Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
26 Ago 2016

Italia Che Cambia a Budapest per la Conferenza Internazionale della Decrescita

Scritto da: Roberto Vietti

Dal 30 agosto al 3 settembre si terrà a Budapest la V Conferenza Internazionale della Decrescita. Ci sarà anche Italia Che Cambia, insieme a pensatori, accademici, attivisti e cittadini impegnati a progettare nuovi modelli per un futuro sostenibile e resiliente.

 Dal 30 agosto al 3 settembre Budapest accoglierà la quinta Conferenza della Internazionale Decrescita all’Università Corvinus. La conferenza farà incontrare quelli che sono attualmente i pensatori di spicco della decrescita con un pubblico di accademici e cittadini interessati, sia dall’Ungheria che dai paesi vicini. Allo stesso tempo, Budapest ospiterà la prima Settimana della Decrescita, che attrarrà attivisti per la decrescita, professionisti e decisori politici. Italia Che Cambia parteciperà con una selezione di immagini della mostra sul Biellese Che Cambia “Viaggio nella Geografia del Cambiamento: Arte, Giornalismo e Attivismo locale uniti per una trasformazione positiva della società”, già presentata lo scorso luglio all’interno di Arte al centro a Cittadellarte – Fondazione Pistoletto.

budapest

Vuoi cambiare la situazione
dell'economia in italia?

ATTIVATI

Manca poco! Tra pochi giorni saremo a Budapest per partecipare con Italia Che Cambia alla quinta Conferenza Internazionale della Decrescita e, allo stesso tempo, alla prima Settimana della decrescita. L’emozione è forte e intensa, proprio come quella meravigliosa sensazione che ci coglie quando iniziamo a preparare la valigia per un viaggio tanto atteso. Tuttavia, proviamo a procedere a mente fredda.

 

La decrescita è un movimento che ci ricorda che una crescita infinita in un pianeta dalle risorse esauribili non è né sostenibile né desiderabile, e smonta il mito che la crescita è il principale rimedio all’impasse in cui le nostre società ci hanno condotto. Cerca di capire la convergenza tra le differenti crisi che stiamo vivendo attualmente e afferma che esse sono interconnesse. Ugualmente vuole creare delle vie serene e democratiche verso un futuro di giustizia sociale e ambientale, benessere, mezzi di sostentamento adeguati, emancipazione, convivialità e autonomia.

 decrescita

 

Dopo Parigi nel 2008, Barcellona nel 2010, Venezia nel 2012 e Lipsia nel 2012 la conferenza, che è centrata sulla sostenibilità ecologica e l’equità sociale, si svolgerà all’Università Corvinus di Budapest. Essa è innanzitutto un luogo d’incontro per ricercatori da tutto il mondo. Ogni due anni il raduno offre loro uno spazio per discutere degli ultimi sviluppi in questo giovane campo di ricerca interdisciplinare. La comunità scientifica si focalizza sulle questioni legate al superamento dei limiti ambientali e al fallimento delle infrastrutture economiche, incapaci di offrirci un’esistenza dignitosa nella società.

 

Budapest sarà anche la culla di una nuova iniziativa: la Settimana della Decrescita. Verrà creata una piattaforma per attività pratiche e seminari, ci saranno collaborazioni con iniziative locali, discussioni e dibattiti partecipativi aperti a tutti gli interessati. In tutta la città si svolgeranno programmi culturali, artistici, e creativi.

 

In questo contesto Italia Che Cambia presenterà una selezione di immagini dalla mostra sul Biellese Che Cambia “Viaggio nella Geografia del Cambiamento: Arte, Giornalismo e Attivismo locale uniti per una trasformazione positiva della società “, già presentata lo scorso luglio all’interno di Arte al centro a Cittadellarte – Fondazione Pistoletto, una esibizione fotografica e documentaristica dei volti delle singole persone che si stanno già adoperando per una trasformazione sostenibile ed etica della nostra società, in particolare focalizzata sul territorio biellese.

 

cervovolanteEN

Il tema della decrescita non è completamente nuovo in Ungheria. La conferenza si soffermerà infatti sull’opera del celebre pensatore ungherese Karl Polanyi, in particolare sul suo lavoro “La grande trasformazione”. Oltre a quest’opera fondamentale, la decrescita è tornata in Ungheria nel 2011 grazie alla traduzione in ungherese del libro di Serge Latouche “Breve trattato sulla decrescita serena”. Parecchi libri e articoli sono stati pubblicati e non mancano discussioni pubbliche e workshop.

 

Ora la nostra valigia è pronta, con le fotografie del Biellese Che Cambia e con la voglia di condividere questa entusiasmante avventura con voi. Non ci resta che partire.

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Si fa presto a dire “buone vacanze”! – Io Non Mi Rassegno #197

|

La parola “bellezza” è la sintesi perfetta del viaggio nella Sicilia che Cambia

|

Quo Vado? Un percorso per giovani alla ricerca della propria rotta nel mondo

|

“I parchi naturali possono salvarci dalla crisi ecologica ed economica”

|

L’ecovillaggio Torri Superiore, il cantiere del vivere sostenibile che ha fatto la storia – Io faccio così #295

|

Elena e Sara: la rivoluzione degli abiti usati per “riformare” il sistema moda

|

Il cammino delle panchine invita le persone a sostare su ciò che è importante

|

A Palermo i ragazzi del carcere minorile ripartono dai biscotti