29 Nov 2023

Il Natale Solidale di Gioosto, per festeggiare con economia circolare e inclusione sociale

Le festività si avvicinano e comincia la corsa ai regali. Per una scelta consapevole e sostenibile su Gioosto è possibile acquistare prodotti di aziende virtuose di tutta Italia che verranno impacchettati da persone con disabilità. L’obiettivo di Gioosto infatti è mettere al centro il rispetto del lavoro delle persone e dell’ambiente e la cura di chi si trova in stato di fragilità, creando progetti di inclusione sociale e lavorativa.

Manca poco meno di un mese a Natale e come spesso accade in molti si ritroveranno a comprare regali dell’ultimo minuto, senza fare attenzione a cosa si decide di acquistare e all’importanza che ogni dono può avere non solo per chi lo riceve, ma anche per chi lo ha realizzato. Se non avete idee e non volete ritrovarvi come i soliti ritardatari, potete scegliere i regali di Gioosto, la prima realtà italiana che raduna oltre 70 produttori solidali di tutta Italia.

Più di 1000 prodotti validati ESG possono essere spediti direttamente alla persona o alle persone cui volete fare un dono. Oltre 20 composizioni di regali natalizi che spaziano alle tematiche care a Gioosto: ogni pacco infatti avrà un tema ben preciso con prodotti che nascono da progetti di agricoltura sociale e/o nei terreni confiscati alla mafia, economia carceraria, inclusione di soggetti fragili o con disabilità e piccoli produttori biologici che rispettano la terra. Quest’anno c’è un’ulteriore novità: sono disponibili anche i prodotti freschi, provenienti da una filiera produttiva che contempla solo allevamenti allo stato semibrado e dove non si utilizzano antibiotici e trattamenti, tipici degli allevamenti intensivi, nocivi per l’animale e l’ecosistema tutto.

gioosto
INCLUSIONE SOCIALE NEI MAGAZZINI DI GIOOSTO

Gioosto è nato con l’obiettivo di connettere le buone pratiche e rendere accessibili prodotti e servizi solidali e sostenibili, offrendo beni che generano azioni concrete e impattanti sul tessuto sociale. Ecco perché anche i famosi regali “tappabuchi” con Gioosto acquistano valore, come ad esempio un kit di saponi a detergenti per piatti realizzati con oli esausti. Ogni regalo, oltre a essere realizzato con materie prime di alta qualità e ad avere un peso sociale importante, sarà confezionato in una box realizzata in cartone riciclato che verrà incartato nei magazzini di Gioosto da persone con disabilità, assunte per il periodo natalizio, che personalizzeranno i pacchi.

La presenza del timbro fatto a mano con la scritta “Questo dono garantisce l’inclusione sociale” infatti è la garanzia del lavoro fatto da Sergio e gli altri ragazzi che ogni giorno, da fine novembre a fine dicembre, sono impegnati a impacchettare e timbrare i pacchi regalo. Per compensare le emissioni di CO2 delle spedizioni, Gioosto si impegna a investire in comunità energetiche e fonti rinnovabili attraverso l’associazione NeXt Nuova Economia per Tutti.

Del resto, l’obiettivo di Gioosto è unire le forze per promuovere il volto virtuoso dell’Italia, mettendo al centro il rispetto del lavoro delle persone e dell’ambiente e la cura di chi si trova in stato di fragilità, creando progetti di inclusione sociale e lavorativa. Per creare benessere per la comunità e l’ambiente. Ogni giorno un ragazzo con disabilità cognitiva impara un mestiere che lo porterà verso l’autosufficienza. Ogni giorno decine di realtà sul territorio italiano garantiscono una giusta retribuzione alle persone. Per alcuni tutto questo è invisibile. É ora di togliere il velo e scoprire quanto è grande la bontà di un prodotto realizzato per garantire la rinascita del prossimo.

ALCUNI DEI PRODUTTORI DI GIOOSTO TRA AMORE PER LE PERSONE E CURA PER L’AMBIENTE

Come nel caso della Cooperativa Sociale Onlus Felici da Matti di Roccella Jonica, in provincia di Reggio Calabria, secondo cui “non esistono formule magiche per creare lavoro, occorre investire nell’intelligenza e nel cuore delle persone”. Con questa formula recuperano gli oli vegetali esausti per produrre saponi e detergenti ecologici con l’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati.

Anche l’Agricoltura Sociale della Cooperativa Sociale Nazareth, che si occupa di servizi educativi per minori e famiglie, housing sociale e agricoltura, attraverso la coltivazione e la trasformazione di frutta e ortaggi permette a persone in situazioni di difficoltà di trovare un’opportunità di lavoro e di re-inserimento. Amore per le persone e cura per l’ambiente sono i due elementi imprescindibili.

Anche i famosi regali “tappabuchi” con Gioosto acquistano valore, come ad esempio un kit di saponi a detergenti per piatti realizzati con oli esausti

O ancora il Consorzio Sale della Terra, che riunisce 15 cooperative sociali, agricole e delle energie rinnovabili dell’area beneventana. In una zona interna, marginale e a forte rischio abbandono, solo una scelta coraggiosa ha potuto riattivare le imprese agricole e artigianali per valorizzare le specificità locali. Nel progetto sono coinvolti non solo contadini locali, ma anche giovani disoccupati, persone con disabilità o con sofferenza psichiatrica, migranti accolti nel sistema Sprar, persone che escono dalla devianza sociale.

Questi sono solo alcuni esempi. Sull’e-commerce di Gioosto è possibile acquistare pacchi pronti o da creare scegliendo tra i tanti prodotti biologici e garantiti. Si dice che a Natale siamo tutti più buoni, con Gioosto è possibile regalare tanta bontà facendo anche una buona azione per tutti.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Cooperativa sociale Etnos, da Caltanissetta un modello virtuoso di economia solidale 
Cooperativa sociale Etnos, da Caltanissetta un modello virtuoso di economia solidale 

L’Emporio della Solidarietà di La Spezia compie dieci anni
L’Emporio della Solidarietà di La Spezia compie dieci anni

Donare Italia, la rete di economia del dono che si ispira alla Natura
Donare Italia, la rete di economia del dono che si ispira alla Natura

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il governo sui voti a scuola? “Gravemente insufficiente” – #883

|

Alla ricerca del Vello d’Oro, un viaggio di 3400 chilometri per unire mito e realtà

|

Tra mutualismo e condivisione il Pink Coworking combatte il gender gap nel mondo del lavoro

|

A Lanusei classi quinte in gita durante le elezioni regionali: il diritto di voto è solo “a metà”

|

Auschwitz e Gaza: che cos’è l’essere umano?

|

Violenza di genere: “Tutti noi dovremmo mettere in discussione i nostri valori, opinioni e credenze”

|

Una nuova vita al Mulino Marghen, fra relazioni umane e natura

|

Proteste sotto la sede RAI a Cagliari: “Il silenzio sul massacro in Palestina è un puro atto di censura”

string(9) "nazionale"