15 Mar 2022

Neu [nòi]: il co-working in cui la condivisione cambia il volto della città

Scritto da: Alessia Rotolo

Dieci azioni per cambiare la città, una per ogni anno di attività sul territorio. È questo il regalo che lo staff del co-working Neu [nòi] ha deciso di fare a sé stesso e a Palermo, la città che lo ospita, per festeggiare il proprio decennale, sempre all'insegna della condivisione degli spazi e dei saperi e dell'innovazione sociale.

Palermo, Sicilia - Quando aprì nel gennaio del 2012, a Palermo non esistevano i co-working. Quello spazio e la nuova modalità di lavoro che proponeva fece da apripista a tutti gli altri che aprirono negli anni a venire. Neu [nòi] quest’anno festeggia i dieci anni di attività e lo fa nel modo che da sempre caratterizza il suo stile: con tante opportunità di crescita per la città e i suoi abitanti.

Michelangelo Pavia e Beppe Castellucci sono i fondatori di Neu [nòi]; prima di conoscersi ognuno aveva il proprio ufficio e i due si occupavano rispettivamente di architettura e di ingegneria. Nella pausa caffè si incontravano nel cortile comune e così giorno dopo giorno hanno imparato a conoscersi, sognando di progettare un nuovo modo di lavorare.

LA FONDAZIONE

Poi un giorno hanno deciso di farlo davvero e così hanno abbattuto fisicamente un muro e dato vita a Neu [nòi]. Il nome nasce da un ipotetico incontro tra un tedesco e un italiano: ognuno della sua lingua dice “noi” e all’incomprensione si sostituisce la fusione delle due parole, dando vita a “Nuovi noi”.

Michelangelo Pavia è milanese e nel 2010 si trasferisce a Palermo per ragioni puramente economiche: «La prima volta che sono arrivato in città c’era questo cielo blu e una luce bellissima che illuminava tutto – racconta –, il costo della vita era molto basso e poi non c’era l’offerta culturale che c’era a Milano. Sono convinto che sia più facile fare delle cose dove non c’è nulla, dove c’è sete di novità. Così dopo un viaggio di piacere sull’Isola ho deciso di trasferirmi a Palermo».

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Nello statuto di Neu [nòi] c’è scritto di che i soci si impegnano a svolgere attività gratuite per partecipare alla crescita culturale e civica della città. Così negli anni si sono trovati coinvolti in diversi processi, come quello che ha interessato la Favorita o quello relativo alla pedonalizzazione del centro storico.

Neu noi 1
LE ATTIVITÀ

Tanti gli strumenti messi a disposizione di tutti gratuitamente; uno dei più conosciuti in città è Sementor, il ciclo di incontri annuale che mette a disposizione saperi e professionisti per l’avvio di impresa. Quest’anno Sementor sarà dedicato al bando Resto al Sud ed è in partenza. Tutte le azioni che sono state intraprese in questi anni non hanno avuto alcun tipo di finanziamento – tranne Zero, la biblioteca delle cose che dentro Neu [nòi] ha una delle sue sedi, la seconda è booq.

Negli anni lo spazio è cambiato e anche i lavoratori che lo frequentano: «All’inizio avevamo solo una tipologia di abbonamento, quella canonica con postazione assegnata e spazio di archiviazione personale», racconta Michelangelo. «Poi nel tempo abbiamo capito che la gente voleva altro così a quella modalità abbiamo affiancato quella flex, con una sorta di abbonamento in biblioteca; poi c’è l’abbonamento giornaliero. C’è libero accesso alla cucina e alla sala riunioni, c’è un regolamento e tutti sono informati delle possibilità che hanno entrando a far parte della nostra squadra».

Da qualche anno anche a Palermo sono arrivati i nomadi digitali, che da Neu [nòi] si trovano molto bene «Abbiamo avuto gente proveniente da tutto il mondo, ma ci sono anche quelli che hanno scelto il Sud per lavorare. Con la pandemia si sono anche aggiunti i lavoratori in smart working, che non potevano frequentare il loro ufficio e a casa, non essendo attrezzati, non riuscivano a trovare la serenità giusta per lavorare. Insomma, negli anni abbiamo accolto non sono solo i liberi professionisti, ma le più svariate categorie lavorative. In questa compagine sono nate spesso sinergie tra i co-worker, collaborazioni e anche nuovi progetti e nuove idee».

«Io stesso in questi dieci anni ho imparato tante cose – continua Michelangelo – perché se c’è un problema o un dubbio ci si aiuta a vicenda e si cresce nelle proprie competenze. Io adesso lavoro pochissimo come architetto, ma sono diventato un consulente per le imprese, la mia professione si è evoluta insieme alle mie competenze». Per i dieci anni di Neu [nòi] il regalo hanno voluto farlo loro a Palermo, con dieci azioni – una al mese – che portano valore aggiunto allo spazio, ma anche a tutta la città.

Neu noi 2
LE AZIONI

La prima azione è stata quella di allargare l’associazione a più soci – ora sono dodici –, con una nuova squadra di persone pronta a prendersi cura del territorio. La seconda azione riguarda il co-working che si amplia: è la seconda volta da quando sono nati che abbattono muri, la prima per dare vita al co-working stesso e, adesso, per dotarlo di nuove postazioni, ma anche nuovi spazi di condivisione, soprattutto dedicati alla formazione. La terza azione è Sementor, che giunge così alla decima edizione.

Karasciò è la quarta azione: si tratta di un nuovo collettivo di professionisti al servizio delle piccole imprese che offre tanti servizi. La quinta azione sono una serie di mostre fotografiche dedicate al tema del lavoro a Palermo. La sesta azione riguarda Zero, la biblioteca delle cose dove è possibile prendere oggetti in prestito, che quest’anno si allarga con nuove cose e attrezzi.

Il nome nasce da un ipotetico incontro tra un tedesco e un italiano: ognuno della sua lingua dice “noi” e all’incomprensione si sostituisce la fusione delle due parole, dando vita a “Nuovi noi”

Settima azione è la nuova biblioteca con titoli sull’innovazione, dove sarà possibile prendere in prestito i libri capaci di mostrare punti di vista diversi sul mondo. L’ottava è Mercoledù, un calendario di serate educative con un approccio informale e spensierato su un tema specifico. Penultima azione è il Book club: ogni mese un libro da leggere insieme per poi trovarsi a discuterne. Decima e ultima azione è la ScuolaFuoriNorma, che prevede corsi, workshop e seminari votati allo sviluppo del pensiero creativo, con un approccio al contempo pratico e filosofico.

Quando chiediamo cosa si augura Michelangelo per Neu [nòi] tra dieci anni, risponde così: «Per i prossimi dieci anni di Neu [nòi] mi auguro che non dovrai intervistare me o Beppe. Mi auguro che si abbatta un altro tabù, che il nostro modello venga adottato dalle istituzioni locali e che entrando in luoghi come il nostro si possano vedere dipendenti pubblici e privati insieme, magari facendo nascere belle collaborazioni per migliorare la città. Poi sogno un giardino o ancora meglio un bosco, vorrei che in città ce ne fossero tanti».

Articoli simili
Welfare Circolare: l’idea di due donne per sostenere l’economia di prossimità
Welfare Circolare: l’idea di due donne per sostenere l’economia di prossimità

Nowtilus, l’economia di domani è ispirata dal mare
Nowtilus, l’economia di domani è ispirata dal mare

Cos'è la moneta?

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Daniela Ducato è la nuova presidente di WWF Italia! – #528

|

Grounded: ritrovarsi in alta montagna per riconnettersi alla natura ed esplorare il proprio potenziale

|

Sicily coast to coast, il giro della Sicilia in bicicletta per raccogliere fondi per la disabilità

|

Ci sarà un bel clima: il collettivo che valorizza la montagna a passo lento

|

La storia di Adele, che è tornata in Calabria per fare l’artigiana e vivere la sua terra

|

Obbligo vaccinale per le professioni socio-sanitarie: cosa sta succedendo all’interno degli Ordini?

|

La cosmetologa Gloriana Assalti: “Non vergognatevi del vostro corpo, valorizzatelo”

|

Da Tunisi a Milano in bicicletta: “Lo faccio per sostenere chi salva vite umane”