Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
17 Nov 2012

Una moltitudine silenziosa? E' TEMPO DI GRIDARE I VOSTRI NOMI!

Scritto da: Daniel Tarozzi

I volti si accavallano nella mia memoria. Sono a Trieste, praticamente in Slovenia. Sono stato in Alto Adige, praticamente in […]

I volti si accavallano nella mia memoria. Sono a Trieste, praticamente in Slovenia. Sono stato in Alto Adige, praticamente in Austria. Zone di confine, terre di confine, gente di confine. Donne, uomini, storie, luoghi, sapori, forza, problemi, angosce, difficoltà, imprevisti, speranze.
Li incontro, li respiro, li amo. Sono ricchi ricchi ricchi di energie, lotte, vittorie, sconfitte, pensieri, spiritualità diverse.
Gli dedico ogni mia cellula, gliela dono, mi sporgo con ogni centimetro della mia pelle verso di loro: giovani e anziani eroi del mio tempo. Sono tanti e spesso non lo sanno. Fanno cose straordinarie con la forza della semplicità. Ed io sono con loro, sono per loro. Vorrei essere un megafono, vorrei presentarveli tutti, portarli nelle vostre case e in quelle di ogni italiano. Questa gente ha diritto di essere ascoltata, di incontrarsi, di trovare forza e appoggio da ognuno di noi. 
I loro volti si accavallano dopo oltre due mesi, nella mia testa, eppure spiccano, uno per uno, nel mio cuore. E’ stancante, totalizzante. Non ho soldi, non ho mass media che mi appoggiano, non ho una squadra che mi assiste e mi affianca nel lavoro quotidiano, ma vi giuro che ce la metterò tutta per valorizzare ogni mio singolo incontro.
L’Italia non è solo il paese di Monti, Berlusconi, Renzi o Bersani, Montezemolo o Napolitano. E’ il nostro paese. E’ fatto di persone che vivono le loro straordinarie esperienze di cambiamento ogni singolo giorno. E questa forza oscura, questa pulsante moltitudine silenziosa deve emergere, sempre di più. Perché la Rete diventi la norma, le connessioni, gli incontri, le relazioni, il cuore pulsante del nuovo mondo che andremo a costruire e che stiamo già costruendo sulle macerie di una società senza senso.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La rabbia afroamericana e Trump vs. Twitter – Io Non Mi Rassegno #148

|

E ora parliamo di educazione sessuale senza tabù

|

Tutti insieme per ripensare l’educazione: nasce Scuola Costituente!

|

Quali sinergie per un domani sostenibile? Una diretta resistente su ambiente e futuro!

|

Cittadini stranieri aprono le porte di casa e invitano i vicini a gustare le cene dal mondo

|

Riusciremo a fare a meno della plastica? – A tu per tu#3

|

I cinque studenti dell’isola di Alicudi e la resilienza delle piccole scuole

|

Il futuro di eventi e festival musicali? Ripartiamo dalla sostenibilità!