16 Ott 2017

Una settimana per cambiare l'Italia… che Cambia

Scritto da: Redazione

Italia Che Cambia rallenta il lavoro per una settimana. Sarà una pausa ricca di contenuto, grazie alla quale potremo partire più consapevoli ed energetici.

Parliamo di cambiamento, raccontiamo il cambiamento, lo mappiamo, lo facilitiamo… Ma sappiamo anche noi che viverlo è un’altra cosa! Nel rincorrere i nostri obiettivi, sogni e necessità spesso perdiamo la capacità di fermarci e ascoltare. Ascoltare noi stessi e gli altri, riflettere, rinnovare, fermare, ripartire, crescere.

alto

Ecco perché abbiamo deciso di fermarci per una settimana. Tutti insieme! Ci troviamo in un luogo tranquillo, ci confrontiamo, progettiamo, risolviamo, costruiamo.

 

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Ecco quindi che per qualche giorno i lavori “normali” rallenteranno. Sui portali territoriali e sulla mappa ci fermeremo. Sarà una pausa ricca di contenuto, grazie alla quale potremo partire più consapevoli ed energetici.

 

Un abbraccio intanto e – come sempre – buon cambiamento!

 

Articoli simili
Realizzare con le proprie mani un luogo da chiamare casa: un esperimento di autocostruzione
Realizzare con le proprie mani un luogo da chiamare casa: un esperimento di autocostruzione

Torna il Festival delle Cose Belle, per costruire nuovi modelli di comunità ispirati al passato
Torna il Festival delle Cose Belle, per costruire nuovi modelli di comunità ispirati al passato

Le donne di Inspire si raccontano: “Eliminiamo il superfluo e arricchiamoci di ciò che è davvero importante”
Le donne di Inspire si raccontano: “Eliminiamo il superfluo e arricchiamoci di ciò che è davvero importante”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi