16 Mar 2022

Mirafiori, il quartiere che “cura” la comunità contrastando povertà e disoccupazione

Scritto da: Lorena Di Maria

Nel quartiere di Mirafiori Sud, a Torino, diverse realtà hanno aderito a un Patto di Comunità per contrastare la povertà socio-economica e fornire agli abitanti di questa zona gli strumenti per essere autonomi e guardare con fiducia al futuro. Oggi hanno lanciato il progetto “ABILI-TiAmo Mirafiori”, che vuole aiutare 30 cittadini a realizzare i loro sogni e diventare parte di una cittadinanza consapevole delle proprie capacità lavorative e professionali.

Torino - Mirafiori è un quartiere di Torino: tra i suoi alti palazzi, i parchetti, i grandi viali che scandiscono la viabilità tra un isolato e l’altro, è la testimonianza di un’identità operaia e di una lunga storia che ci parla di fenomeni migratori legati al passato industriale della FIAT.

Qui da oltre dieci anni opera la Fondazione della Comunità di Mirafiori onlus, impegnata nello sviluppo e nella riqualificazione del quartiere di Mirafiori sud attraverso inclusione sociale e attività solidali. Oggi contribuisce a diversi progetti di riqualificazione urbana che stanno migliorando notevolmente la vita dei suoi abitanti e al tempo stesso cercando di dare una risposta ai fenomeni di disoccupazione, di diminuzione della popolazione residente e di bassi livelli di scolarità.

«Mirafiori Sud è un quartiere che negli ultimi decenni è stato oggetto di processi di rigenerazione urbana, ma continua a presentare alcune criticità significative, quali l’elevata densità degli edifici di edilizia popolare, la distanza rispetto ai servizi, una tendenza alla diminuzione della popolazione residente con tasso di disoccupazione in aumento, livello di scolarità mediamente basso e tasso di povertà maggiore della media cittadina. L’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19 ha inasprito, dal 2020, le situazioni di povertà cronica in quartiere, facendo al contempo emergere nuove condizioni di fragilità e disagio anche all’interno di quella fascia grigia».

ABILI TiAmoMirafiori
UN QUARTIERE CHE SI PRENDE CURA DEGLI ABITANTI

Tra le esigenze di chi vive questo quartiere troviamo le situazioni più disparate: c’è Elena, che ha 19 anni e che oltre alla ricerca di un lavoro vorrebbe prendere la patente; c’è Fabrizio, 46 anni e disoccupato, che vorrebbe imparare l’inglese; c’è Blessing, ragazza nigeriana che non è riuscita a far riconoscere la sua qualifica da infermiera; c’è Anna Maria, che non è ancora in pensione e vorrebbe continuare a lavorare nel suo settore ma le mancano le conoscenze informatiche; e poi c’è Abdel, che desidera prendere il patentino per la conduzione del muletto e del carretto elevatore per svolgere una nuova professione.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Desideri, sogni, obiettivi. Ciò che accomuna le loro storie è la medesima difficoltà a soddisfare le rispettive necessità e riuscire ad ottenere quell’autonomia lavorativa e professionale a cui puntano. Per questo motivo nel quartiere è partito “ABILI-TiAmo Mirafiori”, progetto che punta a fornire forme di sostegno agli abitanti e che siano efficaci sul lungo periodo.

Vogliamo da un lato aumentare le chances di inserimento lavorativo e la stabilità economica, dall’altra valorizzare le loro competenze e dare spazio anche ai loro sogni e desideri.

La missione è prendersi cura della propria comunità e per farlo è necessario innanzitutto contribuire a una cittadinanza consapevole delle proprie capacità, più sicura di sé, più serena e disposta a guardare al futuro con maggiore fiducia.

ABILI TiAmoMirafiori1
OFFRIRE UN AIUTO CONCRETO: DAI CORSI DI FORMAZIONE ALL’INSERIMENTO LAVORATIVO

L’obiettivo di ABILI-TiAmo Mirafiori è quello di offrire un aiuto concreto e su misura a persone in difficoltà economica tra i 18 e i 60 anni, aumentando le chances di inserimento lavorativo. E lo fa rivolgendosi a 30 persone in situazione di difficoltà, proprio come Elena, Fabrizio, Blessing, Anna Maria e Abdel. Ora il progetto ha lanciato una campagna su Produzioni dal Basso, piattaforma di crowdfunding e social innovation, con la quale è possibile fare una donazione per contribuire a questa iniziativa.

«Pur con uno sguardo attento alle emergenze mondiali in corso, ABILI-TiAmo Mirafiori vuole affrontare il tema della povertà con soluzioni di lungo periodo che vadano oltre la prima fase di accoglienza delle persone in difficoltà e che forniscano loro strumenti per raggiungere una maggiore autonomia economica e guardare con fiducia al futuro».

ABILI TiAmoMirafiori2
IL PATTO DI COMUNITÀ SULLA POVERTÀ SOCIO-ECONOMICA A MIRAFIORI

L’11 giugno 2021 è stata formalizzata con un Patto di Comunità la collaborazione tra Fondazione Mirafiori e diverse realtà del territorio come le Parrocchie di Beati Parroci, di San Barnaba, di San Remigio e Santi Apostoli con i loro Centri di ascolto Caritas, la Confraternita di San Vincenzo di San Barnaba, e l’Associazione Crescere Insieme. Insieme stanno collaborando per attivare strategie sempre più efficaci per contrastare la povertà socio-economica e superare insieme le sfide sociali.

In questo contesto ABILI-TiAmo Mirafiori, iniziativa promossa dagli enti aderenti al Patto di comunità, permetterà al Patto di realizzare un importante passo avanti e fornire alla popolazione in difficoltà economica strumenti di emancipazione, a fianco degli interventi comuni integrati con il sistema pubblico di contrasto alla povertà già in atto.

Per ulteriori informazioni sulla campagna di crowdfunding è possibile visitare l’annuncio su Produzioni dal Basso.

Articoli simili
La Scuolina, un modello virtuoso di accoglienza e integrazione

La Portineria di Comunità che aiuta il quartiere e “spaccia” cultura
La Portineria di Comunità che aiuta il quartiere e “spaccia” cultura

Mettersi nei panni dell’altro, il modo migliore per risolvere i conflitti
Mettersi nei panni dell’altro, il modo migliore per risolvere i conflitti

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Ufo, per il Congresso Usa sono un “pericolo nazionale” – #524

|

Stavolta tocca a noi. Emerging Communities sbarca a Mantova per scoprire Italia che Cambia

|

Dalle multinazionali alla terra, il ritorno di Nella De Vita in Calabria – Io Faccio Così #354

|

Vivere in barca vela con tre figli e un cane. Insieme nel bene e nel mare

|

Alla Piccola Ghianda Magica si gioca e si impara immersi in un bosco di tigli

|

“Non possiamo solo prendere”: quali passi per salvare la terra e il clima?

|

Una chitarra e zaino in spalla: il viaggio di Mosè, giovane musicista che promuove il cammino lento

|

MigrArt, sette anni di migrazioni raccontate da un collettivo artistico