24 Dic 2020

Parco Sole di Notte, un luogo di divertimento e socialità per bambini e ragazzi con malattie

Scritto da: Sara Capurso

Un parco divertimenti totalmente inclusivo che ospiterà gratuitamente bambini e ragazzi affetti da patologie gravi, croniche e inguaribili, e le loro famiglie, per periodi di svago, divertimento e socialità in un’ambiente protetto in cui è garantita un’assistenza medico infermieristica di alto livello. Questo il progetto di Parco Sole di Notte, uno spazio che sorgerà in una vasta area verde nel centro di Pordenone.

Venezia - Avete presente quando da piccoli si aveva paura del buio e non si voleva andare a dormire? Una piccola luce nella cameretta riusciva poi a tranquillizzarci e a farci sentire al sicuro. Da questa idea è piano piano nato un progetto. Non una piccola luce ma un grande sole che metaforicamente illumina il buio della sofferenza e dello sconforto in cui si trovano molti bambini e le loro famiglie. Parliamo di bambini affetti da patologie gravi e che spesso non possono godere del diritto di essere semplicemente dei bambini.

Il progetto del Parco Sole di Notte, nasce per portare un po’ di luce e speranza con un aiuto concreto e coinvolgendo la collettività. Questa struttura innovativa sorgerà nel centro della città di Pordenone in una villa circondata da una grande area verde e qui i bambini e i ragazzi gravemente malati avranno la possibilità di studiare, giocare e vivere la loro quotidianità come qualunque altro bambino.

omar parco sole notte
Omar Leone, ideatore del progetto Parco Sole di Notte
Photo: Pietro Rizzato © 2019 www.instagram.com/pietrorizzato

Abbiamo incontrato Omar Leone, Presidente dell’Associazione Maruzza FVG Onlus, e ideatore del Parco Sole di Notte che ci ha trasmesso fin da subito uno dei capisaldi di questo progetto: «Con questo progetto si vuole creare una struttura dove i cittadini possono interagire con i bambini del centro e viceversa. Le fonti Istat confermano che in Italia ci sono circa 30.000 bambini affetti da patologie gravi croniche inguaribili. Aiutarli non è una nostra cortesia, ma un loro diritto».

L’idea è un parco pubblico dove viene portata la disabilità a usufrutto dei cittadini, infrangendo quelle barriere che isolano non solo i bambini con patologie gravi ma anche le loro famiglie. Si è pensato anche ai fratelli e alle sorelle di questi bambini. Anche per loro ci sarà la possibilità di usufruire di momenti di svago e avranno l’opportunità di confrontarsi con figure professionali e coetanei che vivono realtà simili alle loro.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

«Parco Sole di Notte garantirà competenze infermieristiche di alto livello dove – ci tiene a precisare Omar – la cura medica sarà lo strumento e non l’obbiettivo».

Verrà data al bambino la possibilità di mettersi in gioco e di esprimersi in una realtà dove la malattia non sarà più considerata un limite ma una caratteristica personale. Ciascuno sarà supportato per raggiungere i propri obiettivi partendo da ciò che sono, senza soffermarsi solo sui limiti della loro condizione.

parco sole notte 1

Ci sono molte strutture che ospitano piccoli pazienti affetti da gravi patologie ma spesso sono isolate e alle persone che vivono una vita “normale” non viene data la possibilità di interagire con loro. Il Parco Sole di Notte vuole essere invece un punto di incontro. Ci saranno molteplici servizi per assicurare un ambiente accogliente, divertente, formativo e di supporto continuo. Omar ci racconta che uno dei servizi più innovativi sarà la ristorazione: non ci sarà una mensa ma un vero ristorante con uno chef che ha deciso di aderire al progetto.

Nella struttura saranno presenti un parco avventura artificiale percorribile anche con le sedie a rotelle dove anche i ragazzi senza disabilità potranno interagire con gli ospiti della struttura creando condivisione durante i momenti di gioco all’aria aperta.

Ci saranno una piscina con acqua calda per favorire il rilassamento muscolare dei bambini con difficoltà motorie, una palestra e un’area benessere con stimolazione sensoriale oltre ai più innovativi metodi nel campo della riabilitazione a secco.

Il Parco offrirà supporto anche attraverso le attività di Pet Terapy che da anni dimostrano come l’interazione tra uomo e animale riesca a favorire la capacità di esprimersi dell’individuo, anche in situazioni più complicate quando non c’è in lui la volontà di rispondere alle terapie convenzionali. Il contatto con l’animale ha portato in molti casi al miglioramento della qualità della vita delle persone, agendo in modo dolce sulla sfera emozionale e favorendo la comunicazione con l’esterno.

Grazie alla domotica, inoltre, verranno realizzate delle casette dove i ragazzi affetti da gravi disabilità motorie potranno vivere e muoversi in autonomia. Utilizzando le parti del corpo che riescono a controllare, i bambini potranno gestire tutte le funzioni della casetta che verrà realizzata con il supporto di aziende specializzate in questo campo.

Inoltre verranno create nuove sinergie con le università, dando vita a nuovi casi di studio e di ricerca.

parco sole notte 3
Photo: Pietro Rizzato © 2019www.instagram.com/pietrorizzato

La Fondazione Maruzza opera nel campo della cure palliative pediatriche che hanno l’obbiettivo di prendersi cura della persona non solo focalizzandosi sulla malattia ma dando supporto alla parte spirituale, emozionale, sociale e aiutando l’individuo nella sua totalità.

Il Parco Sole di notte darà la possibilità di usufruire di percorsi formativi sulle cure palliative pediatriche a medici, infermieri, psicologi provenienti da tutto il territorio nazionale.

Ci sarà la possibilità di toccare con mano le realtà che vivono questi bambini e di interagire con loro usufruendo di sale riunioni all’interno del Parco ma anche degli alloggi, della piscina e del ristorante.

Il team, oltre che la Fondazione Maruzza che si trova a Roma è costituito da persone che apportano il loro contributo costante per realizzare questo progetto il prima possibile. Collaborano al progetto anche uno chef, un sommelier Eno gastronomico e alcune famiglie che saranno i potenziali fruitori del progetto.

parco sole notte 2

La realizzazione del Parco Avventura è prevista per maggio 2021. Il lavoro da fare è molto e serve il supporto di tutti. «La villa dove sorgerà il centro richiede una grande ristrutturazione. Ci rivolgiamo in particolare a quelle famiglie che vivono la quotidianità accanto a un bambino con gravi patologie e che capiscono più di chiunque altro tutto ciò che potrà servire a questi ragazzi. Se ognuna di loro desse un piccolo contributo, il risultato sarebbe importante, anche e soprattutto per loro. Servono fondi ma il il contributo – continua Omar . potrebbe essere donato anche sotto forma di servizi. Chi si trova nel campo dell’edilizia, ad esempio, potrebbe supportarci nella realizzazione delle strutture che abbiamo progettato.

Sicuramente il Parco Sole di Notte avrà una progettualità unica da molti punti di vista e una trasversalità di impatto sociale etico ed economico.

L’inclusione è uno degli aspetti fondanti e fondamentali del progetto grazie al quale si punta ad abbattere quei muri che spesso isolano tutto ciò che ruota intorno alle persone disabili.

Omar ci saluta citando un detto africano che dice che “per crescere un solo bambino ci vuole un intero villaggio” e continua «di conseguenza per realizzare il Parco Sole di Notte e per sostenerlo ci vuole un piccolo supporto da parte di tutti perché questi 30.000 bambini gravemente malati in Italia sono comunque un po’ figli nostri».

Articoli simili
Community School: Il territorio si unisce per contrastare la povertà educativa
Community School: Il territorio si unisce per contrastare la povertà educativa

Pet and Breakfast: il luogo per un soggiorno green con i nostri amici animali
Pet and Breakfast: il luogo per un soggiorno green con i nostri amici animali

Cinema in ospedale per bambini e ragazzi per attutire il trauma della malattia
Cinema in ospedale per bambini e ragazzi per attutire il trauma della malattia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Negozio Leggero, dove fare la spesa alla spina per un nuovo commercio di vicinato

|

Il passo della sosta: quando la vita rinasce mentre si siede su una panchina

|

EcoPlanner, eventi green perché a festeggiare sia anche la Terra

|

Siamo alla frutta: la natura non è una catena di montaggio!

|

Abusi edilizi: ecco cosa sta succedendo in Sicilia

|

Giufà come Godot: gli attori scendono dal palco e diventano attivisti

|

Orsigna Arum Festival: ritroviamoci nel bosco per rigenerare noi stessi e gli altri