Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
23 Set 2020

Al via la quarta edizione del festival dello sviluppo sostenibile

Il 22 settembre ha avuto inizio la più grande manifestazione italiana tesa a sensibilizzare e mobilitare cittadini, imprese, associazioni e istituzioni sui temi della sostenibilità. L'iniziativa, che si articolerà attraverso numerose iniziative in tutta la nostra penisola e continuerà fino a giovedì 8 ottobre.

La struttura della quarta edizione del Festival dello Sviluppo Sostenibile – che si terrà fino a giovedì 8 ottobre – prevede oltre 500 attività su tutto il territorio italiano e online, tra convegni, presentazioni di libri, mostre, film e flash mob. I principi dell’Agenda 2030 saranno al centro del dibattito e stimoleranno il confronto e la condivisione di nuove idee. La durata non è casuale: sono 17 i giorni di rassegna, tanti quanti gli obiettivi si sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

L’iniziativa è curata da ASviS (L’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile), ma anche da una rete di organizzazioni della società civile italiana impegnate sui temi della sostenibilità ambientale, economica e sociale. Non solo, una delle peculiarità del festival è che chiunque può prendervi parte – tramite un’apposita documentazione – e proporre un’iniziativa vicina ai temi della rassegna.

L’obiettivo di ogni appuntamento e dell’intero evento è «sensibilizzare e mobilitare cittadini – si legge nel sito ufficiale –, giovani generazioni, imprese, associazioni e istituzioni sui temi della sostenibilità economica, sociale e ambientale, diffondere la cultura della sostenibilità e realizzare un cambiamento culturale e politico che consenta all’Italia di attuare l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e centrare i 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs)». Il Festival, inoltre, è stato riconosciuto da “UN SDG action campaign” come un’iniziativa innovativa e un’esperienza unica a livello internazionale.

L’anno scorso la partecipazione si è rivelata un successo, con 1060 eventi organizzati nell’ambito del festival – compreso Arte al Centro 2019 a Cittadellarte – in un ricco calendario che comprendeva, così come questa nuova edizione, attività organizzate direttamente dal Segretariato dell’ASviS, oltre a eventi di rilevanza nazionale realizzati con il contributo delle amministrazioni cittadine e delle università.

Quest’anno l’iniziativa era stata programmata per maggio e giugno ma l’emergenza Covid-19 ha portato a posticipare l’evento. Nonostante le criticità portate dal Coronavirus, ASviS è riuscita a proporre anche il quarto capitolo dell’appuntamento: «Non si tratterà di un semplice differimento – viene specificato nella nota online – ma di un riorientamento e potenziamento delle iniziative del Festival, anche alla luce delle nuove riflessioni scaturite dall’impatto che la crisi ha avuto sulla nostra quotidianità e sul nostro modo di vedere e pensare il futuro».

Questa quarta edizione, che poteva risultare ridotta a causa della pandemia in atto, è riuscita addirittura a oltrepassare i confini nazionali: grazie alla collaborazione con il ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale (Maeci), quest’anno sono coinvolte anche le sedi diplomatiche italiane e gli istituti di cultura all’estero, per diffondere i messaggi della manifestazione a livello globale e coinvolgere enti pubblici e privati italiani che operano in tutto il mondo.

Nella mattinata odierna, dalle 10, prenderà ufficialmente il via l’iniziativa con l’evento di apertura, intitolato “Dalla crisi alla ripresa: trasformare l’Europa e l’Italia nel segno dello sviluppo sostenibile“, un’occasione per riflettere attorno ai temi collegati alla ripresa a livello europeo e nazionale post pandemia. «Grazie alla partecipazione di rappresentanti di primo piano delle istituzioni e di leader di aziende chiave di settori strategici – spiegano gli organizzatori –, la giornata sarà un momento di riflessione senza precedenti su come assicurare un rilancio che renda l’Italia più sostenibile e resiliente». Per visionare la diretta streaming dell’evento – che si terrà al Museo Macro di Roma – è necessario accedere al sito festivalsvilupposostenibile.it o alla pagina Facebook dell’ASviS.

Articolo tratto da: Journal Cittadellarte

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Città o paesi, dove abiteremo in futuro? – Io Non Mi Rassegno #234

|

Paolo Pallavidino: “Vado a vivere sotto i ponti per affrontare le mie paure”

|

Il Visual Garden di Ilaria: “Cambio vita e lancio un progetto per valorizzare il centro storico di Genova”

|

La scuola italiana è in crisi, ma un aiuto può arrivare dall’homeschooling

|

Il turismo responsabile che in Campania sostiene l’impegno sociale

|

Un’altra politica esiste già. Incontro con Marco Boschini ed i Comuni Virtuosi – Dove eravamo rimasti #1

|

Un sogno di comunità per riportare in vita il borgo rurale di Oscata

|

La sfida di Marco: si licenzia e fa il fotografo freelance… anche per suo figlio