Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
10 Mag 2018

Lo sai da dove viene il cibo che mangi?

Scritto da: Redazione

Un'azione collettiva in corso si propone di raccontare e creare consapevolezza sul reale valore del cibo, attraverso una raccolta di idee, di collaborazioni e di fondi per la realizzazione di una serie di corti animati sui retroscena ambientali, salutistici, sociali, economici, del nostro cibo di ogni giorno. E su chi si alza ogni mattina prima dell’alba per tirarlo fuori dalla terra e farlo arrivare sulle nostre tavole.

Da dove viene il cibo che mangiamo? Da chi e in che modo è stato prodotto? Di cosa è fatto? Quali sono le differenze tra cibo sano e cibo insano? L’idea è di lavorare insieme – chi produce e chi consuma – per rispondere a queste domande con brevi e incisivi corti animati. L’obiettivo è conoscere una realtà che spesso non vediamo e innescare una reazione positiva verso il consumo consapevole e – perché no? – verso la possibilità di produrre il cibo insieme a contadine e contadini.

da dove viene il cibo 1Mettiamo a fuoco cosa portiamo sulla nostra tavola: cosa c’è (o non c’è) dentro, ma anche prima e dopo, il cibo che ogni giorno ci procuriamo? Dentro come valore intrinseco, come capacità di nutrimento e cura, economia, cultura, come condivisione e relazioni. Ma anche prima: come memoria, conoscenza, fatica, celebrazione o sfruttamento della nostra terra e del lavoro dell’uomo. E anche dopo: come conseguenza ambientale, sociale, economica del modo in cui viene prodotto e distribuito.

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

ATTIVATI

 

Dobbiamo riscoprire la ritualità di alcuni gesti per dare loro la giusta importanza, perché i nostri figli non sanno da dove arriva tutto quello che sta sulla tavola. Un tempo si sapeva da dove veniva il cibo, chi lo aveva coltivato, chi lo aveva raccolto e cucinato e questo non significa solo salubrità, ma è anche affettività, è ricordo, è avere certezze. Il cibo ci può salvare dalla solitudine, ci invita all’incontro con l’altro, alla condivisione, sovvertendo così tutto quello che oggi va per la maggiore: egoismo, rifiuto del diverso, chiusura in se stessi…

 

Ma il cibo industriale, sigillato nei suoi contenitori asettici, porta spesso con sé le aberrazioni del profitto a ogni costo, sempre nocive per noi e per l’ambiente. Come i molluschi prodotti in Francia che vengono mandati in Cina per essere sgusciati e poi tornano indietro per essere venduti; o come le melanzane a gennaio e l’uva ad aprile; o il pomodoro raccolto dagli operai-schiavi di cui troppo poco si parla.

 

Alcuni temi fondamentali:

 

● il legame che unisce i contadini all’ambiente, alla salute e al cibo, alla stagionalità,
● l’origine del prezzo e il meccanismo degli sconti,
● la possibilità di condividere rischi e vantaggi tra coltivatori e Gruppi d’Acquisto Solidali attraverso le co-produzioni,
● la fiducia che sta alla base di ogni buona pratica collettiva e che non troveremo mai sugli scaffali della GDO.

da dove viene il cibo 2

L’azione prevede diversi piani operativi: la gestazione congiunta da parte di gruppi di persone che con queste cose si misurano ogni giorno, ovvero agricoltori, gasisti, educatori, genitori (ma l’elenco potrebbe includere altri soggetti); la realizzazione dei corti animati; la loro diffusione sul web e attraverso una rete di sale di proiezione (cinema, parrocchie, centri sociali, scuole…).

 

Tra i primi partecipanti a questo progetto ci sono l’associazione LoFaccioBene, il DES Varese, la Campagna per l’Agricoltura Contadina, e molti altri sono attesi e invitati. Per informazioni, collaborazioni, proposte, idee, per partecipare, scrivi a: lofacciobenecinefest@gmail.com.

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Le morti dei lavoratori migranti per i mondiali in Qatar – Io Non Mi Rassegno #320

|

Ambiente e verde: come saranno fra vent’anni dipende da noi

|

Viaggio nell’Amore (e nel sesso) Che Cambia: ecco i primi incontri! [FOTO]

|

Pachamare, l’ecovillaggio diffuso che riallaccia il legame con la Terra

|

È davvero ora di cambiare, anche nel rapporto fra esseri umani e animali

|

Minì, le piantine nelle microserre per educare alla natura

|

Solidarietà allo spazio sociale romano Ex Lavanderia

|

All’Università di Torino si insegnano benessere e felicità agli studenti