Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
8 Mar 2021

Come coltivare un orto biologico? Scopriamolo insieme a Let Eat Bi!

"Come coltivare un orto bio" è l'iniziativa online dedicata a tutti coloro che desiderano avvicinarsi a questa pratica. Il corso si svolgerà tra marzo e aprile e sarà tenuto dagli agronomi Alice Bordignon ed Enrico Regis, che ci racconteranno i metodi di coltivazione e l'importanza di coltivare un orto per alimentarci in modo sano.

Coltivare un orto biologico, conoscere le tipologie di suolo, scoprire le rotazione e le consociazioni, controllare le erbe infestanti, contrastare le eventuali malattie degli ortaggi in modo sostenibile e praticare operazioni meccaniche (sarchiatura, rincalzatura e pacciamatura): sono queste, in sintesi, le tematiche chiave del nuovo corso online di Let Eat Bi, progetto avviato insieme a una fitta rete di partner tra associazioni, cooperative, imprese sociali e comunità territoriali biellesi, che coniuga coltura, cultura e convivialità, con particolare attenzione all’inclusione sociale e al legame con il territorio.

L’iniziativa intitolata “Come coltivare un orto bio” sarà curata dagli agronomi Alice Bordignon ed Enrico Regis e si svolgerà sulla piattaforma Zoom al giovedì in 4 serate dalle 21 alle 22, ossia il 18 e il 25 marzo e l’8 e il 15 aprile. Alice è un’agronoma di Santhià con origini biellesi che si occupa di corsi e assistenza alle aziende frutticole e orticole (oltre che insegnante in una scuola secondaria di primo grado), mentre Enrico, vercellese e docente di scuola media, è specializzato nei processi di stabilità delle piante, architettura del paesaggio e perizie.

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

ATTIVATI

«Abbiamo proposto questo corso – ci ha raccontato Alice – tra marzo e aprile perché è il periodo migliore per preparare l’orto. L’iniziativa si rivolge a neofiti, hobbisti di orticoltura e a coloro che hanno già le basi e desiderano ricevere un’infarinatura in più su questo argomento».

L’agronoma, insieme a Let Eat Bi, ha dovuto rimodulare la fruizione del corso per far fronte all’emergenza Covid-19, ma la proposta online consentirà di coinvolgere un bacino di utenza più ampio, non necessariamente biellese o vercellese. «Sarà un approccio nuovo – ha aggiunto – perché negli ultimi anni ho organizzato giornate di orticoltura e frutticoltura con la potatura delle piante nel periodo autunnale, alternando la parte pratica e quella teorica, sempre in presenza».

L’agronoma si sofferma poi sull’impronta che darà al corso: «L’attività che proporremo sarà costruita sulla filosofia di agricoltura biologica e metteremo in luce l’importanza di alimentarsi e coltivare cibo bio. Oltre ai suggerimenti che daremo, saremo a disposizione dei partecipanti per venire incontro alle loro esigenze».

Alice ha inoltre anticipato la differenza fra i metodi di coltivazione: «In quello convenzionale si fa uso di prodotti chimici, tra fertilizzanti, insetticidi e fungicidi; in quello legato all’agricoltura integrata si utilizzano prodotti chimici soltanto quando c’è la necessità. Nel metodo biologico, invece, vengono utilizzati solo concimi, fungicidi e insetticidi di origine vegetale e/o animale».

Con il corso gli organizzatori intendono inoltre spingere gli aspiranti partecipanti a coltivare un orto in casa propria, avvicinando le persone alla natura e all’agricoltura sostenibile. Non solo: «In questo periodo di pandemia – ha concluso – sarà interessante passare serate diverse, confrontandoci su argomenti positivi, legati alla natura e alla rinascita. L’iniziativa potrà essere un toccasana anche in un’ottica di benessere emotivo per tutti i partecipanti».

Per partecipare è necessario confermare la presenza entro il 15 marzo inviando una email a leteatbi@cittadellarte.it. Per informazioni sul costo e sui dettagli del corso consultare il seguente sito.

Articolo tratto da: Journal Cittadellarte

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La diga della discordia che divide l’Africa orientale – Io Non Mi Rassegno #351

|

Sicilia Che Cambia: noi siamo pronti… e voi?

|

Tracciaminima: un trekking per riscoprire “in punta di piedi” il Lago Maggiore

|

Mimosa: il sostegno alle vittime di sfruttamento sessuale arriva dai cittadini

|

“Gli asini ci insegnano la calma e a vivere la vita ai ritmi della natura”

|

VocAMOlario: impariamo a parlare di amore e sessualità – Amore Che Cambia #2

|

Proxima: una sartoria sociale dove ricucire tessuti e vite

|

Tribal Italia: portiamo etica e sostenibilità nel mondo degli integratori