3 Lug 2020

Sette produttori locali si uniscono e danno vita a un negozio-laboratorio a Km0

Un’associazione di produttori locali ha inagurato un negozio e laboratorio a Km 0 nel piccolo paese di San Piero in Frassino, nel comune di Ortignano Raggiolo. Il punto vendita valorizzerà le produzioni agricole e artigianali della Valle del Teggina, una valle laterale del Casentino.

Dal miele alle farine di canapa, dalle cipolle ai fagioli, fino a oggetti artigianali in legno. Sono solo alcuni dei prodotti proposti dal negozio e laboratorio a Km0 che ha aperto i battenti pochi giorni fa nel piccolo paese di San Piero in Frassino, nel comune di Ortignano Raggiolo.

A dar vita al negozio è stata l’Associazione Produttori Val Teggina Km0, una rete di produttori locali nata per la promozione delle tipicità del territorio e che oggi conta sette soci, i referenti delle seguenti realtà: Podere Pallereto di Sopra, L’Orto di Mary Poppins, Azienda agricola Andrea Giovannuzzi, Azienda agricola Roberta Asmodei, Azienda agricola Riccardo Giorgini, Giuseppe Giovannuzzi, Fonte a Mozzi soc. agricola.

produttori valteggina

«L’idea è nata da me e da un altro dei soci fondatori quando abbiamo trovato un ambiente idoneo da utilizzare come laboratorio e punto vendita, facendo dunque convergere qui la preparazione e la commercializzazione dei prodotti degli associati», ci ha spiegato Marina, referente dell’azienda agricola Podere Pallereto di Sopra e tra i soci dell’Associazione di produttori Val Teggina, una valle laterale del Casentino.

Attualmente il punto vendita è gestito da Marina e un altro socio dell’associazione ma anche gli altri soci si sono già mostrati interessati a portare qui le loro produzioni. «Una delle associate che diventerà a breve parte attiva è l’Orto di Mary Poppins che produce farine da grani antichi. Ci saranno anche dei prodotti artigianali, per la valorizzazione dell’artigianato locale. Ci sarà anche un altro socio che, oltre alla mia azienda, proporrà il suo miele qui nel negozio», continua Marina.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

L’inaugurazione si è tenuta il 28 giugno e al momento il negozio è aperto due pomeriggi la settimana.

negozio produttori valteggina
L’inaugurazione del negozio

«Il negozio-laboratorio a Km0 e la nostra associazione nascono per valorizzare le produzioni agricole e artigianali della Valle del Teggina facendo rete tra i soci produttori».

«Nel periodo di emergenza legato al coronavirus – continua Marina – la filiera alimentare è stata tra le poche ad andare avanti mostrando la sua importanza. La gente, inoltre, è sempre più attenta alla salubrità degli alimenti che consuma e c’è un interesse sempre maggiore verso l’alimentazione naturale».

IMG 20200703 WA0007

All’inaugurazione del negozio ha partecipato anche il sindaco di Ortignano Raggiolo Emanuele Ceccherini, che ha affermato: «Durante l’emergenza sanitaria i cittadini del comune di Ortignano si sono visti costretti a spostarsi fuori comune per fare la spesa visto che non avevamo nemmeno un alimentari nel territorio. Finalmente un segnale positivo, di rinascita».

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
XFARM chiama a raccolta hacker e contadini per ricostruire la comunità rurale
XFARM chiama a raccolta hacker e contadini per ricostruire la comunità rurale

Giovani in agricoltura: lo Stato vende e affitta le terre demaniali inutilizzate

Cura, rispetto e un mulino a pietra: i cereali della Fattoria di Selvoli
Cura, rispetto e un mulino a pietra: i cereali della Fattoria di Selvoli

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Microfinanza: l’economia a misura di persona riparte dalla Calabria

|

In Sudafrica per proteggere gli animali: la storia di Alberto e Francesco

|

“È stregoneria”, ovvero come il colonialismo europeo ha cancellato millenni di storia africana

|

Maghweb: raccontare il cambiamento è parte integrante dell’azione sociale

|

La nuova vita di Claudio e Lara, custodi di un antico castagneto sul Pratomagno

|

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”