22 Ago 2017

Bike Tour della Decrescita: un invito fuori confine

Scritto da: Daniela Bartolini

Da Ancona a Siena, coast to coast in bicicletta per conoscere alcune delle realtà italiane che, dal basso, si battono per il cambiamento. Il Bike Tour della Decrescita il 26 agosto fa tappa sul Lago Trasimeno per una giornata dedicata all'Italia che Cambia, al territorio umbro e al Casentino.

Dopo il successo dello scorso Bike Tour della Decrescita in Sud Italia, quest’anno il Bike Tour della Decrescita riparte per conoscere le realtà del Centro Italia da Ancona a Siena e poi verso il mare.
Dal 19 agosto al 3 Settembre in bicicletta per 450 km, dai 40 agli 80 km giornalieri, per scambiare idee e imparare attraverso il reciproco incontro.
Durante ogni tappa avverranno infatti incontri co-organizzati con le realtà locali con attività, in base al contesto territoriale, agli interessi e alle competenze.

Viaggiare in bicicletta è sinonimo di lentezza e condivisione, ingredienti necessari per il cambiamento in cui il movimento si sta impegnando.
Il Bike Tour della Decrescita, organizzato in collaborazione con Italia che Cambia, è un evento importantissimo per tutto il Movimento della Decrescita Felice in quanto consolida lo spirito di gruppo, la conoscenza e la mobilità alternativa potendo diffondere un messaggio diverso in giro per l’Italia.

bike tour decrescita passignano 1503476516

Il 26 agosto il Bike Tour della Decrescita farà tappa a Passignano Sul Trasimeno, in provincia di Perugia, per un evento organizzato da Italia che Cambia in collaborazione con Panta Rei.
Dalle 10.00, gita in bici al lago e pranzo al sacco e dalle 18 la cir-conferenza a Panta Rei con:
Dino Mengucci, Panta Rei: un sogno che diventa realtà
daniabartolini@gmail.com, Italia Che Cambia – Dall’Italia ai territori. Le realtà virtuose del territorio si raccontano (esperienze dal Casentino e dall’Umbria)
Interverranno:
Roberto Battista (Adc Umbria) Da Sellano, tra esperienze di  vita e comunità dopo il terremoto, a Futurando passando per la canapa. Con la partecipazione di Simone Casagrande Moretti di Canapamo.
Filippo Bozotti (Tribewanted) Tribewanted: crowdfunding per creare comunità sostenibili
Rachele Minarini (Asilo nel Bosco del Casentino) Racconto del progetto sperimentale di outdoor education sistemica in Casentino
Modera: Jean-Louis Aillon (MDF)
Ore 21:00: Cena conviviale (costo 15 euro)
Ore 22.00: Falò e chiacchierate al chiaro di luna
Possibilità di pernottamento in tenda (gratuito) o in struttura (costo 20 euro comprensivo di colazione)

Come diceva Gandhi “sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo”. Invitiamo quindi chiunque sia interessato, a partecipare all’incontro di sabato ma anche a pedalare anche solo per una o più tappe. Non è richiesta una perfetta forma atletica ma è desiderabile una preparazione minima, attrezzatura adeguata (bici con marce, sacche da bici impermeabili, abbigliamento da pioggia, etc.) ed una minima esperienza di cicloturismo (o olio di ginocchia e molta flessibilità!).

bike tour decrescita passignano 1503476532

Se vuoi iscriverti a tutto il Bike Tour o anche solo ad alcune delle tappe del viaggio compila il Google Form dove potrai trovare maggiori informazioni sulle modalità di partecipazione e sul programma.

Per vedere tutti gli aggiornamenti sul Bike Tour, segui la pagina dedicata.

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Fremono i pedali! Riparte il Bike Tour della Decrescita

Una Camminata per l'Acqua

La Greenway: una pista ciclabile nel cuore della montagna bresciana

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita

|

Emerging Communities: scopriamo insieme i progetti virtuosi dell’Europa che cambia

|

A House is a Home: il progetto di “re-housing” per persone senza fissa dimora

|

Bice Parodi: “Ciò che gridavamo al G8 è ciò per cui dobbiamo combattere ancora oggi” – #1

|

Il Piccolo Festival della Microfinanza, perché il denaro crei ricchezza per le comunità

|

La disabilità non è un atto eroico, io racconto prima di tutto le persone