23 Apr 2015

Prodotti agricoli: alla sorgente del prezzo

Scritto da: Redazione

Cosa accadrebbe se i supermercati fossero costretti a porre in etichetta il prezzo al quale hanno comprato i prodotti dalle […]

Cosa accadrebbe se i supermercati fossero costretti a porre in etichetta il prezzo al quale hanno comprato i prodotti dalle mani dei contadini? Secondo esperti e studiosi in materia, un simile gesto innescherebbe una rivoluzione del sistema economico vigente. Se ne è parlato questa settimana ai microfoni della trasmissione radiofonica Terranave.

 

Vegetable

 

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Il “prezzo sorgente” è il primo prezzo delle merci, quello al quale i produttori vendono i propri prodotti, un valore che spesso differisce di molto dal prezzo finale. “Nel costo finale di un prodotto c’è tutto il circuito dell’appropriazione della ricchezza e della catena gerarchica del prodotto”, ha spiegato Tonino Lepore, che da anni si sta occupando della questione “se si adotta il prezzo sorgente si rendono visibili tutti i ricarichi del prezzo al consumo”.

 

 

Ma come si stabilisce questo “prezzo sorgente”? Qual è un giusto prezzo per un bene? I produttori italiani stanno portando avanti diverse esperienze di scorporazione del prezzo, realizzando schede in cui i costi sono resi trasparenti in ogni fase e passaggio, l’obiettivo comune è quello di avvicinare produttori e consumatori, creando filiere corte cogestite.

 

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Dall’ufficio di una multinazionale al frutteto: la storia di Elisabetta e Corrado
Dall’ufficio di una multinazionale al frutteto: la storia di Elisabetta e Corrado

Alberi autoctoni da ripiantare dopo le feste per un Natale sostenibile
Alberi autoctoni da ripiantare dopo le feste per un Natale sostenibile

Dicamba, Monsanto e un'agricoltura drogata

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le “relazioni pericolose” di Cingolani – Io Non Mi Rassegno #525

|

“La tempesta Vaia ci ha lacerato, ma ci ha anche spinto a fare qualcosa per il nostro Pianeta”

|

MedReAct: “Ecco come difendiamo il Mediterraneo dalla pesca intensiva e dai cambiamenti climatici”

|

Combustibili fossili: censura mediatica e repressione colpiscono Italia Che Cambia e Fridays For Future

|

La finanza etica può contrastare l’economia di guerra? Secondo Anna Fasano sì. Ecco come…

|

Stavolta tocca a noi. Emerging Communities sbarca a Mantova per scoprire Italia che Cambia

|

Dalle multinazionali alla terra, il ritorno di Nella De Vita in Calabria – Io Faccio Così #354

|

Vivere in barca vela con tre figli e un cane. Insieme nel bene e nel mare