna più autentica.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Insieme, disegniamo tour tenendo bene a mente il rispetto dell’ambiente, delle tradizioni e il coinvolgimento degli attori e comunità locali. Per questo motivo:

  • Scegliamo solo cibo biologico e a chilometro zero,
  • Puntiamo a ridurre al minimo il nostro impatto evitando rifiuti superflui,
  • Proponiamo azioni partecipate per la compensazione della CO2,
  • Valorizziamo le antiche pratiche, come quelle pastorali della Transumanza,
  • Optiamo di alloggiare in alberghi diffusi, piccoli, a gestione familiare o rifugi in montagna,
  • Prediligiamo gruppi di piccole dimensioni (8 persone),
  • Ci avvaliamo di professionisti del turismo sostenibile del luogo.

Fare impresa in maniera responsabile, sostenibile e in linea con le mie passioni e principi è diventata la mia realtà, eppure era solo un sogno! E se anche tu potessi scegliere il lavoro ideale, come sarebbe?

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Una Web App per esplorare gli ecomusei
Una Web App per esplorare gli ecomusei

Un'intervista rilasciata a Pressenza

Si conclude la prima parte di IT.A.CÀ, il festival del turismo responsabile
Si conclude la prima parte di IT.A.CÀ, il festival del turismo responsabile

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa più rumore un albero che cade di una foresta che cresce – #455

|

Peste suina: scatta la ribellione contro l’obbligo di macellazione indiscriminata

|

FabLab Imperia: la tecnologia apre le porte alla condivisione dei saperi

|

La ragazze di Lokall: “Rendiamo il cibo biologico alla portata di tutte le tasche”

|

Risacca: dall’idea di tre giovani, il primo laboratorio per riciclare le reti di plastica!

|

Tassonomia UE: no al greenwashing su gas fossili e nucleare

|

art+b=love(?), il festival di Sineglossa che attraverso l’arte disegna un mondo sostenibile

|

PachaMama: “Grazie alla pet-therapy dono una seconda vita ad animali abbandonati”