3 Gen 2019

In Piemonte arriva Garden Sharing, il nuovo modo di fare campeggio

Scritto da: Lorena Di Maria

Valorizzare nuove forme di ospitalità a stretto contatto con la natura è ora possibile in Piemonte. Garden Sharing è il modo semplice ed innovativo per campeggiare su spazi privati messi appositamente a disposizione per i viaggiatori. Una forma di turismo sostenibile e responsabile con innumerevoli benefici dal punto di vista economico, sociale, esperienziale. Scopriamolo!

Per tutti gli amanti della natura, i camperisti, i viaggiatori, i turisti avventurosi. Avete mai sentito parlare di Garden Sharing? Chi di voi ancora non lo conoscesse, ne rimarrà affascinato.
Il Garden Sharing è la nuova alternativa al campeggio tradizionale, una pratica sostenibile e innovativa che offre la possibilità di campeggiare su spazi messi in condivisione, nonchè ospitare ed essere ospitati nel giardino di casa o in un’area verde privata.

Quante volte vi sarà capitato di fare un viaggio e non trovare il campeggio nel luogo desiderato? Quanto spesso avete sognato di mettere piede fuori dalla tenda e trovarvi di fronte al monumento che da tempo aspettavate di vedere? Quante notti avreste voluto passare in camper pur non possedendolo? Con il Garden Sharing è tutto più semplice ed i benefici di questa pratica sono innumerevoli.

piemonte arriva garden sharing nuovo modo fare campeggio 1546512910

Come tutte le forme di Sharing Economy, si basa proprio sul concetto di condivisione e sul contatto diretto tra il turista e il residente che metterà a disposizione il proprio spazio. Sarà in questo modo possibile campeggiare con la propria tenda, sostare con il proprio camper o prenotare una sistemazione già pronta e messa a disposizione dall’ospitante come una casetta in legno o una roulotte parcheggiata in giardino.
Per tutti i viaggiatori sarà in questo modo possibile pernottare in luoghi privi di strutture ricettive ed essere accolti dai residenti del posto, disponibili a consigliare e far conoscere il proprio territorio, le usanze e le tradizioni locali.

Ora anche la Regione Piemonte sta dando avvio a questa particolare e condivisa esperienza. E’ stato infatti recentemente approvato il nuovo disegno di Legge che favorisce il Garden Sharing come nuova forma di turismo sostenibile e responsabile.

“E’ fondamentalmente l’unica alternativa al sistema dei campeggi tradizionali in uno stato, come l’Italia, in cui è vietato il campeggio libero” spiega l’assessora al Turismo Antonella Parigi.
Questa pratica è attualmente contenuta nel disegno di legge “Disciplina dei complessi ricettivi all’aperto e del turismo itinerante” e si propone di rivedere la normativa sulle strutture ricettive all’aperto ormai risalente al 1979. “È l’ultimo tassello che completa la riforma del comparto turismo – racconta Antonella Parigi – vogliamo fare del Piemonte e della sua vocazione turistica una realtà al passo con i tempi”.

piemonte arriva garden sharing nuovo modo fare campeggio 1546512978

Come definito al suo interno, il disegno di Legge “concorre a regolare nuove forme di ospitalità alternativa ed integrazione dell’offerta turistica regionale” e regolamenterà i servizi di ospitalità turistica, i criteri organizzativi, l’attrezzatura minima da mettere a disposizione degli ospiti.
In particolare, si aggiunge che “è consentito da parte di soggetti privati mettere a disposizione dei turisti itineranti, provvisti o sprovvisti di mezzi propri, spazi o aree verdi ed eventuali allestimenti fissi o mobili con offerta di servizi in modalità garden sharing”.

Il disegno di legge in Piemonte nasce con la volontà di mettere in pratica il conosciuto ed apprezzato progetto della start up italiana “Garden Sharing“, la quale sta conquistando sempre più città grazie alla piattaforma che fa incontrare ogni giorno i viaggiatori e i cosiddetti gardensharer che li ospiteranno.
Online da inizio 2017, la piattaforma Garden Sharing attualmente conta più di 8.000 spazi disponibili in tutta Italia ed oltre 20.000 iscritti.

piemonte arriva garden sharing nuovo modo fare campeggio 1546512950

Un modo semplice ed innovativo che rappresenta un’opportunità per fare rete, riscoprire la bellezza di campeggiare e vivere all’aperto, creando una vera e propria riforma dell’ospitalità.

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Dove siamo finiti?

2 Ruote di Resistenza, continua il viaggio alla ricerca del popolo che manca

Ammappa l’Italia, la mappa collettiva dei cammini a piedi

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Condannati ad estinguerci (ma è davvero così?) – #424

|

Al via le proteste di Extinction Rebellion Italia per chiedere giustizia climatica

|

A testa alta: “Vaccini e green-pass qual è la verità?” Un appello al mondo della scuola

|

#59 – Sant’Anna di Valdieri: il borgo recuperato dalle donne che credono nella montagna

|

Viviamo il capodanno 2022 in stile comunitario, progettando un ecovillaggio?

|

Alberi autoctoni da ripiantare dopo le feste per un Natale sostenibile

|

La terra dei Piripkura incontattati invasa e distrutta per la produzione di carne

|

L’abete rosso sacrificato per il Natale del Vaticano sta morendo ma “parla” ancora