15 Giu 2020

Un villaggio nella natura per ritrovare se stessi e la libertà

Scritto da: Valentina D'Amora

Lasciare città e lavoro per dar vita ad un villaggio nella natura che propone attività orientate al benessere, all’educazione ambientale e al rapporto uomo-natura. È quanto hanno deciso di fare Andrea Sartorio e Catia Berzigotti che in un borgo tra le colline del Montefeltro hanno fondato Villaggio Ranco, un bed and breakfast tra la natura selvaggia e incontaminata, ma soprattutto un progetto di vita da condividere.

Salva nei preferiti

«Desideriamo che chi arriva qui, riesca a chiudere la porta di questo mondo in corsa e iperstimolante, per tornare al contatto con se stesso». Così Andrea Sartorio e Catia Berzigotti descrivono il loro Villaggio Ranco. Un Bed&Breakfast, ma soprattutto un progetto di vita che Andrea e Catia portano giorno dopo giorno, nella direzione dell’ascolto e della conoscenza di sé.

Andrea è stato un tecnico video in Rai per 16 anni, nella capitale della moda e del lusso, Milano. Il classico lavoro che ti porta a fare frequentissime trasferte in giro per l’Europa, costringendoti a vivere sempre con la valigia pronta. Catia, invece, laureata in scienze ambientali ed educatrice ambientale con il WWF, si era ritrovata a dirigere un’azienda marchigiana: le giornate scorrevano lente dietro la sua scrivania.

andrea catia villaggio ranco
Andrea e Catia

Quando si entra in una situazione di stress dovuto all’insoddisfazione lavorativa, ne risente non solo la nostra mente, ma anche il nostro fisico: ci si sente sempre stanchi e vengono meno la motivazione e la voglia di fare. Ed è proprio dopo un percorso di ricerca interiore che Andrea e Catia si conoscono, in un seminario estivo di rebirthing nelle Marche. «All’inizio ci frequentavamo a distanza, poi ci siamo sposati e sono nati Giosuè e Geremia – racconta Andrea – Dopo nove mesi di paternità, ho deciso di lasciare il lavoro, perché non si conciliava con la mia idea di famiglia. E lo stesso ha fatto Catia». Decidono così di cercare un luogo tutto per loro e dopo aver visitato numerose case, si innamorano del piccolo borgo di Villaggio Ranco: «Sprizzava un’energia tutta sua… nel dopoguerra le persone del paese venivano qui a ballare, era diventato un ritrovo per gli abitanti del luogo, dove stare insieme e divertirsi».

Adesso, grazie alla loro associazione naturalistica, entrambi gestiscono diverse attività orientate alla salute e al benessere personale: dall’educazione ambientale al rapporto uomo-natura, dal rebirthing al reiki e tai-chi fino a trekking e corsi sulle erbe selvatiche e sulla farmacia domestica. Si dedicano anche alla raccolta di erbe a uso fitoterapico e preparano alcuni prodotti, come l’olio di iperico.

Da diverso tempo stanno sperimentando i benefici della nature prescription, ossia l’effetto della “biofilia, l’istintiva attrazione che ha l’uomo nei confronti della natura, sia sugli adulti che pernottano nella loro struttura, che su bambini e ragazzi che partecipano alla scuola ambulante del bosco e al green campus avventura, due progetti educativi che prevedono attività a stretto contatto con la terra, attraverso l’esplorazione e il gioco. I risultati della nature prescription sono visibili in tutti coloro che partecipano, in particolar modo nei soggetti stressati o nei bambini considerati “iperattivi” e con deficit di attenzione. Questo approccio di avvicinamento alla natura genera benefici per la salute, sia sul piano fisico che psicologico.

villaggio ranco
All-focus

Villaggio Ranco si affaccia sul paesaggio collinare tipico del Montefeltro, con vista sulla cascata inserita in una singolare macchia mediterranea in cui vivono numerose specie faunistiche e floristiche. “Questo è un territorio vergine: – spiegano – una tela bianca su cui dipingere la propria esperienza e trasferirla agli altri”. Un luogo in costante in evoluzione che Andrea e Catia vogliono condividere con tutti coloro che vorranno andare a conoscerli.

Qui le giornate si alternano serene, tra i profumi e colori della flora selvatica, inaspettati avvistamenti di aquile, falchi, poiane, gheppi e la notte ci si addormenta in compagnia del canto notturno del gufo e della civetta. Il borghetto di case di Villaggio Ranco è stato costruito in gesso balatino, un materiale friabile tipico della zona che cambia colore in base alla luce, passando dal grigio al viola. «Qui la nostra vita è cambiata radicalmente: certo, bisogna rinnovarsi ogni mattina – sorridono – ma oggi siamo liberi».

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Parchi italiani, 15 giorni di cammino per attraversarli e conoscerli
Parchi italiani, 15 giorni di cammino per attraversarli e conoscerli

Tempo di turismo, tra narrazioni, stereotipi e realtà: intervista a Federica Marrocu
Tempo di turismo, tra narrazioni, stereotipi e realtà: intervista a Federica Marrocu

Associazione Europea delle Vie Francigene: ecco chi c’è dietro a uno dei cammini più famosi
Associazione Europea delle Vie Francigene: ecco chi c’è dietro a uno dei cammini più famosi

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Processo Italcementi: la collina dei veleni – INMR Sardegna #26

|

A Chioggia c’è un albergo sociale gestito da persone fragili

|

Festa del libro, a Zafferana Etnea scuole e collettività insieme per promuovere la lettura

|

Navi da crociera: ecco cosa è emerso dall’inchiesta sul loro impatto

|

Come si fa una comunità energetica (per davvero): ne parliamo con Gianluca Ruggieri – Meme! #47

|

Kento, il rapper militante che usa l’hip hop per “far uscire” i giovani dal carcere

|

Alex Zanotelli: “Disobbedienza civile per difendere la legge 185 sull’export di armi”

|

Alice Pomiato, alias aliceful: “La partecipazione sociale è la cosa più sostenibile che ci sia”

string(9) "nazionale"