7 Mar 2014

Wwoof Italia: l'agricoltura naturale come scelta di vita

Questa settimana la trasmissione radiofonica Terranave parla di agricoltura naturale e familiare insieme all’associazione Wwoof Italia, che sin dagli anni […]

Questa settimana la trasmissione radiofonica Terranave parla di agricoltura naturale e
familiare insieme all’associazione Wwoof Italia, che sin dagli anni ’90 organizza la circolazione di persone volontarie in aziende agricole, fattorie o presso singoli agricoltori, con la finalità di promuovere lo sviluppo dell’agricoltura naturale come scelta di vita.
foto
A quindici anni dalla sua nascita, l’associazione si è incontrata per tirare un bilancio e delineare le linee future del movimento. Dal 28 febbraio al 2 marzo a Passignano sul Trasimeno, presso il Centro di esperienze per l’educazione allo sviluppo sostenibile Panta Rei, oltre 150 persone si sono incontrate per confrontarsi sui temi dell’agricoltura naturale e su piccola scala.
Wwoof Italia facilita gli scambi, ma soprattutto sostiene e promulga la cultura contadina.


Il Wwoof, acronimo per Worldwide opportunities on organic farms, organizza la circolazione di volontari, i cosiddetti soci viaggiatori (o wwoofers), con le finalità di promuovere lo sviluppo dell’agricoltura naturale e ampliare gli orizzonti culturali e relazionali dell’agricoltura familiare. Per raggiungere questi scopi, Wwoof Italia stila ogni anno una lista: una rete nazionale di singole persone, aziende o fattorie (host) che mettono a disposizione i propri spazi di vita e di lavoro per permettere la libera circolazione dei wwoofers,  volontari che vengono ospitati per periodi più o meno lunghi.
“WWOOF è un movimento mondiale che mette in relazione volontari e progetti rurali naturali promuovendo esperienze educative e culturali basate su uno scambio di fiducia senza scopo di lucro, per contribuire a costruire una comunità globale sostenibile”.
Nato in Inghilterra negli anni ’90, il movimento si è diffuso poco dopo anche in Italia, grazie a tre host che stavano tentando di replicare l’esperienza inglese in Italia, ma grazie soprattutto a Claudio Pozzi, oggi presidente dell’associazione.
“In questi quindici anni abbiamo avuto una esponenziale crescita quantitativa – nel 2013 c’erano circa seicento host e oltre cinquemila soci viaggiatori – ma la crescita è stata soprattutto partecipativa. Oggi alle assemblee prendono parte centinaia di persone, che decidono sulle sorti e la direzione del Wwoof Italia”, spiega Claudio Pozzi.
Oltre a organizzare gli scambi, l’associazione sostiene progetti di educazione e promozione dell’agricoltura naturale e segue  i lavori del comitato di agricoltura contadina, per tutelare le piccole realtà contadine; obiettivo del comitato è lavorare alla stesura di una legge che permetta di fare agricoltura anche su piccola scala e che riconosca la figura del contadino in Italia, oggi ancora non riconosciuta.
Il sito di Wwoof Italia 
Per saperne di più:
Il sito del network Amisnet: amisnet.org
L’archivio delle puntate di Terranave: www.italiachecambia.org/categoria/terranave/

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Articoli simili
Graniburger, i burger vegani, etici e solidali fatti con grani antichi
Graniburger, i burger vegani, etici e solidali fatti con grani antichi

Carlo Petrini: il futuro del pianeta nelle mani dei giovani
Carlo Petrini: il futuro del pianeta nelle mani dei giovani

Seminare Comunità: entra nel vivo il percorso per dare nuova vita alle aree rurali
Seminare Comunità: entra nel vivo il percorso per dare nuova vita alle aree rurali

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

L’Ilva resterà aperta (almeno per ora) – Io Non Mi Rassegno #395

|

La Maestra di Tantra Supriya: “L’energia sessuale può renderci più coscienti” – Amore Che Cambia #12

|

«Camminare coi bambini insegna che siamo fatti per vivere in natura»

|

IT.A.CÀ riparte da Bologna fra trekking, concerti e degustazioni

|

Graniburger, i burger vegani, etici e solidali fatti con grani antichi

|

CasaBottega: i negozi sfitti del quartiere si trasformano in atelier e laboratori artistici

|

Nel borgo di Badolato una scuola per ridare vita ai piccoli centri

|

Carlo Petrini: il futuro del pianeta nelle mani dei giovani