Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
21 Apr 2013

Fine, pausa, scrittura e nuovo inizio

Scritto da: Daniel Tarozzi

Il 16 aprile scorso, dopo sette mesi e sette giorni, nel centro di Catania è terminato il Viaggio nell’Italia che […]


Il 16 aprile scorso, dopo sette mesi e sette giorni, nel centro di Catania è terminato il Viaggio nell’Italia che Cambia. Venti regioni, migliaia di chilometri, centinaia di incontri, sudore, fatica, gioie e dolori.
Dopo qualche giorno di stordimento ora mi sono ritirato a Lipari (terra natia di mia madre) per raccogliere le emozioni, gli appunti, le registrazioni; riguardare, organizzare e soprattutto… Scrivere!

Vi terrò aggiornato sul proseguo del viaggio, ma soprattutto, continuerò ad aggiornare il blog! Via via vi proporrò le gallerie fotografiche, aggiornerò la pagina dell’itinerario, vi racconterò degli incontri e delle regioni che – per motivi di tempo – ho solo accennato qui sopra. Il viaggio nell’Italia che cambia avrà presto un suo contenitore, il libro, che racchiuderà il meglio di quanto ho incontrato.
Posso però dirvi fin da ora che questo progetto vede nella parola fine il suo nuovo inizio. Troppe le storie scoperte, troppe le realtà che non ho potuto visitare, per pensare che questo percorso possa considerarsi terminato.

Fine del viaggio, pausa, scrittura e poi, appunto, un nuovo inizio. Non conosco ancora né le forme, né le modalità, ma una cosa è certa: non smetterò di lavorare per dare voce a chi si muove per il cambiamento, per cercare di portare luce nel buio, per contribuire al nuovo mondo che tutti insieme, lontano dai riflettori decadenti dei mass media e della politica, stiamo quotidianamente costruendo.
Rimanete sintonizzati.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Surgisphere e gli studi sull’Idrossiclorochina – Io Non Mi Rassegno #152

|

Allevatori che ballano coi lupi (e coi cani da guardiania)

|

Il progetto R2020: intervista a Sara Cunial

|

“Cambio vita e coltivo canapa industriale”: Francesco Procacci e il suo ritorno alla terra

|

Altipiano: le maestre del bosco che in cinque mesi hanno ribaltato la loro scuola – Scuola che Cambia #2

|

Che cos’è e come funziona la nutripuntura

|

Adotta il tuo Orto, scegli quali verdure seminare e aspettale a casa!

|

Imprese: come stringere partnership vincenti ed evitare clamorosi errori