16 Giu 2020

A tu per tu con i giornalisti di Italia che Cambia. Informazione e responsabilità in un mondo complesso

L'estate è alle porte e prima di mandare in vacanza alcuni dei suoi eventi live la redazione di Italia che Cambia ha deciso di proporre un incontro in diretta “a tu per tu” tra i suoi giornalisti ma soprattutto aperto alle vostre domande, curiosità, critiche e suggestioni sul nostro lavoro e sul giornalismo oggi, tra pandemie, rischio estinzioni e visioni/azioni per il futuro. Vi aspettiamo giovedì 18 alle ore 10.30 sui nostri canali Facebook e Youtube.

Come informare in modo responsabile quando si naviga nell’incertezza e nella complessità di un mondo in costante mutamento? Che ruolo può avere il giornalismo nella costruzione di un nuovo immaginario e come promuovere lo spirito critico a partire dalle nuove generazioni? Cosa abbiamo imparato come persone e come giornalisti dall’emergenza covid e in che modo la nostra redazione si è attivata per trasformare questa crisi in un’opportunità di crescita umana e professionale?

Ecco, questi sono solo alcuni degli interrogativi da cui prende vita l’evento live che abbiamo deciso di proporvi come momento di dialogo su una stagione particolarmente intensa, fuori e dentro Italia che Cambia.

youtube evento 18 giugno

Prima di mandare in vacanza alcuni dei nostri eventi live abbiamo deciso di “metterci la faccia” ancora una volta per un confronto informale tra di noi e con voi sui temi dell’informazione e della responsabilità, aprendoci alle nostre e alle vostre curiosità e domande sul lavoro della nostra redazione e sulle novità editoriali che vi abbiamo proposto dalla messa online del nostro nuovo sito.

Dalla rassegna stampa quotidiana di Andrea Degl’Innocenti alle favole di Emanuela Sabidussi, dalle interviste fuori dagli schemi di Matrix è dentro di noi condotte da Daniel Tarozzi alle interviste di Paolo Cignini nel salotto virtuale di A tu per tu, fino alla Bacheca appena inaugurata… Non vediamo l’ora di sentire la vostra e aspettiamo impazienti feedback, critiche e spunti il futuro! Vi aspettiamo giovedì 18 alle ore 10.30 sui nostri canali Youtube e Facebook.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Vuoi cambiare la situazione di informazione e comunicazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Giochi di luci e di ombre
Giochi di luci e di ombre

Ballottaggi: e ci ostiniamo a chiamarla maggioranza! – Aspettando Io Non Mi Rassegno #4
Ballottaggi: e ci ostiniamo a chiamarla maggioranza! – Aspettando Io Non Mi Rassegno #4

Daniel Tarozzi a Geo per parlare di Italia Che Cambia
Daniel Tarozzi a Geo per parlare di Italia Che Cambia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Germania, un governo “semaforo”? – #417

|

Il diritto dei bambini all’aria pulita: le strade scolastiche come antidoto a traffico e inquinamento

|

Fuga dalla città. Una seconda vita sulle colline piacentine

|

Assamil: una delle comunità più giovani d’Italia cresce e cerca una nuova casa

|

Re-sisters: l’arte e la cultura per dire no alla violenza sulle donne

|

Il primo Asilo nel Bosco altoatesino, dove le maestre sono la neve e la pioggia

|

La storia di Esma, il musicista che ha lasciato la città per vivere e cantare la campagna

|

Camilla Rossi, educatrice: “Attivismo quotidiano, educazione e messa in discussione per combattere la violenza contro le donne”