Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
20 Set 2017

Dopo gli incendi, che fare?

Scritto da: Redazione

In seguito agli incendi che hanno devastato il nostro Paese nei mesi scorsi, quali azioni mettere in campo per prevenire altri simili disastri? Se ne parlerà il 22 settembre a Guspini, in Sardegna, nel corso di una conferenza organizzata dalle associazioni “L’uomo che pianta gli alberi” e “Scirarindi”.

Le Associazioni L’uomo che pianta gli alberi e Scirarindi, organizzano una conferenza a Guspini, il 22 Settembre 2017 alle ore 18, nella ” Casa a corte ” via Caprera.

 

920x920

Al centro degli incontri vi saranno gli incendi, che estate dopo estate sono sempre più frequenti e devastanti. Si parlerà di prevenzione degli incendi insieme a Giorgio Pelosio (esperto in sistemi per la prevenzione degli incendi e amministratore di Teletron) che ha dedicato gran parte della sua vita alla salvaguardia del verde nella nostra Terra!

 

“Abbiamo scelto di organizzare la conferenza a Guspini  – scrivono gli organizzatori dell’incontro – poiché più vicina alle zone più colpite dagli incendi. In seguito ai tanti incendi moltissime persone hanno scritto all’associazione L’uomo che pianta gli alberi esprimendo forte sconforto e terrore. Si sentiva un senso di impotenza, ma anche di rabbia per un disastro tanto grave! Alberi secolari carbonizzati e tutto intorno il nero della morte! Che fare?

21317789_1381445145237662_5954593213118366018_n

Per non sentirci impotenti abbiamo deciso di fare il punto della situazione, incontrandoci in tantissimi. Tutti sono invitati a partecipare: coloro che amano la nostra Terra, la vita in tutte le sue forme, gli alberi, gli animali, ma anche tutti coloro che hanno a cuore le aziende, le case, i villaggi, che ogni estate sono minacciati dalle fiamme. Sono invitati a partecipare anche i Sindaci di tutte le città e tutti i paesi della Sardegna , poiché possano fare il punto della situazione insieme a tutti i cittadini e insieme trovare soluzioni valide per la prevenzione degli incendi, perché al primo posto si metta la Vita e non il profitto e la distruzione!

 

È tempo che gli amministratori eletti da tutti noi si occupino in modo concreto della sicurezza di tutti i cittadini e della salvaguardia della nostra Terra. L’associazione L’uomo che pianta gli alberi da quando è stata costituita si è sempre impegnata con tantissimi volontari, con generosità e altruismo a piantare alberi, seminare ghiande e preparare palline di argilla, intervenendo in particolare nei luoghi devastati dagli incendi. Recarsi anche in territori che non sono i propri significa che non ci sono confini e che esiste la solidarietà tra le persone, perché siamo tutti “Uno”, e che non ci sono altri scopi… se non quello di salvaguardare Madre Terra!

 

Piantare e seminare è molto importante e continuiamo a farlo, ma è altrettanto importante fare prevenzione. Non si può più stare a guardare, sentendoci impotenti: siamo tutti coinvolti davanti a questi fatti e tutti abbiamo il dovere di proteggere la vita dei boschi, delle persone, animali e ogni forma di vita. Tutti noi chiediamo che si ponga fine a questo scempio! Non vogliamo che la nostra Terra diventi un deserto! Partecipate numerosi e invitate a partecipare”.

 

 

#IoNonMiRassegno 17/1/2020

|

Gli allenatori di Laureus: “Lo sport educa alla passione”

|

Tamera, l’ecovillaggio in Portogallo che sperimenta una Terra Nova

|

Assicurazione etica: la proposta di CAES rivolta agli under 35

|

La Scuola italiana di Arte del Processo e Democrazia Profonda

|

Borgopo’: “Così ho fatto rinascere la libreria che amavo da bambina”

|

La Vita al Centro, la scuola parentale immersa nel verde – Io faccio così #275

|

Womanboss Academy: quattro storie di fioritura

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l'editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.