30 Set 2019

Cercasi partner per gestire un agririfugio creativo lungo il Cammino di Assisi

Scritto da: Redazione

Pubblichiamo l'appello di Camillo, un ragazzo dell'Umbria che, seguendo i principi della permacultura, sta trasformando il casale in cui vive in casa pellegrina, fattoria didattica autogestita e autosufficiente. Il rustico si trova lungo il Cammino di Assisi e Camillo è in cerca di un partner con cui condividere questo progetto di vita e di lavoro.

Perugia, Umbria - Mi chiamo Camillo, ho 27 anni, sono umbro e vivo nelle campagne della Valtiberina Umbra da circa quattro anni. Mi dedico ad allevamento e agricoltura e cerco nella quotidianità l’autosufficienza basandomi sui principi della permacultura.

 

Mi ritengo una persona creativa, amo gli animali, il dialogo, l’arricchimento interpersonale e la vita in campagna. Sono nato e cresciuto in città, ma trasferendomi qui sono rinato una seconda volta. È così che ho stravolto il mio approccio all’esistenza e le mie abitudini comode per far pace con me stesso e trovare il vero valore della vita, apprezzando le cose semplici.

agririfugio

Il casale che ospiterà l’agririfugio


Vivo in un casale rustico del 1800 situato nelle campagne limitrofe alla bellissima e storica Città di Castello, in Umbria. La mia casa si trova lungo la nona tappa del Cammino di Assisi (Tratta San Sepolcro-Città di Castello) e del Cammino di Santa Veronica, in località Santa Croce, mete di grande afflusso degli amanti del trekking, dei cammini spirituali e dell’ecoturismo.

 

Quando ho preso in gestione il casale era solido a livello strutturale, ma degradato e lasciato deperire nell’abbandono. Con molte fatiche lo sto trasformando in casa pellegrina, fattoria didattica autogestita e autosufficiente, creativa e sperimentale fondata sui principi della permacultura.

 

Saremo anche sede di attività collaterali quali workshop, incontri di discipline olistiche e meditative, attività culinarie. Ma soprattutto un rifugio per i tanti viandanti che passano da queste parti percorrendo il sentiero del Cammino di Assisi. Prevediamo di partire con le attività ricettive nel marzo del 2020. Nel frattempo ci sarà da fare ancora molto lavoro per essere operativi nel modo migliore.

 

Sto cercando una figura giovane, che voglia condividere i tanti oneri che tutte queste attività richiedono, dai lavori in fattoria alla conduzione dell’agririfugio. Sono in cerca di qualcuno sintonizzato sulla mia frequenza, che ami la natura, le tradizioni genuine, la fatica e il raccolto. Qualcuno che abbia voglia di vivere in maniera sostenibile e autosufficiente.

Camillo

Camillo


Sto valutando giovani partner di lavoro, in un rapporto di scambio alla pari. Non cerco un dipendente. Offro possibilità di condividere il progetto, alloggio nel posto. Servono solo voglia e consapevolezza.

 

A tutti coloro che, sentendosi predisposti, sono interessati a candidarsi, chiedo di scrivere a: torredeifalchi@gmail.com. Potete contattarmi fin da subito. Per qualsiasi spiegazione e per un incontro nel posto. Gradirei ricevere presentazioni generali di voi, esperienze, abitudini e obbiettivi.

 

Buona vita a tutti!

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Elisa Nicoli: “Autoproduco e parlo di green non per moda ma perché sono i valori a cui mi ispiro”
Elisa Nicoli: “Autoproduco e parlo di green non per moda ma perché sono i valori a cui mi ispiro”

Autosufficienza e consumo critico: ecco come vivere in maniera etica ed ecologica – Un viaggio lungo dieci anni #5
Autosufficienza e consumo critico: ecco come vivere in maniera etica ed ecologica – Un viaggio lungo dieci anni #5

Da Berrino a Lumera, appuntamento al Macrolibrarsi Fest per parlare di stili di vita sostenibili
Da Berrino a Lumera, appuntamento al Macrolibrarsi Fest per parlare di stili di vita sostenibili

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Europa accelera sui sistemi di riuso – #630

|

OZ-Officine Zero, la multifactory che porta rigenerazione e innovazione nel cuore di Roma – Io Faccio Così #348

|

La storia di Paola, la mamma “scomoda” che si batte affinché la disabilità diventi di tutti

|

Nomadi d’Occidente, storie di viaggiatori che cambiano la vita

|

Iran, molto più che proteste: è iniziata la rivoluzione

|

Daisy, la scuola elementare che adotta il metodo finlandese per crescere bambini consapevoli

|

Filo.sofia: “Attraverso i nostri capi in bamboo cerchiamo di diffondere la sostenibilità mentale”

|

Asha Nayaswami: “Il mondo sta cambiando, oggi la sfida è educare i giovani alla vita”