27 Set 2021

Refugees Welcome: storia di una famiglia e di un giovane che ha ritrovato la speranza

Gli studenti e le studentesse del progetto "Un giornalista in classe" ci raccontano la storia di Diallo e della famiglia Martini, protagonisti di uno dei tanti programmi di accoglienza di Refugees Welcome. Una storia di solidarietà, condivisione, scambio che ci ricorda come una vita segnata possa trovare nuovi e inaspettati sbocchi grazie al cuore del prossimo.

Milano, Lombardia - Refugees Welcome Italia è un’associazione onlus apolitica attiva dal 2015, è diffusa nelle principali città italiane ed è aderente all’omonimo network europeo nato a Berlino sette anni fa. La sua attività principale consiste nell’adozione, da parte di una famiglia partecipante al progetto, di un individuo con lo status di rifugiato di età tra i 18 e i 35 anni. Attraverso questo tipo di iniziative, l’associazione opera affinché l’accoglienza in Italia sia diffusa con capillarità e professionalità.

Con “famiglia” si intende una qualsiasi persona, coppia o famiglia con figli, che possa mettere a disposizione una camera per il rifugiato e dedicargli del tempo per farlo integrare nella società. I ragazzi accolti sono solitamente usciti da centri di accoglienza, in cui si può stare finché si è minorenni.

Refugees Welcome cerca quindi di creare una rete di rapporti sociali a sostegno del rifugiato, trasmettergli una maggiore conoscenza della lingua e della cultura e attivare le sue risorse umane o professionali, in modo da poter un giorno entrare nel mondo del lavoro. Il periodo di “adozione” dura almeno 6 mesi, il tempo minimo per imparare a convivere e avere uno scambio culturale significativo.

refugees welcome

Tutto il progetto – di cui abbiamo parlato diverse volte su Italia Che Cambia, come per esempio in questo approfondimentoè ovviamente seguito da un team di esperti: project manager, operatori sociali, psicologi, legali, esperti in comunicazione e raccolta fondi, giornalisti e ricercatori sociali.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Per partecipare, è sufficiente iscriversi al sito di Refugees Welcome Italia, da cui si possono anche attingere e donare risparmi, per chi avesse difficoltà a coprire le spese del nuovo arrivato in famiglia. All’iscrizione, ognuno può esprimere le proprie abitudini e preferenze: ci pensa poi un gruppo di esperti a trovare gli abbinamenti giusti tra i rifugiati e le famiglie.

Per farvi capire meglio lo spirito del progetto, vorremmo parlare di una delle tante storie di famiglie che accolgono un rifugiato per dargli accoglienza e amore, in modo che possa avvenire un magnifico scambio culturale per far sì che l’ospite possa integrarsi al meglio nella nuova società.

Questa è una storia abbastanza recente: risale a settembre 2020, quando Diallo – un giovane ragazzo di vent’anni – viene accolto dalla famiglia Martini, che già da tempo avrebbe voluto partecipare al programma proposta da Refugees Welcome. Quella dei Martini è una famiglia numerosa, ma tutti sono d’accordo; così, comincia la loro esperienza con Refugees Welcome.

Il primo incontro con la famiglia è difficile per Diallo, poiché il ragazzo non vuole rappresentare un peso per loro. Tuttavia viene subito colpito dall’allegria dei figli di Annalisa. A 15 anni Diallo è stato costretto a lasciare il suo paese natale, la Guinea Conakri, per raggiungere dopo un mese la Libia. Lì è stato detenuto e poi venduto a una persona che lo ha costretto a lavorare duramente per lui.

Fortunatamente è riuscito a scappare, ma sempre rimanendo nascosto per evitare di essere rintracciato e restituito al “padrone”. In quel momento ha capito che l’unico modo per poter avere la possibilità di un futuro migliore era tentare il viaggio per l’Europa. Sul gommone erano in 140. Sarebbe voluto essere l’ennesimo viaggio della speranza, ma è stata una strage. Solo quaranta sono sopravvissuti, tra cui lui. Finalmente Diallo arriva in Italia: viene portato in un centro di accoglienza, ottiene lo status di rifugiato e decide di andare a vivere temporaneamente in una casa con una famiglia. Così inizia tutto.

Refugees Welcome2
Diallo con la famiglia Martini

Giacomo, uno dei figli di Annalisa, afferma che «quando sento Diallo raccontare la sua storia mi rendo conto di quanto io sia fortunato a vivere in un paese in cui mi sento al sicuro e dove nessuno mi fa del male. Nascere in un posto invece che in un altro, influisce su tutto il corso della tua vita».

La storia della famiglia Martini, come quelle di tante altre famiglie, ci fa comprendere l’importanza di ogni gesto, anche piccolo, ma che se intrapreso da molti può mutare i destini di tante persone. Il bello di queste esperienze è che non solo cambia la vita di chi viene accolto, ma diventa una grande avventura ricca di insegnamenti anche per le famiglie che accolgono.

Infine, tutti noi dovremmo far nostre le parole di Annalisa: «È importante che i nostri figli capiscano che nulla è loro dovuto, che la vita di molte persone nel mondo è piena di difficoltà e che non ci si può voltare dall’altra parte. Bisogna tendere la mano».

Questo contributo è stato realizzato dagli studenti e dalla studentesse delle scuole secondarie di secondo a conclusione dell’attività “Un giornalista in classe”, percorso di giornalismo ambientale condotto dalle giornaliste e giornalisti di Italia che Cambia all’interno del progetto SOStenibilmente. #SOStenibilmente è un progetto nazionale di educazione ambientale promosso da CIFA ONLUS e co-finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, volto a costruire una cultura basata sul rispetto dell’ambiente e sui principi dello sviluppo sostenibile, promuovendo il protagonismo giovanile e l’integrazione da parte di cittadini e rappresentanti delle istituzioni di una prospettiva rispettosa dell’ambiente nelle proprie scelte quotidiane.

Articolo scritto da Matilde Zacchera, Francesco Simontacchi e Ludovica D’Alessandro della classe 1CL dell’istituto Leone XIII di Milano.

Articoli simili
Rifugio Diffuso: ospitare un rifugiato per aiutarlo a diventare autonomo
Rifugio Diffuso: ospitare un rifugiato per aiutarlo a diventare autonomo

Migranti, benvenuti a Riace: dove l'utopia è normalità

Così i migranti aiutano gli studenti italiani

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le “relazioni pericolose” di Cingolani – Io Non Mi Rassegno #525

|

“La tempesta Vaia ci ha lacerato, ma ci ha anche spinto a fare qualcosa per il nostro Pianeta”

|

MedReAct: “Ecco come difendiamo il Mediterraneo dalla pesca intensiva e dai cambiamenti climatici”

|

Censura mediatica e repressione: la lobby del petrolio colpisce Italia Che Cambia e Fridays For Future

|

La finanza etica può contrastare l’economia di guerra? Secondo Anna Fasano sì. Ecco come…

|

Stavolta tocca a noi. Emerging Communities sbarca a Mantova per scoprire Italia che Cambia

|

Dalle multinazionali alla terra, il ritorno di Nella De Vita in Calabria – Io Faccio Così #354

|

Vivere in barca vela con tre figli e un cane. Insieme nel bene e nel mare