23 Apr 2021

I compiti della gentilezza: piccoli gesti per costruire benessere e socialità

Scritto da: Redazione

Piccoli compiti quotidiani che gli Insegnanti della Gentilezza assegnano ai loro alunni, con l'obiettivo di diffondere buone pratiche sociali, empatia, solidarietà e buon vivere nella scuola, nelle famiglie e nelle comunità. È l'iniziativa lanciata da Cor et Amor, associazione che coordina il progetto nazionale Costruiamo Gentilezza.

Per far si che la gentilezza diventi un’abitudine sociale diffusa nel giro di quindici anni, il progetto nazionale Costruiamo Gentilezza sta impiegando differenti “strumenti” a impatto sociale, come per esempio la Giornata Nazionale della Gentilezza ai Nuovi Nati, svoltasi il 21 Marzo, in occasione della quale 111 Comuni Italiani hanno accolto istituzionalmente 9438 nuovi nati nel 2020 nelle propri comunità.

Tra questi strumenti, da poco, su proposta dell’Insegnante per la Gentilezza Anna Franca Stefanelli di Porto Cesareo (LE), è stata pubblicata nell’archivio pubblico condiviso la buona pratica “i compiti della gentilezza”. Infatti sono già diversi gli insegnanti per la gentilezza, dalla scuola dell’infanzia all’università, che abitualmente assegnano dei compiti “speciali”, con lo scopo di accrescere la conoscenza e la pratica della gentilezza tra i propri alunni.

gentilezza

Per questa ragione si è voluto identificarli come “compiti della gentilezza”, che possono essere assegnati abitualmente dai docenti sia durante l’orario scolastico che a casa, per esempio nel fine settimana e nelle vacanze scolastiche. «Quando un adulto assegna un’esercitazione non può prescindere dal primo compito dell’educazione stessa: sostenere la crescita umana dei suoi ragazzi. È importante quindi incoraggiare abilità sociali trasversali, nella consapevolezza che preparare e abituare gli alunni alla gentilezza ha un’importante ricaduta sociale in termini di benessere, nel contesto scolastico, ma anche famigliare e della comunità locale», sostiene la psicologa Donata Dileo di Conegliano (TV), componente del Consiglio Direttivo dell’Associazione Cor et Amor, che coordina l’attuazione del progetto nazionale Costruiamo Gentilezza.

Poiché non esiste un prontuario ufficiale, con i “compiti di gentilezza” questa buona pratica resterà aperta alle idee, alla creatività, all’innovazione dei docenti e ai consigli dei genitori, che potranno condividere nuovi compiti scrivendo a buonepratiche@costruiamogentilezza.org. Le proposte inviate saranno pubblicate in un’area dedicata dell’Archivio online delle Buone Pratiche di Gentilezza, affinché possano essere riproposte o adattate dagli insegnanti a seconda dei bisogni o delle caratteristiche della classe. Alla stessa mail potranno essere inviati i risultati ottenuti.

Articoli simili
Nassa, la rete che “pesca” i giovani che si attivano per favorire il cambiamento
Nassa, la rete che “pesca” i giovani che si attivano per favorire il cambiamento

FabLab Western Sicily, la rete di innovazione digitale lanciata da una ragazza che è tornata nella “sua” Sicilia
FabLab Western Sicily, la rete di innovazione digitale lanciata da una ragazza che è tornata nella “sua” Sicilia

Asina Ke Legge, la libreria circolante che diffonde l’amore per la lettura
Asina Ke Legge, la libreria circolante che diffonde l’amore per la lettura

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

I programmi dei partiti ai raggi X – #585

|

Oggi “sciopero creativo” per il clima e per il futuro!

|

La Sicilia Che Cambia: vi raccontiamo cosa sta succedendo sull’isola!

|

Retake scende in campo per il World Cleanup Day: milioni di persone puliscono il territorio

|

Zō trasforma Catania in un centro internazionale della rivoluzione artistica e musicale

|

Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”

|

Impresa che cambia: scopriamo gli esempi virtuosi insieme ai loro protagonisti

|

Italia Che Cambia si presenta! Un viaggio lungo dieci anni per raccontare il cambiamento