20 Feb 2023

Festa Internazionale della Pedagogia Viva: l’educazione può essere un percorso entusiasmante

Paolo Mai e Barbara Riccardi guideranno la terza edizione della Festa Internazionale della Pedagogia Viva, che si svolgerà il prossimo 25 febbraio e che vedrà confrontarsi psicologi, docenti, genitori, neuroscienziati e neuropsichiatri, ma anche giovani studenti e artisti. Il focus della Festa sarà l’adolescenza e i modi per salvaguardare ed evidenziare la sua bellezza e le sue potenzialità.

L’Accademia della Pedagogia Viva è un luogo di crescita, benessere e formazione permanente, immaginato per chiunque voglia educare con consapevolezza, gioia ed efficacia. È stata progettata dopo anni di esperienza e ricerca appassionata per fornire strumenti, approcci e strategie all’avanguardia dettate dai tanti approcci virtuosi del passato e dalle nuove discipline che stanno aprendo moderne e preziose possibilità. 

L’Accademia della Pedagogia Viva nasce dalla convinzione che non esiste un modello pedagogico migliore degli altri e che la ricchezza non risiede nei metodi chiusi, ma nelle persone, negli approcci che dialogano, si contaminano e si arricchiscono insieme. Nasce dalla voglia di non rassegnarsi al sistema culturale e al sistema educativo imposto dall’alto, dalla convinzione che la conoscenza regali pace e libertà e dalla certezza che si può fare dell’educazione un processo gioioso ed entusiasmante.

padagogia viva

Sull’onda di queste riflessioni è giunta alla terza edizione la Festa Internazionale della Pedagogia Viva, di cui Italia che Cambia è media partner, quest’anno dedicata all’adolescenza da celebrare e potenziare. Questa terza edizione, che si svolgerà il prossimo 25 febbraio online, coinvolgerà psicologi, docenti, genitori, neuroscienziati e neuropsichiatri, ma anche giovani studenti e artisti. Sì, perché l’arte – e nel caso specifico la musica – può essere un linguaggio comune, un dialogo tra generazione e intergenerazionale. 

Tra gli ospiti Thomas Torelli, Federico Tonioni, Amir Issaa, Rafael Bisquerra, David Bueno, Gabriella Fracassi oltre a numerosi esperti del settore. L’evento sarà un momento di scambio e confronto di buone pratiche, soprattutto dopo la pandemia che ha contribuito a disorientare gli adulti, ma anche gli adolescenti, privandoli del contatto umano e relazionale. 

«Il 25 febbraio sarà soprattutto per noi adulti un momento importante. Nessuno ci insegna a essere genitori o insegnanti, non esiste un manuale, ma esperienze che ci permettono di avere delle radici forti e capacità per essere costruttivi. Grazie ai vari professionisti e alle varie esperienze sarà una palestra di vita che ci permetterà di assumerci la responsabilità, ma anche di coccolare la parte bambina di noi e che abbiamo abbandonato, per metterci in gioco insieme agli adolescenti e favorire una crescita circolare. Perché se stiamo bene noi stanno bene i ragazzi», afferma Barbara Riccardi, maestra e pedagogista.

La pedagogia viva è un’opportunità per poter attingere a saperi da tante fonti così ricche, perché i ragazzi meritano adulti curiosi e sereni

Insieme a lei, a guidare un viaggio tra neuroscienze, pedagogia, biologia e psicologia ci sarà Paolo Mai, delegato italiano della RIEEB – la rete internazionale educazione emozionale e benessere –, coordinatore pedagogico dell’Accademia della Pedagogia Viva, cofondatore de l’Asilo nel Bosco e autore di libri.

Spesso si parla degli adolescenti solo per soffermarsi sui disagi e i comportamenti meno gradevoli agli occhi degli adulti, mentre cercano di costruirsi una propria identità, facendo qualcosa di diverso rispetto ai propri genitori e agli adulti in genere. Se il genitore è capace di ascoltare i bisogni del proprio figlio adolescente, con un atteggiamento amichevole ma allo stesso stesso tempo direttivo, trasmette loro una sensazione di sicurezza che contribuisce a evidenziare la loro bellezza e le loro potenzialità che vanno salvaguardate. 

«È necessario far emergere la loro bellezza e noi, mondo adulto, dobbiamo essere capaci di metterci in gioco, costruire il loro percorso di crescita globale, abituarli all’imprevisto con le famose soft skills: progettazione, capacità di relazionarsi, autonomia, problem solving. Grazie a questa nostra capacità di metterci a nudo nella costruzione di una relazione, attraverso il dialogo, vogliamo cercare di non essere adulti fragili e insicuri, ma un buon esempio, come scultori che riescono a tirare fuori il meglio», continua Barbara Riccardi. 

Perché dunque partecipare all’evento del 25 febbraio? Perché è un’opportunità per poter attingere a saperi da tante fonti così ricche, perché i ragazzi meritano adulti curiosi e sereni e la conoscenza libera da tanti pensieri. Perché si può dare benessere ai propri figli o studenti e attivare una meravigliosa rivoluzione gentile planetaria. In più si conosceranno le specificità del cervello adolescente per un sano accompagnamento emotivo, le strategie di prevenzione del disagio e strumenti per promuovere il benessere, buone pratiche didattiche, la sintesi di diverse ricerche e una sana bussola pedagogica.


Per iscriverti alla Festa Internazionale della Pedagogia Viva clicca qui.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
SOU, la Scuola di Architettura per Bambini, dà il via alla sua seconda edizione ligure
SOU, la Scuola di Architettura per Bambini, dà il via alla sua seconda edizione ligure

Elisa Chiesa: “Nella nostra scuola steineriana ArchINuè crediamo nell’allegria dell’infanzia”
Elisa Chiesa: “Nella nostra scuola steineriana ArchINuè crediamo nell’allegria dell’infanzia”

Parlare Pace, dieci anni di Montessori e comunicazione nonviolenta a scuola – Dove eravamo rimasti #14
Parlare Pace, dieci anni di Montessori e comunicazione nonviolenta a scuola – Dove eravamo rimasti #14

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Incendi fuori controllo in Canada, i cieli negli Usa diventano gialli – #743

|

A Cariati la comunità si attiva per il diritto alla salute e riapre “dal basso” l’ospedale

|

Autismo e neurodivergenze: e se mettessimo in discussione il concetto di “normalità”?

|

In Piemonte nascono nove oasi della biodiversità per rigenerare il suolo

|

A Centuripe tra i Calanchi del Cannizzola si fa trekking per contrastare la mafia agricola

|

Dal possesso alla cura: ecco perché è urgente una nuova pedagogia dell’amore e del rispetto

|

La storia di sangue del Sudan del Sud, il più giovane Stato africano

|

SOU, la Scuola di Architettura per Bambini, dà il via alla sua seconda edizione ligure