22 Gen 2024

Pura Vita, nel cuore delle Madonie un luogo per la cura di sé in connessione con la Natura

Nel 2015 il sogno e la visione di Emanuela D’Agostino, antropologa, naturopata, counselor, facilitatrice e imprenditrice agricola, ha cominciato a prendere forma. È nato così Pura Vita, un casale officinale nel cuore delle Madonie ispirato ai principi della Permacultura, dell’Ecologia Profonda e dell’Erboristeria Selvatica, in cui si accompagnano le persone che vogliono intraprendere percorsi di riconnessione con la natura.

Palermo - Questa è una storia di sogni, ispirazioni, profezie e coraggio. È la storia di Emanuela D’Agostino, antropologa, naturopata, facilitatrice di processi di Ecologia Profonda e Guida qualificata di Foreste Bathing. Ma soprattutto una sognatrice concreta, una donna dei boschi dall’indole selvatica, cresciuta a Palermo e molto presto consapevole di voler vivere in natura. Un’esigenza diventata sempre più chiara anche dopo i nove anni trascorsi a Torino, impegnata nelle attività di un teatro sociale e di comunità con una compagnia che promuove teatro per diverse abilità, e un viaggio in Brasile per abbandonare la sua zona di comfort e trovare la strada che potesse portarla a raggiungere il suo sogno.

Ad accompagnarla in queste esperienze un’immagine sempre più nitida nella mente e nel cuore: avere un contatto vivo e profondo con la natura, proporre una soluzione auspicabile non solo per sé stessa ma anche per gli altri e fare da ponte e da ispirazione a chi, proprio come lei, volesse dare un senso forte alla propria vita

pura vita casale officinale emanuela dagostino chi sono
Emanuela D’Agostino tra le “sue” piante selvatiche
PURA VITA: UNA VISIONE, UNA MISSIONE E POI UN PROGETTO DI VITA

In Brasile, durante una sosta a Vale do Capão, una delle celebri valli della meravigliosa Chapada Diamantina, alla scoperta di realtà legate al mondo della permacultura, Emanuela ha conosciuto un uomo di medicina che le ha predetto la sua missione: tornare alle origini, fondare un centro di Perma-Cura e rappresentare un punto di riferimento per tutte quelle persone che avrebbero voluto riconnettersi con la natura e ritrovare il proprio equilibrio. Qualche anno dopo nasce Pura Vita Casale Officinale, un centro di ecoterapia, il cui nome rimanda a momenti di pura vita semplici e forti, quelli in cui ci si sente in connessione profonda con la vibrazione vitale della natura e di sé stessi.

«Tornata in Sicilia dopo questa profezia sono andata alla ricerca del posto che potesse accogliermi; i primi anni ho lavorato nella progettazione e nella conduzione di spazi benessere all’interno di festival, ad esempio Fa’ la cosa giusta Sicilia, poi ho sentito che avrei dovuto concentrarmi sul mio intento. Mi sono iscritta a naturopatia e da lì in poi si è aperto un mondo! Ho trovato un’insegnante che mi ha supportato molto, mi ha spinto a fare una tesi sperimentale dal titolo “Giardini alchemici, giardini di cura” e mi ha anche aiutato a progettare la sala madre dove oggi ospitiamo tutte le attività», racconta Emanuela. 

pura vita 1
La sala principale di Pura Vita dove si svolgono molte delle attività proposte

Il luogo è arrivato subito dopo. In un girovagare per la Sicilia si è fermata a Polizzi Generosa, nel cuore delle Madonie, quasi per caso, e ha sentito che quello era il luogo giusto per mettere radici e trasformare quella visione e quella missione in un vero progetto di vita. Le montagne, la bellezza della natura, la forza e l’energia del luogo hanno fatto tutto il resto. È stato come un riconoscersi. Oggi vive qui con il suo compagno Raffaele, che studia musicoterapia, Lucilla, la loro bambina di tre anni, e i loro amici a quattro zampe.

Sono diventati “i custodi del luogo”. Pura Vita sta diventando sempre più simile alla visione e al sogno originario: un centro di ecoterapia che ha permesso di avviare tante collaborazioni e diffondere su più territori pratiche rigenerative per la cura di sé attraverso la connessione profonda con la natura, ispirandosi ai principi della Permacultura, dell’Ecologia Profonda e dell’Erboristeria Selvatica. 

UN APPROCCIO ECO-CENTRICO E DI SCAMBIO PARITARIO UOMO-NATURA

Nel 2015 è nata l’associazione ed è iniziata l’avventura sul luogo dove adesso sorge il centro. All’epoca non c’era nulla, solo natura. Negli anni Emanuela e Raffaele hanno tirato su con gioia ed entusiasmo la loro casa e gli spazi in cui adesso svolgono le varie attività cercando di rispettare il luogo che li ha accolti. Nonostante qualche momento di sconforto, i semi coltivati negli anni stanno via via sbocciando e dando i frutti sperati. 

Leggere tutti quegli esempi di persone che hanno portato avanti un sogno, un’idea, un progetto, è stato per me un forte incoraggiamento

«Le parole delle sciamano si sono rivelate. Da poco abbiamo concluso un accordo di partenariato con il Parco delle Madonie che ha riconosciuto, dopo tanti anni, il nostro ruolo nel trasmettere un benessere generale e condiviso. Il prossimo passo è certificare un sentiero terapeutico e di benessere di forest therapy insieme al CAI e al CNR. Io continuo il mio percorso di mentoring botanico, aiuto le persone a riconoscere le piante officinali e a trovare le “proprie piante” per poi preparare i rimedi personalizzati più adatti alle loro esigenze. Le piante hanno un campo di cura molto ampio e possono servire per tante necessità. In tanti mi chiedono come scegliere la pianta più “giusta” in un preciso momento», continua Emanuela.

Poi pratiche di ecologia profonda, momenti di bagni in foresta ed esperienze residenziali di immersione di ecotuning che permettono di connettersi in modo profondo con l’ambiente circostante utili una volta tornati alla quotidianità. «Mi capita di accompagnare persone che stanno attraversando percorsi di cure oncologiche e grazie a queste esperienze riescono a affrontare questi periodi complessi con maggiore forza e fiducia. Io sono un canale, il lavoro di forza e sostegno lo dà la natura», sottolinea Emanuela. 

Di recente il Gal Madonie ha finanziato un progetto di medicina forestale proposto da Emanuela, che coinvolgerà anche l’Ordine dei Medici e che insieme all’ecopsicologia, all’ecologia profonda e al desiderio di progetti che abbiano sempre più una funzione sociale e comunitaria rientra nella visione di Pura Vita. 

pura vita 3
Un momento del percorso di mentoring botanico proposta da Emanuela a Pura Vita
PURA VITA È RICONNETTERSI CON LA NATURA PER RIVOLGERE ATTENZIONE A NOI STESSI

«Spero che da qui a prossimi anni Pura Vita possa diventare sempre di più un centro di ecoterapia a 360 gradi, non solo psichico medico e sanitario, ma di cura intesa come attenzione da rivolgere nei confronti di noi stessi. Un luogo dove poter trascorrere anche brevi periodi per avere un contatto con la natura che trasforma, un contatto alchemico, in una nuova consapevolezza», continua Emanuela.  

Secondo Václav Havel la speranza è avere la certezza che le cose che facciamo hanno un senso, indipendentemente da come finirà e se finirà. Emanuela senza nessuna certezza si è fidata della sua visione e ha avuto speranza. Ma a sostenerla è stata anche una lettura per noi speciale. Quella di Io Faccio Così. «Leggere tutti quegli esempi di persone che hanno portato avanti un sogno, un’idea, un progetto, è stato per me un forte incoraggiamento. Per questo mi sento di ringraziarvi, se esiste Pura Vita lo devo anche a Italia che Cambia», conclude.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
La missione di Michael Plant: “La felicità è una cosa seria. E io la misuro”
La missione di Michael Plant: “La felicità è una cosa seria. E io la misuro”

Moderne Persefone, le storie di donne che rinascono si concludono per trasformarsi
Moderne Persefone, le storie di donne che rinascono si concludono per trasformarsi

La Via del Cambiamento: Ermanno e Katia ci raccontano perché partecipare a questo percorso
La Via del Cambiamento: Ermanno e Katia ci raccontano perché partecipare a questo percorso

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’ex Ilva verrà commissariata, di nuovo – #882

|

A Lanusei classi quinte in gita durante le elezioni regionali: il diritto di voto è solo “a metà”

|

Auschwitz e Gaza: che cos’è l’essere umano?

|

Violenza di genere: “Tutti noi dovremmo mettere in discussione i nostri valori, opinioni e credenze”

|

Una nuova vita al Mulino Marghen, fra relazioni umane e natura

|

Destinazione Ogliastra, una rete per un approccio sostenibile e identitario al turismo nel territorio

|

Rising Time: Elena e Andrea tornano in Calabria per lanciare i giovani artisti locali

|

Il Museo dell’Emigrazione Italiana: un’esperienza diversa per sconfiggere i pregiudizi

string(7) "sicilia"