18 Mag 2020

Imprese alla riapertura: trasparenza e gioco di squadra per ripartire in modi nuovi!

Scritto da: Ilaria Magagna e Gloria Bettini

Con la riapertura degli esercizi commerciali inizia oggi una "nuova normalità" e per molte imprese si avvia una nuova fase. Cosa ha insegnato alle imprenditrici e agli imprenditori questo periodo di chiusura? Ne parliamo in questo nuovo articolo della rubrica “Verso le im-prese del futuro” a cura di TARA facilitazione, Piano Bis e Italia che Cambia.

Non abbiamo più tempo, né energie, né soldi per farci la guerra. Le vacche grasse sono dimagrite e i buoi sono scappati a causa del Covid-19 (qualcuno anche prima). E quindi? E quindi oggi serve pensarsi come impresa in una dimensione “aperta”, che tiene conto del suo eco-sistema, che valorizza e gioca di squadra con i suoi stakeholders.

Come sono le relazioni con i nostri clienti? Come ci troviamo con i nostri fornitori? Come possiamo migliorare le interlocuzioni con banche e Pubblica Amministrazione? Oggi la partita della competitività si gioca a porte aperte, in squadra con chi apporta e riceve valore dalla nostra organizzazione.

3.stakeholders

È un tema strategico e – non nascondiamocelo – anche squisitamente economico-finanziario: più lavoriamo bene insieme, più ci sentiamo bene aumentando la produttività e garantendo un sistema che funziona e genera liquidità nel suo insieme, per tutti.

Ora lo sappiamo cosa state pensando: “Povere illuse, ma non sanno come funziona in realtà lì fuori?”. Lo sappiamo benissimo, lo vediamo e lo viviamo tutti i giorni sulla nostra pelle e lo sentiamo dai racconti dei nostri clienti. Quello che vi proponiamo oggi è un nuovo modo di intendere queste relazioni. Da dove partire? Dalla trasparenza. Quella della nostra azienda prima di tutto.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Come possiamo essere davvero trasparenti con fornitori, clienti, banche e PA? Dando una rappresentazione realistica della nostra realtà oggi. Raccontando come siamo e dove vorremmo andare… con loro! Come raccontarlo? Attraverso la realizzazione di un nuovo business plan post-Covid19.

Un business plan partecipato, che trae energia e contenuti dalle contaminazioni con gli attori del nostro ecosistema. Ora più che mai abbiamo bisogno di nuove idee e feedback (per sapere cosa intendiamo per feedback clicca qui), nuovi prodotti e servizi, di accelerare l’innovazione e questo può avvenire solo collaborando e facendolo insieme. E abbiamo bisogno di fare i conti, ma non ciascuno nel suo piccolo. Vanno salvate intere filiere produttive e commerciali.

workplace 1245776 1920

Mettiamoci noi per primi in gioco. Chiediamo ai nostri stakeholder di “partecipare al nostro modello di business”, senza paura di scoprire anche i nostri punti di debolezza e le vulnerabilità.

Perché in fondo le organizzazioni sono fatte di persone e le persone, in questo periodo, si sono scoperte fragili. Desiderose di nuovi modelli sostenibili, aperti, inclusivi… insomma: anti-crisi. Che si può superare solo amandoci, in assoluta trasparenza.

Amare i nostri stakeholder significa imparare a mettersi nei loro panni, essere aperti e curiosi circa i loro valori, i loro bisogni. Porre domande come “Di cosa hai bisogno da me per rispondere pienamente al tuo scopo come impresa?” “Quali sono i valori che ti guidano? E come posso aiutarti attraverso il mio lavoro e i miei miei servizi a renderli tangibili?” e attraverso queste domande scoprire che possiamo ampliare il nostro campo d’azione, possiamo farci contaminare e contaminare a nostra volta.

Cominciamo quindi con l’introdurre nelle nostre organizzazioni parole nuove come amore e felicità. Parole che fino ad oggi erano riservate alla nostra vita privata, alle nostre relazioni sociali. Usare parole nuove ci permette di dar vita a nuovi mondi, nuovi modi di fare le cose di cui abbiamo profondamente bisogno.

Riavviciniamo i nostri modelli di business alla vita, a ciò che ci fa vivere con un senso di pienezza e connessione così da riprendere quei legami troppo spesso spezzati tra vita e lavoro. In questo modo possiamo generare benessere reale all’interno delle nostre imprese, con i nostri collaboratori e con la rete di fornitori, clienti, partner.

Articoli simili
Smart working, south working, nomadismo digitale: la nuova era del lavoro è già iniziata
Smart working, south working, nomadismo digitale: la nuova era del lavoro è già iniziata

Pnrr: nominati i commissari grandi opere, ma alcuni sono sotto processo
Pnrr: nominati i commissari grandi opere, ma alcuni sono sotto processo

Pierpaolo: “Nel giorno della festa del lavoro vi racconto la mia vita da rider”
Pierpaolo: “Nel giorno della festa del lavoro vi racconto la mia vita da rider”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Tremendo terremoto in Afghanistan – #548

|

Parte The Climate Route: oggi i primi passi della spedizione che vuole testimoniare il cambiamento climatico

|

Riabitare un borgo abruzzese: NEO lancia l’appello per nuove esperienze ospitali

|

Siccità: il Piemonte ha sete e chiede lo stato di calamità

|

Ripopolare i borghi: oltre l’utopia ci sono litigi, problemi e possibili soluzioni

|

In Puglia insieme alla Fondazione Vincenzo Casillo alla scoperta del territorio che cambia

|

Cuoche combattenti, il laboratorio culinario dove le donne vittime di violenza riprendono in mano la loro vita

|

L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk