29 Ott 2021

Calce e canapa: la bioedilizia si fa strada con soluzioni ecologiche ed efficienti

Scritto da: è nostra

Una tecnica costruttiva fondata su materiali semplici ed ecologici che garantisce un elevato comfort abitativo e un notevole risparmio dei costi energetici. Reduce dal SAIE 2021 di Bari, ènostra fornisce una panoramica sulle abitazioni in calce e canapa e sui vantaggi che comporta.

Il settore dell’edilizia sta manifestando negli ultimi anni un orientamento “green”, dettato prevalentemente da esigenze commerciali e normative. Le strategie di sviluppo infatti non sono sorrette nella maggior parte dei casi da una reale volontà di conversione ecologica del sistema, bensì rispondono a lecite logiche di mercato offrendo prodotti sostenibili ma non ecologici.

In sintesi, non pongono al centro della loro offerta tecnica le esigenze di confort e salute dell’uomo e della natura. In particolare i maggiori player del settore, spinti dalle richieste di “risparmio energetico”, propone abitazioni che diventano dei contenitori ermeticamente sigillati che dipendono da sistemi tecnologici e macchinari ad elevata complessità.

Ci sono invece delle tecnologie costruttive che vengono incontro alle esigenze dettate da una maggiore efficienza energetica e nel contempo propongono ambienti sani e salubri, in cui i materiali utilizzati sono esclusivamente naturali, senza alcuna aggiunta di componenti chimici di sintesi o derivanti dal petrolio. Abbiamo potuto vedere direttamente una di queste nuove metodologie costruttive al SAIE, la fiera dell’edilizia che si è tenuta a Bari dal 7 al 9 ottobre scorsi: l’utilizzo di calce e canapa per realizzare abitazioni.

calce e canapa 1

Questa tecnica costruttiva presenta delle caratteristiche che la pongono al centro una bioedilizia salubre e sostenibile. Una casa realizzata in calce e canapa permette infatti un migliore comfort abitativo ed è protetta da sbalzi climatici. Temperatura e umidità sono sempre perfettamente regolate, in quanto questo materiale assorbe l’umidità ambiente e isola termicamente gli ambienti, e consente di respirare un’aria più salutare all’interno dell’abitazione, godendo dell’atmosfera domestica in ogni momento della giornata e in qualsiasi stagione dell’anno.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

La calce e canapa sono elementi naturali e la costruzione viene realizzata su un telaio di legno o acciaio con completa assenza di cementi. Inoltre la coltivazione della canapa è notoriamente in grado di assorbire CO2 in quantità importanti e lavorarla richiede un basso impiego di energia grigia.

La miscela di calce e canapa è in grado di assorbire, proprio per sua natura, la CO2 ambiente, rendendo di fatto gli ambienti più salubri e confortevoli. Senza contare che le parteti di questo materiale, oltre a isolare termicamente, assorbono i rumori. Infine, due caratteristiche tecniche non da poco: il materiale pesa circa il 40% in meno di un comune manufatto in mattoni e cemento ed è completamente antisismico, adattandosi molto bene a molte realtà del nostro Paese.

Una casa di calce e canapa è dunque ecologica, naturale e permette di vivere in ambienti più sani. Senza contare che alcune esperienze viste a Bari permettono un risparmio in termini economici sui costi di riscaldamento e raffrescamento significativi. Se poi alla costruzione in calce e canapa aggiungiamo dei pannelli fotovoltaici e magari una fornitura di elettricità con ènostra, potremmo dire di abitare in una vera casa passiva, naturale e attenta all’ambiente.

Articoli simili
Costruire sostenibile: l’esperienza dell'”agriarchigiano” di La Spezia
Costruire sostenibile: l’esperienza dell'”agriarchigiano” di La Spezia

Come rendere una vecchia casa ecosostenibile con pochi soldi

Futurando: la bioedilizia al centro del festival della sostenibilità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Tutta Europa a rischio black-out – #421

|

Creative Mornings Ancona: incontrarsi a colazione e parlare di… – Io Faccio Così #336

|

La Dog Therapy arriva tra i banchi di scuola per donare il sorriso ai bambini

|

Piantare una food forest per seminare il futuro di una comunità

|

2021 anno boom del turismo a piedi: ecco l’identikit del camminatore tipo

|

Un mercato contadino biologico diventa un’agorà per fare “agricultura” in città

|

La storia di cinque “Donne di Terra” che hanno deciso di cambiare vita nel Sud Italia

|

Irene Borgna e i suoi cieli neri: “L’inquinamento luminoso ci ha rubato le notti”