Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
28 Mag 2020

Quali sinergie per un domani sostenibile? Una diretta resistente su ambiente e futuro!

Scritto da: Redazione

Una giornalista, un manager e due attivisti insieme per parlare di ambiente e futuro. Sinergie possibili? Ecco il video dell'incontro organizzato da Aware - Bellezza resistente al quale ha partecipato per Italia che Cambia Alessandra Profilio.

Il momento di crisi sanitaria, ambientale ed economica che stiamo vivendo può rappresentare l’opportunità per costruire un futuro più sostenibile a partire dalla responsabilità individuale e collettiva che tutti siamo chiamati ad assumerci: giornalisti, attivisti, aziende e istituzioni. Ognuno può fare la propria parte, promuovendo un confronto costruttivo anche tra realtà diverse e apparentemente lontane fra loro, come il mondo delle imprese e quello dell’attivismo ambientale.

Questi i temi al centro dell’incontro organizzato da Aware – Bellezza Resistente e al quale hanno preso parte Alessandra Profilio, direttrice responsabile di Italia che Cambia, Paolo Pietrogrande (partner di Netplan Management Consulting, già ad di Enel Green Power), Gianluca Esposito (Extinction Rebellion, Venezia) e Giulio Condorelli (Fridays For Future, Salerno).

«Vorrei ringraziarvi a nome di tutta la squadra Aware per la diretta di ieri e il valore che avete condiviso – ha detto Guglielmo Rapino, tra gli organizzatori dell’incontro e autore di alcuni articoli pubblicati su Italia che Cambia – Credo che l’essere provenienti da ambienti completamente diversi abbia dato uno spirito davvero stupendo alla discussione».

Leggi le interviste di Aware agli ospiti della diretta:

Ribellarsi all’estinzione: la disobbedienza civile nonviolenta di Extinction Rebellion

Dare anima alle aziende, la versione di Paolo Pietrogrande

Raccontare l’Italia Che Cambia: l’intervista alla direttrice Alessandra Profilio

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Sgomberato il Cinema Palazzo! – Io Non Mi Rassegno #262

|

Il sogno di due giovani del Casentino diventa esempio virtuoso per le acquacolture nel mondo

|

L’aranceto di La Spezia che valorizza una tradizione dimenticata

|

Il Piemonte propone una tassa ai colossi del web per aiutare le piccole attività

|

I soldi danno la felicità

|

I ripopolanti della Val Taverone danno vita a una nuova comunità nella natura

|

Felcerossa, la casa di paglia dove si sperimenta il vivere sostenibile in autosufficienza – Io faccio così #308

|

Come potrebbero diventare l’Italia e il mondo dopo la pandemia?