Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
17 Lug 2017

Viaggiare a impatto zero. Passo dopo passo…

Scritto da: Alessia Canzian

“Passo dopo Passo”: un modo di viaggiare ad impatto zero, nel rispetto per l’ambiente e per chi lo abita. Un luogo di incontro tra diverse realtà che permette agli abitanti del territorio (e non solo) di scoprire le bellezze naturalistiche dell’ambiente circostante, ma anche una finestra sul mondo.

Passo dopo Passo” non è solo il nome dell’associazione ideata da Giorgio Pieri ed il suo gruppo di amici e amiche, ma anche un consiglio di viaggio. Uno stimolo a conoscere il Mondo percorrendolo con tranquillità, cercando di gustare ogni scorcio di bellezza.

Ormai presente nell’alessandrino da 4 anni, l’Onlus “Passo dopo Passo” si occupa principalmente di attività outdoor, nello specifico trekking e hiking, sui luoghi del territorio.
Le colline del Monferrato e delle Langhe, gli Appennini liguri, le rive dei fiumi e molto ancora per un territorio che confina ad ovest con l’Astigiano, a nord ovest con il Casalese, a nord est con la Lomellina, ad est con il Tortonese, a sud est con il Novese, a sud con l’Ovadese e a sud ovest con l’Acquese. Territorio di confine, per tre quarti collinare e cosparso di valli in cui scorrono il fiume Po, il Tanaro, il Bormida, lo Scrivia, il Borbera e tutti i loro affluenti.
Un territorio tutto da scoprire camminando, da attraversare, appunto, “Passo dopo Passo.

Siamo tutti viaggiatori”, ci spiega Lorenzo Formica, socio fondatore e segretario dell’associazione, “per questo nelle attività dell’associazione ci impegniamo a sensibilizzare anche sulle modalità del viaggiare, ovvero: essere ad impatto zero e lasciare l’ambiente come l’abbiamo trovato”.
Sono circa un centinaio i soci che ciclicamente si incontrano e partono alla scoperta di una vetta da scalare.
Il ciclo di escursioni chiamato “Sei dei nostri”, una formula ormai collaudata dal 2014, intende avvicinare gli alessandrini ai sei monti del territorio, appunto i “nostri” monti. Inoltre, si organizzano anche uscite in notturna, come “Cielo di stelle”, una salita al chiaro di luna sul Monte Giarolo.
Tutte le attività sono offerte gratuitamente, a fronte di una spesa minima, quota associativa, si ottiene la possibilità di partecipare a tutte le escursioni con copertura assicurativa, in caso non si voglia associarsi si può ugualmente partecipare, sempre gratuitamente, alle escursioni firmando una semplice manleva.

Tuttavia, non sono solo le attività fuori-porta ad attirare gli appassionati di viaggi e di turismo responsabile, un venerdì al mese l’associazione organizza degli incontri specifici con l’intento di raccontare dei resoconti di viaggio. “Molti dei soci”, ci sottolinea Lorenzo, “sono viaggiatori e fotografi, quindi quando tornano dai loro viaggi ci portano sempre un po’ di quanto hanno visto in giro per il mondo. Abbiamo organizzato incontri sull’Asia, sull’Himalaya, sull’India, sul Sudest asiatico, sulla Cina, sulle Ande e sull’ Africa Sahariana e Subsahariana”.

Inoltre, dal 2015, è nato il progetto “Attraverso i miei occhi” con l’intento di dare supporto ai bambini e alle bambine della Khaniyakharka School nel distretto di Nuwakot in Nepal. Progetto nato per dare un sostegno concreto in seguito al tremendo terremoto avvenuto il 25 aprile 2015.
Da circa due anni, l’associazione organizza eventi di crowdfunding per il Nepal e per avvicinare la comunità alessandrina alla cultura nepalese. A tal proposito, si ricorda il ciclo di incontri dal nome: “Nepalife 2017”. Una serie di conferenze, proiezioni foto e video, sessioni di yoga e apericene musicali ad ingresso libero con offerta in sostegno alla scuola nepalese.

Tante attività per il territorio, che non si esauriscono nel viaggio, ma che intendono sollecitare una visione solidale del Mondo. Ci conferma Lorenzo, “l’associazione vorrebbe iniziare a lavorare con la rete dell’accoglienza che opera nell’alessandrino. In questo modo si permetterebbe anche ai ragazzi stranieri che vivono ad Alessandria di conoscere l’ambiente naturale circostante. Inoltre, sarebbe una buona possibilità di scambio, un vero incontro di culture”.

“Passo dopo Passo” è una vera risorsa per l’alessandrino, un’associazione che non solo permette agli abitanti del territorio di scoprire le bellezze naturalistiche dell’ambiente circostante, ma anche una finestra sul mondo. Un luogo di incontro tra diverse realtà che difficilmente si sarebbero incontrate altrove.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

L’Europa approva il diritto alla riparabilità! – Io Non Mi Rassegno #267

|

Cinquecento psicologi per aiutare le persone in difficoltà a causa della pandemia

|

La bibliofficina di quartiere: promuovere la socialità tra letture e riparazioni

|

LaCasaRotta: da cascina abbandonata ad ecovillaggio diffuso dove ritornare a essere comunità – Io faccio così #309

|

Pace, inclusione e solidarietà: l’impegno di Melagrana per la tutela dei diritti umani

|

The Great Reset, il futuro prossimo. Come la crisi del Covid potrebbe cambiare il mondo

|

Progetto Happiness: in viaggio intorno al mondo alla ricerca della felicità

|

Irene, la pittrice che dipinge gli sguardi delle donne vittime di violenza