29 Ott 2021

Calce e canapa: la bioedilizia si fa strada con soluzioni ecologiche ed efficienti

Scritto da: è nostra

Una tecnica costruttiva fondata su materiali semplici ed ecologici che garantisce un elevato comfort abitativo e un notevole risparmio dei costi energetici. Reduce dal SAIE 2021 di Bari, ènostra fornisce una panoramica sulle abitazioni in calce e canapa e sui vantaggi che comporta.

Il settore dell’edilizia sta manifestando negli ultimi anni un orientamento “green”, dettato prevalentemente da esigenze commerciali e normative. Le strategie di sviluppo infatti non sono sorrette nella maggior parte dei casi da una reale volontà di conversione ecologica del sistema, bensì rispondono a lecite logiche di mercato offrendo prodotti sostenibili ma non ecologici.

In sintesi, non pongono al centro della loro offerta tecnica le esigenze di comfort e salute dell’uomo e della natura. In particolare i maggiori player del settore, spinti dalle richieste di “risparmio energetico”, propone abitazioni che diventano dei contenitori ermeticamente sigillati che dipendono da sistemi tecnologici e macchinari ad elevata complessità.

Ci sono invece delle tecnologie costruttive che vengono incontro alle esigenze dettate da una maggiore efficienza energetica e nel contempo propongono ambienti sani e salubri, in cui i materiali utilizzati sono esclusivamente naturali, senza alcuna aggiunta di componenti chimici di sintesi o derivanti dal petrolio. Abbiamo potuto vedere direttamente una di queste nuove metodologie costruttive al SAIE, la fiera dell’edilizia che si è tenuta a Bari dal 7 al 9 ottobre scorsi: l’utilizzo di calce e canapa per realizzare abitazioni.

calce e canapa 1

Questa tecnica costruttiva presenta delle caratteristiche che la pongono al centro una bioedilizia salubre e sostenibile. Una casa realizzata in calce e canapa permette infatti un migliore comfort abitativo ed è protetta da sbalzi climatici. Temperatura e umidità sono sempre perfettamente regolate, in quanto questo materiale assorbe l’umidità ambiente e isola termicamente gli ambienti, e consente di respirare un’aria più salutare all’interno dell’abitazione, godendo dell’atmosfera domestica in ogni momento della giornata e in qualsiasi stagione dell’anno.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

La calce e canapa sono elementi naturali e la costruzione viene realizzata su un telaio di legno o acciaio con completa assenza di cementi. Inoltre la coltivazione della canapa è notoriamente in grado di assorbire CO2 in quantità importanti e lavorarla richiede un basso impiego di energia grigia.

La miscela di calce e canapa è in grado di assorbire, proprio per sua natura, la CO2 ambiente, rendendo di fatto gli ambienti più salubri e confortevoli. Senza contare che le parteti di questo materiale, oltre a isolare termicamente, assorbono i rumori. Infine, due caratteristiche tecniche non da poco: il materiale pesa circa il 40% in meno di un comune manufatto in mattoni e cemento ed è completamente antisismico, adattandosi molto bene a molte realtà del nostro Paese.

Una casa di calce e canapa è dunque ecologica, naturale e permette di vivere in ambienti più sani. Senza contare che alcune esperienze viste a Bari permettono un risparmio in termini economici sui costi di riscaldamento e raffrescamento significativi. Se poi alla costruzione in calce e canapa aggiungiamo dei pannelli fotovoltaici e magari una fornitura di elettricità con ènostra, potremmo dire di abitare in una vera casa passiva, naturale e attenta all’ambiente.

Articoli simili
“La ristrutturazione in bioedilizia è un passo fondamentale per il cambiamento” – Io rifaccio casa così #8
“La ristrutturazione in bioedilizia è un passo fondamentale per il cambiamento” – Io rifaccio casa così #8

Il Filo di Paglia: che effetti ha la crisi energetica su una struttura costruita in bioedilizia?
Il Filo di Paglia: che effetti ha la crisi energetica su una struttura costruita in bioedilizia?

Bioedilizia: ecosostenibilità e benessere in casa
Bioedilizia: ecosostenibilità e benessere in casa

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Tremendo terremoto in Afghanistan – #548

|

Parte The Climate Route: oggi i primi passi della spedizione che vuole testimoniare il cambiamento climatico

|

Riabitare un borgo abruzzese: NEO lancia l’appello per nuove esperienze ospitali

|

Siccità: il Piemonte ha sete e chiede lo stato di calamità

|

Ripopolare i borghi: oltre l’utopia ci sono litigi, problemi e possibili soluzioni

|

In Puglia insieme alla Fondazione Vincenzo Casillo alla scoperta del territorio che cambia

|

Cuoche combattenti, il laboratorio culinario dove le donne vittime di violenza riprendono in mano la loro vita

|

L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk