Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
20 Mar 2019

Passa una buona azione: il primo passo verso la felicità!

Scritto da: Lucia Berdini

“La felicità è una competenza e va allenata”. In occasione della Giornata Mondiale della Felicità, che si celebra oggi, vogliamo parlarvi di un’iniziativa in corso in Italia: “Passa una buona azione”, nata dalla collaborazione tra Joydeed, che ha dato vita alle carte dei valori per diffondere la gioia da persona a persona, e 2bhappy, realtà bolognese impegnata nella diffusione della Scienza della Felicità.

«L’Assemblea generale […] consapevole che la ricerca della felicità è uno scopo fondamentale dell’umanità, […] riconoscendo inoltre la necessità di un approccio più inclusivo, equo ed equilibrato alla crescita economica che promuova lo sviluppo sostenibile, l’eradicazione della povertà, la felicità e il benessere di tutte le persone, decide di proclamare il 20 marzo la Giornata Internazionale della Felicità, invita tutti gli stati membri, le organizzazioni del sistema delle Nazioni Unite, e altri organismi internazionali e regionali, così come la società civile, incluse le organizzazioni non governative e i singoli individui, a celebrare la ricorrenza della Giornata Internazionale della Felicità in maniera appropriata, anche attraverso attività educative di crescita della consapevolezza pubblica […]»
Assemblea generale delle Nazioni Unite

 

Nel 2012 veniva istituita la Giornata Mondiale della Felicità dall’ Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Da allora la massa critica di persone che parlano di Scienza della Felicità è aumentata esponenzialmente, soprattutto grazie alla diffusione della psicologia positiva e al famoso corso sulla Felicità all’Università di Harvard, uno dei più seguiti di sempre e che ha fatto da cassa di risonanza per questa emergenza epocale.

girl-872149_960_720

Dati preoccupanti
I dati, in Italia e nel mondo, sono allarmanti. Sempre più persone sono depresse e assumono psicofarmaci (solo Italia sono 11 milioni, il 20% più della media europea — fonte: agenzia per il farmaco) ma, allo stesso tempo, sempre più informazioni sono a nostra disposizione per riuscire a vivere una vita felice e piena di senso.

 

Il Grent and Glueck Study  (lo studio sulla felicità che prosegue da 75 anni e ha studiato 3 generazioni di persone) ha dimostrato che il fattore primario per una vita felice è il nostro capitale sociale. Quante più relazioni di qualità abbiamo nella nostra vita, tanto più la felicità sarà una meta raggiungibile.

 

Ve lo voglio dire con le parole di Daniela e Veruscka, della 2bhappy Agency: “La felicità è una competenza e va allenata”. È esattamente come preparare una maratona o imparare a suonare uno strumento musicale: bisogna impegnarsi ogni giorno, smettere di nutrire gli atteggiamenti disfunzionali e nutrire quelli potenzianti, circondarsi delle persone giuste e raggiungere infine la vetta.

Il team di 2bhappy Agency e quello di Joydeed insieme per "Passa una buona azione"

Il team di 2bhappy Agency e quello di Joydeed insieme per “Passa una buona azione”

Passa una buona azione!
Ma quello che voglio raccontarvi, di questa giornata, è una cosa bellissima che sta accadendo qui in Italia e che risponde all’intento comune di costruire la felicità insieme. L’iniziativa si chiama “Passa una buona azione” ed è nata dalla collaborazione tra due realtà che stimo moltissimo e che hanno toccato in maniera particolare la mia vita: Joydeed, un’iniziativa milanese che ha dato vita alle carte dei valori per diffondere la gioia da persona a persona e 2bhappy, agency bolognese che sta diffondendo la Scienza della Felicità soprattutto a livello organizzativo.

 

C’è un filo rosso che lega queste due realtà, il filo è un fiume fatto della stessa acqua e si immette nello stesso oceano: Joydeed e 2bhappy credono fermamente che la Felicità possa essere conquistata da tutti e che per farlo abbiamo bisogno delle informazioni giuste e di azioni concrete.

 

Partecipa all’iniziativa!
A darci la possibilità di fare un gesto reale per la nostra felicità e quella di chi amiamo sono le carte di Joydeed, di cui abbiamo parlato anche in questo articolo. Ti va ti partecipare? Il gioco è semplice:

 

1. Acquista le carte su joydeed.com  — c’è un pacchetto speciale Happiness per l’occasione con 5 carte che arrivano direttamente a casa tua.
2. Rifletti sul valore, che azione puoi fare e decidi a chi donare la carta.
3. Registra sul sito il codice univoco della carta e scrivi il messaggio per la persona a cui la donerai.
4. Dona la carta spiegando il perché.
5. Chiedi di continuare la catena di azioni positive.
6. Scopri il percorso che fa la carta!

 

In tanti stiamo partecipando a questa ondata di azioni positive, il cui ripple effect – scatenato soprattutto dal network di geni positivi che hanno risposto alla chiamata di Dani e Veru – si sta diffondendo a macchia d’olio. Attenzione! Tutte le persone coinvolte in almeno uno dei passaggi della carta che nel periodo dal 17 al 27 marzo avrà fatto più passaggi e sarà andata più lontano in Italia, riceveranno in omaggio una carta Gratitude! Così potremo vedere l’impatto che una singola azione può avere nella società!

people-2567915_960_720

Costruire la felicità, un’azione positiva alla volta
Insieme a loro condivido la visione di una Felicità che si fa ogni giorno, con le piccole azioni, con dei gesti che abbiamo quasi dimenticato ma che possono riempire la nostra vita di senso, come dire “Grazie” o “Ti apprezzo molto” o ancora “Ti voglio bene”. Quante volte le persone che amiamo di più sono quelle a cui rivolgiamo di meno queste parole? Onora la giornata mondiale della Felicità e partecipa all’iniziativa “Passa una buona azione”, poco importa se quando leggerai questo messaggio il 20 marzo sarà già passato. Ogni giorno è quello giusto per diffondere la gioia da persona a persona.

 

“Noi sogniamo un mondo diverso. Come tanti di voi – scrive 2bhappy Agency – E ci chiediamo ogni giorno: come sarebbe il mondo se ogni bambino, ogni persona, ogni professionista, ogni azienda, ogni scuola, ogni ospedale, ogni governo potesse cambiare radicalmente paradigma? Come sarebbe il mondo se si attuasse una rivoluzione che costruisca felicità e benessere? Basterebbe anche solo un 10% in più di positività e bellezza ogni giorno per cambiare i comportamenti, le scelte e la vita di tutti noi. Sappiamo dalle scienze, che il cambiamento, il cammino verso la positività e la bellezza, è possibile, sempre: si tratta di sognarlo, progettarlo, costruirlo, viverlo” .

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Le storie che amiamo raccontarci – Io Non Mi Rassegno #109

|

“La salute non è in vendita”: sei richieste per salvare la sanità pubblica

|

“La condivisione ci salverà!”: Gabriele e tutti i volontari dell’emergenza coronavirus

|

Una app per rimettere in pista le piccole botteghe verso una nuova economia

|

Ashoka: la rete degli imprenditori sociali che stanno trasformando il mondo – Io faccio così #285

|

“Vogliamo ringraziare l’Italia”: i ragazzi migranti cuciono le mascherine

|

L’oceano è troppo caldo: a rischio la grande barriera corallina

|

Comprendere e gestire emozioni e relazioni in questo periodo

Copy link
Powered by Social Snap