Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
30 Apr 2014

Io faccio così #27 – Ridere per vivere: i clown dottori e la Terra del Sorriso

Scritto da: Elena Risi

Una Terra del Sorriso per diffondere la comico terapia, fare formazione e ricordarci che ridere è una medicina per lo spirito. Un’esperienza nata dalla storia di vita di un attore comico, Leonardo Spina, e una psicoterapeuta, Sonia Fioravanti, che ha tra l’altro inventato in Italia il mestiere del clown-dottore.

A cominciare dal nome, l’associazione di Leonardo Spina e di sua moglie Sonia Fioravanti non lascia dubbi sulla filosofia che segue: Ridere per vivere. La loro esperienza nasce per caso, quando a uno dei due viene diagnosticato un tumore. All’inizio vengono inghiottiti dal sistema classico di cure ospedaliere poi, sempre per caso, incontrano un omeopata che li inizia alla “comico-terapia” (in termini tecnici, gelotologia) e al mondo dei clown dottori.

“Ogni volta che si parla di comicità si pensa erroneamente a qualcosa di stupido” – spiega Leonardo – “e non ci si rende conto che ridere è una vera e propria medicina: non è un caso che una persona divertente venga definita spiritosa. La risata crea un’energia rigenerante, emanando vibrazioni positive per la mente e il corpo”.

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

ATTIVATI

calzino e miccia

Dopo essere venuti in contatto con questo mondo, i fatti si succedono in maniera abbastanza rapida, è il 1995 quando insieme Leonardo e Sonia fondano il primo nucleo associativo di “Ridere per vivere” che si è presto confederato in tutta Italia. Lui viene dal mondo della recitazione comica, lei è psicoterapeuta, attraverso gli studi l’unione delle loro esperienze personali e culturali capiscono che è necessario gettare le basi per diffondere un nuovo approccio al dolore.

“Facendo formazione per i clown-dottori”, continua Leonardo, “di fatto abbiamo inventato un mestiere che in Italia e Europa non esisteva, ad eccezione dell’esperienza di Jacopo Fo che ha cominciato a lavorare su questo parallelamente a noi.” In America invece la clownterapia aveva già trovato diffusione nelle teorie e pratiche di Hunter Doherty “Patch” Adams, reso celebre dal film di Robin Williams “Patch Adams”.

“Secondo noi la formazione è fondamentale” – precisa Leonardo – “bisogna imparare a rapportarsi con il proprio dolore per saper approcciare bene quello degli altri”.

All’inizio entrare negli ospedali non era facile, il metodo era sconosciuto e visto con diffidenza. Con il tempo molte porte si sono aperte e oggi, anche se mancano sempre i fondi necessari per finanziare questi progetti, i clown-dottori sono dei veri e propri tutto-fare negli ospedali. Seguono i bambini durante i prelievi e nelle visite più invasive per “dissociarli” (o distrarli, per semplificare), eseguono finte visite durante le quali cercano di distendere non solo i bambini ma anche le loro famiglie. In questi casi non c’è mai un copione scritto, tutto è lasciato all’improvvisazione per adeguarsi al meglio alle singole situazioni del momento.

La clownterapia si può praticare in tanti modi: con il camice, senza camice, persino in incognito. Leonardo racconta di una vera e propria “candid camera” senza telecamera in una sala d’attesa per la colonscopia. “Molte delle persone che aspettavano si trovavano lì per sapere se avevano o no un tumore”, ricorda Leonardo, “ma alla fine siamo riusciti ad alleggerire tanto l’angoscia che le persone non volevano più andar via”.

9

Ridere per Vivere opera in tutta Italia ma è approdata anche all’estero. L’esperienza più clamorosa, documentata dal film “Clownin’ Kabul”, si è svolta in Afghanistan nel 2001, quando all’indomani della guerra i clown dottori dell’associazione hanno attraversato il paese facendo tappa negli ospedali di Emergency e della Croce Rossa Internazionale.

Oggi l’associazione di Leonardo e Sonia ha fatto un ulteriore passo avanti per la cura dello spirito. Gli ospedali sono luoghi adatti per curare il corpo ma inevitabilmente viene trascurata l’attenzione alla mente e allo spirito, componenti altrettanto fondamentali della persona. “Io e Sonia non ci accontentiamo mai”, aggiunge Leonardo, “e così abbiamo deciso di creare la Terra del Sorriso, perché anche la bellezza è uno strumento di cura fondamentale per lo spirito”.

Si tratta di un casale immerso nel verde della campagna orvietana, improntato alle permacultura e all’auto-produzione, un luogo ideale per la formazione dei clown-dottori ma anche per aiutare i malati nel percorso non tradizionale di terapie o convalescenza dalle malattie. La Terra del Sorriso è lo sforzo di una piccola comunità per creare un’alternativa alla cura delle sofferenze perché, come ricorda Leonardo, “già ai tempi di Platone, il filosofo scriveva che la risata è l’energia degli dèi.”

Il sito di Ridere per Vivere 

#IoNonMiRassegno 13/12/2019

|

In migliaia in piazza con Greta Thunberg a Torino – FOTO E VIDEO

|

Yana casa Portale, una comunità di giovani che vivono insieme in natura

|

Rivelazioni degli attivisti sui crimini ambientali in Brasile

|

Il recupero di un antico mestiere per la rinascita di specie ittiche a rischio estinzione

|

Lenin Montesanto: “La vera rivoluzione è restare in Calabria” – Meme #31

|

Antropocene. L’uomo ha fatto il suo tempo

|

Un’assicurazione etica per gli infortuni dei lavoratori dell’economia solidale