9 Apr 2021

Joy News, il TG delle belle notizie parla di ricerca sulle malattie

Scritto da: Redazione

Joy News, il telegiornale delle belle notizie che cura l'infodemia – l'eccesso di fake news, che in tempi di covid affligge un po' tutti noi –, parla di incoraggianti esperienze nel tema delle malattie e della ricerca scientifica in occasione della Giornata mondiale del Parkinson.

Dal dicembre 2020 una carrellata di risate, gratitudine, gentilezza, abbracci, generosità, unione, sogni, genialità e tanto altro, nonostante i tempi difficili, è entrata nelle nostre case con Joy News, il Tg delle Belle Notizie ideato come antidoto all’infodemia da Covid 19 dal duo Angie&Andy, Teacher e Ambasciatori di Yoga della Risata nel mondo. Questi infatti alcuni dei temi finora protagonisti dell’innovativo format, il cui obiettivo è diffondere Gioia, un atto d’amore per l’umanità in questo momento così delicato, grazie al quale chiunque vorrà potrà diventare co-protagonista del cambiamento, sostenendo il crowdfunding attivo sulla piattaforma “Produzioni dal Basso”, in modo che sia possibile realizzare puntate per tutto il 2021.

Il duo Angie&Andy è formato da Angela Signorile e Andrea Pensini: partiti dalla risata anche in qualità di Vice Presidente e Presidente dell’Associazione Yorido, conducono oggi workshop di BenEssere in tutta Italia. L’appuntamento con Joy News – ideato per porre l’attenzione sulle cose belle che continuano a succedere ma che troppo spesso non notiamo a causa dell’eccesso di notizie spesso infondate, in gergo infodemia, di cui siamo oggetto dallo scoppio del Covid 19 – è fissato ogni sabato su Facebook e Youtube alle ore 12.00. Va inoltre in onda su Video Tolentino – Canale 14 il sabato alle ore 20.15 e la domenica alle ore 12.25 con repliche durante la settimana, e su Well TV– Canale 231 il venerdì alle ore 19.45.

angieandy2
Andrea Pensini e Angela Signorile

La puntata di domani accenderà i riflettori sul tema della Ricerca, in occasione della Giornata mondiale del Parkinson, una patologia neurodegenerativa che con il tempo diventa estremamente debilitante. Sarà raccontata la storia di Joy Milne, un’infermiera in pensione di Perth, in Scozia, che soffre di iperosmia, malattia per cui si ha un senso dell’olfatto più sviluppato. Un disturbo molto fastidioso che in lei si è trasformato in un’opportunità, quella di diagnosticare in maniera precoce alcune malattie, come è successo con il morbo di Parkinson che ha colpito suo marito. Già dodici anni prima della diagnosi, Joy aveva infatti cominciato a sentire in casa un fortissimo odore simile al muschio, che è stato poi ricollegato a questa malattia. Alla donna è stata quindi affiancata un’equipe di ricercatori dell’Università di Manchester per il progetto NoseToDiagnose, un test in grado di riconoscere con l’olfatto la malattia a uno stadio precoce, con l’odore di muschio da associarsi all’aumentata produzione di sebo. Seguendo la puntata si potrà scoprire come Joy sia stata poi in grado di riconoscere, da altri odori, anche altre patologie, così come anche in Italia la ricerca per la diagnosi precoce delle malattie sia stata ispirata dalla sua storia.

Il resto della puntata si concentrerà sul significato della ricerca rivolta a trovare belle notizie, secondo quella che è la missione del Joy News; in particolare l’esercizio della settimana sarà proprio legato a questo compito, con l’obiettivo di spostare il focus della propria attenzione, segnalando poi le notizie ai due conduttori. Mentre l’intervista doppia ad Angie&Andy approfondirà cosa significhi per loro seguire questa missione, in modo da diffondere un vento di leggerezza e positività.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Il format Joy News si basa su un tema intorno a cui si articola tutta la puntata, con varie rubriche appunto, che prevedono non solo le belle notizie, ma anche riflessioni e pratiche da esercitare per curare il proprio BenEssere, generando attraverso le parole e gli esercizi quella chimica positiva indispensabile per migliorare il nostro stato d’animo e rinforzare le difese immunitarie. I due vulcanici ideatori hanno già in mente tante altre belle storie, che però per essere raccontate hanno bisogno del sostegno di tutti. Una delle puntate finora più seguite è stata quella sull’Unione, in cui si narra la storia di Elena Cecchini, insegnante della scuola primaria di Riccione che qualche anno fa ha pensato un modo per coinvolgere tutti gli studenti della sua classe nel portare sostegno a un suo alunno che soffre di crisi epilettiche, ogni volta che ne viene colpito.

«Siamo enormemente grati a chi ha già scelto di diventare editore del Joy News, appoggiando con entusiasmo questo progetto destinato al Bene Comune», hanno dichiarato Signorile e Pensini. «Il nostro Tg è la testimonianza che, nonostante la pandemia, c’è ancora spazio per la Bellezza e per offrire delle soluzioni piuttosto che indugiare sui problemi. Vi invitiamo così a sostenerci, in modo da poter registrare puntate per tutto il 2021, diventando i co-protagonisti del cambiamento, secondo la frase di Gandhi “Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo”, che ci accompagna da anni».

Vuoi cambiare la situazione di informazione e comunicazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk
L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk

Informazione costruttiva: perché il giornalismo dovrebbe essere consapevole ogni giorno
Informazione costruttiva: perché il giornalismo dovrebbe essere consapevole ogni giorno

Il giornalismo che vorrei: ecco come le notizie fanno bene (o male) alla società
Il giornalismo che vorrei: ecco come le notizie fanno bene (o male) alla società

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Tremendo terremoto in Afghanistan – #548

|

Parte The Climate Route: oggi i primi passi della spedizione che vuole testimoniare il cambiamento climatico

|

Riabitare un borgo abruzzese: NEO lancia l’appello per nuove esperienze ospitali

|

Siccità: il Piemonte ha sete e chiede lo stato di calamità

|

Ripopolare i borghi: oltre l’utopia ci sono litigi, problemi e possibili soluzioni

|

In Puglia insieme alla Fondazione Vincenzo Casillo alla scoperta del territorio che cambia

|

Cuoche combattenti, il laboratorio culinario dove le donne vittime di violenza riprendono in mano la loro vita

|

L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk