Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
18 Lug 2016

Bike Tour della Decrescita 2016: un viaggio in bicicletta nel Sud Italia che Cambia

Scritto da: Redazione

Un viaggio in bicicletta da Lecce a Palermo per presentare il pensiero della decrescita, promuovere un altro modo di viaggiare e conoscere le realtà virtuose e sostenibili del Sud Italia che Cambia. Organizzato dal Movimento per la Decrescita Felice e Italia che Cambia, il Bike Tour della Decrescita, dal 10 al 24 settembre, coinvolgerà un folto gruppo di ciclo-attivisti che si muoveranno in bici con il supporto del camper di Italia che Cambia.

Sulle orme di François Schneider, che nel 2004 girò per circa un anno in Francia in compagnia del suo asino per diffondere il pensiero della decrescita, nasce il progetto del Bike Tour della Decrescita, organizzato dal Movimento per la Decrescita Felice in collaborazione con Italia che Cambia. Dal 10 al 24 Settembre un folto gruppo di ciclo-attivisti viaggerà in bicicletta da Lecce a Palermo, con il supporto del camper di Italia che Cambia.

 

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

ATTIVATI

L’idea è quella di presentare il pensiero della decrescita in contesti sensibili e interessati e, al tempo stesso, poter conoscere e mappare sul portale di Italia che Cambia realtà virtuose che si occupano di sostenibilità, solidarietà e decrescita nel Sud Italia, con l’obiettivo ultimo di creare sinergie e collaborazioni.

 

 

bike-tour

Si viaggerà prevalentemente in bicicletta (dai 40 agli 80 km giornalieri), con alcune tappe in treno. Nelle varie tappe verranno co-organizzate con le realtà locali diverse attività, in base al contesto territoriale, agli interessi e alle competenze (workshop pratici di autoproduzione, conferenze sulla decrescita e temi affini, presentazioni di esperienze concrete virtuose, etc.).

 

Vorremmo, inoltre, diffondere l’idea che è possibile un altro modo di viaggiare, più lento e al contempo più ricco di esperienze, convivialità ed allegria. Cercheremo di portare, pedalata dopo pedalata, il messaggio che un altro mondo è possibile e comincia proprio da qui, da un cambiamento che è in primo luogo quello di noi stessi, del nostro immaginario e del nostro essere nel mondo.
Come diceva Gandhi “sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo”. Invitiamo quindi chiunque sia interessato a pedalare insieme a noi. Sarà possibile partecipare all’intero tour, così come a singole giornate.

 

Per maggiori informazioni sulle modalità di partecipazione o sul programma clicca qui 

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La repressione cinese degli Uiguri – Io Non Mi Rassegno #217

|

Largo all’immaginazione e alla libera creatività: le scuole steineriane di Vallebona

|

Gli assorbenti lavabili e solidali che promuovono l’integrazione e la salute di tutte le donne

|

Sebastiano, il giovane contadino che per cambiare il mondo coltiva la terra

|

In Italia si mappano i borghi per chi vuole vivere e lavorare in montagna

|

Comunità energetiche rinnovabili: una via per la transizione? – A tu per tu #6

|

Diffondere informazione positiva e gentilezza: arriva il Festival Mezzopieno!

|

Lucia Cuffaro e l’autoproduzione, la ricetta quotidiana per una società più giusta e resiliente