Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
24 Lug 2020

Il panettiere che ogni sera regala il pane a chi ne ha bisogno

Scritto da: Selena Meli

Fedele Termine è un panettiere di Caltanissetta che ogni sera lascia su una panchina davanti al suo negozio pane e altri prodotti per i bisognosi. Dalla sua iniziativa ha preso vita in città una grande rete di solidarietà che coinvolge anche i più giovani.

A Caltanissetta, in Sicilia, ogni sera accade un piccolo miracolo: una panchina si riempie di pane, biscotti, pizze e prodotti alimentari di ogni genere per i più bisognosi. Succede in Via Fra’ Giarratana, proprio di fronte al panificio “Il Pane” di Fedele Termine, fornaio originario di Ribera con una forte vocazione per il sociale, che ogni sera prima di chiudere la saracinesca del suo negozio prende il pane, le pizze e le focacce invendute e le ripone ordinatamente su una panchina a disposizione di chi ne ha bisogno, siano senzatetto in cerca di un pasto, migranti o famiglie in difficoltà. Insieme al pane, non fa mancare acqua, latte e latticini e salumi, uova, carne e frutta. Poi attacca sul muro un foglio, con scritto “buona cena”.

Fedele Termine

Il gesto, semplice e spontaneo, ha spinto amici e clienti a fare lo stesso, così il panificio di Fedele si è trasformato in poco tempo in un punto di riferimento per chi vuole donare viveri e beni di prima necessità, innescando una grande rete di solidarietà.

«L’idea della panchina è nata per aiutare una bambina in difficoltà, ci racconta Fedele. “Sua madre un giorno mi ha chiesto di regalarle del pane rimasto a fine giornata perché non poteva permettersi di dare da mangiare alla figlia. Le ho detto che le avrei lasciato un sacchetto sopra la panchina davanti al mio negozio, ma dal giorno dopo ho iniziato io stesso a consegnarglielo direttamente a casa e non ho più smesso, è diventata la mia missione»

Fedele, che nella vita ha sempre pensato ai più bisognosi, non si è fermato e ha creato il gruppo “I Ragazzi della notte”, coinvolgendo i clienti più giovani, habitué del cornetto notturno, nella raccolta e distribuzione della spesa a domicilio.

«Lo faccio perché il mio gesto sia d’esempio ad altri. Mi rivolgo soprattutto ai miei colleghi panificatori: donare qualche chilo di pane a fine giornata non costa nulla. Provate a farlo pure voi e vedrete come si sta a fare del bene». Una bella storia di solidarietà, da leggere e condividere.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

I tanti perché dell’attentato di Nizza – Io Non Mi Rassegno #242

|

Castagnatura ai tempi del Covid: la Festa del borgo di Raggiolo si sposta sul web

|

Chiude la cultura: le voci dei lavoratori dello spettacolo, tra sipari calati, sforzi vani e incertezze

|

L’appello di Laura, sorda dalla nascita: “Usate le mascherine trasparenti!”

|

La buona politica esiste! Marco Boschini e la rete dei Comuni Virtuosi

|

Gelso, la sartoria sociale che fa moda etica creando nuove opportunità di lavoro

|

Cittadini sostenibili: “Diffondiamo in città azioni e soluzioni concrete per vivere consapevolmente” – Io faccio così #305

|

Caccia: milioni di uccelli morti ogni anno per avvelenamento da piombo