10 Nov 2020

Non possiamo battere in ritirata, dobbiamo coltivare bellezza!

Scritto da: Redazione

Nel “piccione” di novembre, Le Galline Felici – rete di agricoltori biologici siciliani che rifornisce moltissimi gruppi d'acquisto solidale in Italia e in Europa – invitano a non mollare e ad affrontare con coraggio non solo le difficoltà dovute alla pandemia, ma anche le recenti offensive dell'agricoltura industriale, come la PAC che disciplinerà la politica europea sul tema nei prossimi anni.

Sicilia - Qualche settimana fa c’è stato un incontro in magazzino con i nuovi “Pulcini” e in quell’occasione le parole di Valeria e Rina hanno talmente emozionato i presenti, che abbiamo chiesto loro di condividerle con tutti noi. Purtroppo per quanto ci si sforzi di “coltivare bellezza” in questo momento storico siamo costretti a combattere un nemico che abbiamo conosciuto lo scorso anno e che ancora condiziona fortemente le nostre vite.

galline felici 2

L’unica certezza che ci accomuna tutti è che, a prescindere da quello che ci aspetta nel prossimo futuro (e nel presente), non possiamo battere in ritirata. Non possiamo permettere a un sistema che promuove e foraggia la grande distribuzione e l’agroindustria (qualcuno ha visto la nuova PAC?) di ignorare la volontà di centinaia di migliaia di donne e uomini di costruire alternative possibili, che si sono dimostrate negli anni non solo valide, ma decisamente più sostenibili, più rispettose e più lungimiranti rispetto al modello vigente.

In molti ci scrivete per sapere se le consegne dei nostri prodotti continueranno. La risposta è si, stiamo continuando a lavorare, come sempre, con la massima attenzione. Vorremmo condividere con voi anche un estratto da una mail di Adrien, che si occupa della logistica per la Francia e il Belgio, in risposta a un gruppo d’acquisto dove sottolinea che il danno sociale supererebbe quello economico se “mollassimo la presa”.

galline felici 1

«È certo – prosegue Adrien – che gli agricoltori e coloro che vivono della produzione di prodotti agricoli in questi momenti hanno bisogno di un grande sostegno da parte dei consumatori. Sarebbe troppo facile per la grande distribuzione reclamare il monopolio sul consumo. E questo potrebbe essere rapidamente drammatico per l’agricoltura locale, i produttori, i gruppi d’acquisto e i piccoli commercianti. Detto questo, comprendiamo la difficile situazione per tutti, l’importante è cercare di trovare insieme le migliori soluzioni e non arrendersi troppo in fretta».

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Non facciamoci sfiancare. Non permettiamo alla paura o peggio alla rassegnazione di condizionare le nostre scelte!

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
“Cancellate la politica agricola europea, uccide l’ambiente e favorisce l’agribusiness!”
“Cancellate la politica agricola europea, uccide l’ambiente e favorisce l’agribusiness!”

Aranciamoci: italiani e migranti insieme contro il caporalato

Terra Viva: la comunità riparte dal recupero dei terrazzamenti
Terra Viva: la comunità riparte dal recupero dei terrazzamenti

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”

|

E se il Covid ci avesse indicato la via per risolvere la crisi della scuola italiana?

|

In Piemonte c’è una “foresta condivisa” di cui tutti possono prendersi cura

|

IT.A.CÀ: in viaggio per il levante ligure per riconquistare il diritto a respirare

|

Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

|

Te Araroa: un viaggio per sé stessi e gli altri oltre i propri limiti