13 Mar 2017

La sharing economy per combattere il consumo di suolo

Scritto da: Redazione

L'eco-ostello del Parco Monte Barro ha lanciato nel febbraio 2017 una campagna che consentiva agli ospiti di decidere quanto pagare per il soggiorno. Ecco com'è andato questo esperimento di economia solidale, che aveva anche un ulteriore obiettivo: il ricavato, infatti, ha finanziato la produzione di materiale informativo per la campagna europea contro il consumo di suolo.

L’Ostello Parco Monte Barro si è reso protagonista nel mese di febbraio di un’iniziativa rivoluzionaria per quanto riguarda lo scambio economico tra una struttura e i propri ospiti: la formula Pay What You Want, ovvero “paga quanto vuoi”.

barro3Immerso nel Parco Regionale del Monte Barro, nelle Prealpi lecchesi, i primi monti che si innalzano provenendo da Milano, con una vista mozzafiato sui laghi briantei, l’ostello offre un concetto differente di ospitalità, in grado di fondersi completamente con l’ambiente naturale circostante.

 

La gestione è di Legambiente, che dal 2013 ha realizzato un eco-ostello scommettendo sulla creatività del riciclo e del riuso, sulla riduzione degli sprechi idrici ed energetici e sulla trasparente onestà del rapporto con l’ospite. L’ostello ha 48 posti letto e ha diverse sale polifunzionali ed è dunque adatto a gruppi, associazioni, aziende e scuole, ma anche a semplici turisti che vogliono godere della bellezza dei panorami e della natura del Parco.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

 

La vera rivoluzionaria novità è stata però la campagna Pay What You Want. Il cuore dello scambio economico si è spostato – con questa iniziativa –  tutto sull’ospite, che è stato libero di decidere quanto pagare, in base alla qualità del servizio e alla volontà di premiare l’ecosostenibilità dell’ospitalità. L’idea era fare sì che il normale processo di pagamento non si riducesse a un mero scambio di denaro, ma che potesse essere anche una modalità per stimolare una libera onestà che potesse conferire a tale scambio un valore anche etico.

barro4

Gli ospiti erano poi a conoscenza del fatto che l’eventuale ricavo dell’iniziativa sarebbe stato destinato al sostegno territoriale della campagna People4Soil (promossa da Legambiente stessa e da 400 altre organizzazioni europee), che proverà a raccogliere entro settembre un milione di firme per chiedere all’Europa norme specifiche per tutelare il suolo, bene essenziale alla vita come l’acqua e come l’aria. La petizione si può firmare anche online sul sito www.salvailsuolo.it.

 

Il Pay What You Want ha avuto un’attenzione estremamente significativa da parte dei media, segno che il tema è risultato curioso e in grado di lanciare una sfida significativa. Per questa ragione è interessante analizzare anche il ritorno che ha avuto in termini numerici.

 

Le presenze totali all’ostello nel mese di febbraio, rispetto al 2015 e al 2016 (che erano tra loro sostanzialmente in linea), sono aumentate del 23%. Questa denota un interesse significativo anche da parte degli ospiti. Numerose sono state anche le chiamate di chiarimento e informazione, anche se poi queste non si sono trasformate in prenotazioni; tutto ciò indica un interesse diffuso rispetto a questa modalità che ha stimolato una certa mobilitazione e curiosità per un diverso concetto di scambio economico.

 

Il numero delle prenotazioni unitarie per febbraio è più che raddoppiato. Tale dato significa che sono cresciute molto le piccole prenotazioni rispetto a quelle di grandi gruppi: l’iniziativa ha dunque attirato l’attenzione di realtà di piccola entità quali coppie, famiglie e gruppi ristretti di amici che hanno scelto di scoprire il Parco del Monte Barro stimolati dalla sfida del Pay What You Want.

barro2

Il ricavato dell’iniziativa, che è destinato alla campagna People4Soil (www.people4soil.eu/it), è stato tale da permettere a Legambiente Lecco Onlus di stampare 5000 volantini che saranno distribuiti sul territorio per cercare di raggiungere l’obiettivo europeo di un milione di firme, necessario per riuscire a proteggere il suolo in quanto risorsa non rinnovabile.

 

Nel complesso l’iniziativa è stata estremamente positiva, muovendo le persone alla curiosità per un’area naturale protetta, alla riflessione sul valore e il senso etico dello scambio economico e divenendo un’opportunità per l’Ostello Parco Monte Barro di far conoscere la propria proposta di ospitalità ecosostenibile, dialogandone e ricevendo feedback stimolanti e interessanti dagli ospiti stessi.

 

Pertanto, l’intenzione di Legambiente Lecco è quella di rilanciare nuovamente questa sfida per il febbraio del 2018, lavorando ancora meglio sulla formula del Pay What You Want per pensare in futuro, perché no, di renderla ancora più efficace e di stimolo per lo sviluppo di un’economia sempre più civile.

 

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia
Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

Il Treno dei Bimbi: il villaggio dove le carrozze dismesse riprendono vita e creano ospitalità
Il Treno dei Bimbi: il villaggio dove le carrozze dismesse riprendono vita e creano ospitalità

Sororitè Bike Ride: 2000 chilometri in bicicletta per osare, rischiare e sensibilizzare
Sororitè Bike Ride: 2000 chilometri in bicicletta per osare, rischiare e sensibilizzare

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi