5 Ott 2020

Promuovere felicità e benessere: un workshop per studenti e cittadinanza

Felicità e benessere sono termini molto utilizzati, in modo non sempre pertinente, e spesso perdiamo di vista il loro più profondo significato. A Torino, il 23 ottobre, il Dipartimento di Psicologia e il Movimento Mezzopieno organizzano un workshop dedicato a studenti e cittadini, per affrontare il tema del benessere e della felicità.

Torino - Partire da una concezione scientifica e presentare i risultati che le scienze, in particolare psicologiche, hanno prodotto sul tema della felicità e del benessere. Questo è l’obiettivo del corso “Promuovere felicità e benessere: contesti e strumenti” che si terrà venerdì 23 ottobre dalle ore 9.00 alle ore 18.30.  

Proposto da Angela Fedi del Dipartimento di Psicologia e dal Movimento Mezzopieno, è pensato per promuovere lo scambio interdisciplinare, non soltanto presentando contenuti provenienti da discipline diverse, ma favorendo il dialogo e la riflessione congiunta di studenti afferenti a vari corsi di laurea legati a professioni che, in maniera più o meno diretta, incidono sul benessere delle persone. Parte del workshop sarà inoltre dedicata alla sperimentazione di alcune tecniche volte al miglioramento del proprio benessere.

Il workshop e i relatori

I destinatari saranno un massimo di 80 studenti/studentesse afferenti ai corsi di laurea triennali e magistrali di Unito (Dipartimenti di Psicologia e di CPS, Economia e Statistica, Neuroscienze, Studi Umanistici, Scienze Mediche, Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche). I partecipanti potranno seguire in modalità “in presenza”, oppure da remoto e gli interventi in plenaria verranno trasmessi in diretta streaming sul canale di UniTo e saranno dunque aperti anche alla cittadinanza. Il workshop prevede lezioni frontali (anche condotte da remoto), presentazione di esperienze, discussioni e lavoro in gruppo, componenti esperienziali.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

I Relatori saranno docenti afferenti a vari dipartimenti di UniTo e di altri importanti atenei italiani, professionisti che operano in vari settori (ambiente, educazione, famiglia, organizzazioni aziendali, comunità, comunicazione) e sarà presente un docente della Berkeley University, che terrà il suo contributo in teleconferenza. I lavori di gruppo vedranno la partecipazione di Davide Tamagnini (maestro), Gianluca Gobbi (giornalista radiofonico), Alessandro Mercuri (progetto Felicità Civica), Alice Franchina (KCity – Rigenerazione Urbana), Gabriella Rosone e Nicola Perella (Associazione Nexus), Luca Pereno (Leroy Merlin).

Ai partecipanti provenienti dai corsi di laurea in Psicologia che prenderanno parte ad entrambe le giornate verrà riconosciuto 1 CFU (dietro compilazione di un breve report in formato elettronico). È in corso la richiesta di accreditamento anche per altri corsi di laurea.

Contenuti e programma

Ore 9.00 – 9.30 – saluti istituzionali (Comune di Torino, Dipartimento di Psicologia) e apertura dei lavori

Ore 9.30 – 10.10 – Definire la felicità e il benessere (Prof.ssa Antonella Delle Fave, UniMi) – in remoto

Ore 10.10 – 10.50 – Felicità pubblica (Prof. Stefano Zamagni, UniBo) – in remoto

Ore 10.50 – 11.10 – pausa

Ore 11.10 – 11.50– Uno sguardo altrove (Prof. Salvatore Natoli, UniMiB) – in remoto

Ore 11.50 – 12.30 – Salute, benessere e malessere (Dott. Mirko La Bella, SIPNEI)

Ore 12.30 – 13.30 – pausa pranzo

Ore 13.30 – 14.10 – Ecologia dei fattori di influenza (prof.ssa Norma De Piccoli, UniTo)

Ore 14.10 – 15.40 – Declinare il benessere nei contesti di vita – Presentazione e avvio dei lavori di gruppo (Prof.ssa Angela Fedi, UniTo)

Ore 15.40 – 16.00 – pausa

Ore 16.00 – 16.40 – Il benessere in pratica e il progetto di auto-miglioramento (Mezzopieno)

Ore 16.40 – 18.00 – The science of a meaningful life (Dr. Emiliana Simon-Thomas, University of California, Berkeley) – in remoto

Ore 18.00 – 18.30 – Conclusioni (prof.ssa Daniela Converso, UniTo)

Il corso prevede un inquadramento della tematica attraverso la presentazione di contributi in modalità frontale, cui seguirà un approfondimento sulle declinazioni del benessere e della felicità in ambiti specifici, con la presentazione e discussione di esperienze.

Per maggiori informazioni consultare il sito di Mezzopieno.

Articoli simili
Orto Condiviso Vesuviano, dove si crea comunità e si recuperano antiche colture
Orto Condiviso Vesuviano, dove si crea comunità e si recuperano antiche colture

Da consulente legale a Milano a cooperante nella campagna congolese
Da consulente legale a Milano a cooperante nella campagna congolese

Bimbisvegli: uno sciopero della fame per salvare l’outdoor education nella scuola pubblica
Bimbisvegli: uno sciopero della fame per salvare l’outdoor education nella scuola pubblica

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Abusi edilizi: ecco cosa sta succedendo in Sicilia

|

Giufà come Godot: gli attori scendono dal palco e diventano attivisti

|

Orsigna Arum Festival: ritroviamoci nel bosco per rigenerare noi stessi e gli altri

|

Fra agroecologia e abitare sostenibile prosegue il percorso di Seminare Comunità

|

Utopie minimaliste: solo la consapevolezza può salvare il mondo dal collasso

|

Dal Giglio elle Eolie, buone pratiche e criticità delle isole minori italiane

|

Canapa industriale: perché in Italia siamo così indietro?