7 Ott 2021

Pensare globale e agire locale: ecco come, dove e quando

Scritto da: Brunella Bonetti

La prima metà di ottobre può essere un periodo di mobilitazione per fare qualcosa di utile e migliorare il territorio in cui viviamo. Da ASVIS e WWF ecco due proposte per attivarsi in prima persona, diventando cittadini partecipi e consapevoli e contribuendo a diffondere il cambiamento positivo.

Ottobre è il mese giusto per avvicinarsi alle idee e alla pratica della cittadinanza attiva, dell’informazione e della consapevolezza sui temi ambientali, della creazione di legami con associazioni e movimenti che si battono quotidianamente per rendere il nostro territorio, il nostro paese e il mondo intero un posto migliore. Ecco due spunti che vi offriamo.

I festival

Il Festival dello Sviluppo Sostenibile organizzato da ASVIS è la più grande iniziativa italiana per sensibilizzare e mobilitare cittadini, giovani generazioni, imprese, associazioni e istituzioni sui temi della sostenibilità economica, sociale e ambientale, diffondere la cultura della sostenibilità e realizzare un cambiamento culturale e politico che consenta all’Italia di attuare l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e centrare i 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile. 

La Festa della Natura in Città invece, orchestrata dal WWF, nasce per stimolare una nuova visione degli spazi urbani e dare valore alla natura; ampliare la conoscenza sulla Natura in Città e la sua importanza; rafforzare l’ottica della Natura “sotto casa” attraverso la partecipazione attiva (citizen science); aggregare e attivare la comunità nella scoperta e cura della Natura (dalla citizen science alla citizen conservation); coinvolgere realtà civiche (oltre alla rete nazionale WWF) già impegnate nella gestione di Aree Verdi, parchi urbani, orti sociali e giardini condivisi; individuare punti critici ed esperienze pilota sulla migliore gestione di aree verdi e della biodiversità urbana e definire una piattaforma condivisa sui temi WWF per punti delle richieste valide in tutto il territorio nazionale per il buon governo della Natura in Città.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

foto1

I programmi

Il Festival dello Sviluppo Sostenibile propone centinaia di iniziative su tutto il territorio italiano e in rete. Convegni, presentazioni di libri, mostre, film, flash mob e molto altro ancora, finalizzati a stimolare il confronto e la condivisione di nuove idee, e a diffondere la cultura dello sviluppo sostenibile, ovvero quello sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri. Il Festival sarà scandito inoltre da tre eventi organizzati direttamente dal Segretariato dell’ASviS e da altri 18 appuntamenti di rilevanza nazionale proposti dagli Aderenti all’Alleanza che saranno l’occasione per approfondire le molteplici tematiche legate all’Agenda 2030. Qui il programma dei 713 eventi organizzati su tutto il territorio nazionale.

La Festa della Natura in Città si manifesta come una vera e propria celebrazione della natura negli spazi urbani: luoghi da custodire e festeggiare con ancora maggiore attenzione e consapevolezza. In tutta Italia scuole, imprese, comunità e cittadini organizzeranno attività e iniziative virtuose per proteggere e incrementare la biodiversità nelle nostre città. Per tutta la giornata si susseguiranno visite guidate, workshop e laboratori per scoprire la biodiversità urbana e come imparare a prendercene cura. Qui la mappa interattiva con tutti gli eventi in Italia di Urban Nature 2021 (prenotazione obbligatoria).

Chi organizza

Da una parte c’è l’ASVIS, Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, nata il 3 febbraio del 2016 per far crescere la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e per mobilitare allo scopo di realizzare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

Dall’altra, il WWF che da più di 60 anni, lotta per difendere l’ambiente e le specie più a rischio. Consapevole che il benessere di ogni essere vivente è legato in modo imprescindibile a quello di tutte le altre specie animali e vegetali con cui condividiamo questo straordinario pianeta, questa imponente organizzazione presente ormai in tutto il mondo, s’impegna in ogni modo e maniera nella tutela dell’ambiente come una risorsa fondamentale per la vita, da difendere e tutelare dai pericoli, dal profitto e dagli interessi che lo mettono continuamente a rischio.

URBAN NATURE

Dove e quando

Il Festival dell’ASVIS, iniziato il 28 settembre, durerà fino al 14 ottobre 2021 in tutta Italia. Sarà esperienza unica e innovativa a livello internazionale, come è stata riconosciuta dalle Nazioni Unite, grazie a migliaia di iniziative (2789 nelle passate quattro edizioni) tra cui convegni, seminari, workshop, mostre, spettacoli, eventi sportivi, presentazioni di libri, documentari volti a coinvolgere, includere e dare voce alla società italiana.

Urban Nature 2021 tingerà di verde la giornata di domenica 10 ottobre, In tutta Italia numerosissimi gli eventi e le iniziative per celebrare la Festa della Natura in città e scoprire la biodiversità custodita nelle aree urbane. Per tutta la giornata si susseguiranno visite guidate, workshop e laboratori, spettacoli artistici, eventi sportivi, giochi e laboratori dedicati a famiglie e ragazzi. L’evento centrale della Festa della Natura in città si terrà presso l’Orto Botanico di Roma. Tutto ciò e molto altro, per scoprire la biodiversità urbana e come imparare a prendercene cura.

Perché partecipare

Il 25 settembre 2015, le Nazioni Unite hanno approvato l’Agenda Globale per lo sviluppo sostenibile e i relativi 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals – SDGs nell’acronimo inglese), articolati in 169 Target da raggiungere entro il 2030. È un evento storico, sotto diversi punti di vista. Infatti “è stato espresso un chiaro giudizio sull’insostenibilità dell’attuale modello di sviluppo e tutti i Paesi sono chiamati a contribuire allo sforzo di portare il mondo su un sentiero sostenibile”. Soprattutto le nostre città devono affrontare sfide difficili come rispondere efficacemente ai cambiamenti climatici, ridurre gli impatti derivanti da un territorio estremamente impermeabilizzato, promuovere una buona gestione delle acque urbane e degli ecosistemi acquatici.

Tuttavia, non è mai troppo tardi e iniziative come il Festival dello Sviluppo sostenibile e la Festa della Natura in città ne sono la prova. Da un lato, le nostre città possono ancora essere ridisegnate per mettere al centro la gestione del territorio urbanizzato, progettando e riqualificando gli spazi liberi e verdi in funzione del benessere, della qualità della vita e della sicurezza delle popolazioni. D’altra parte, l’attuazione dell’Agenda Globale per lo sviluppo sostenibile richiede un forte coinvolgimento di tutte le componenti della società, e lo sforzo congiunto di associazioni, istituzioni, ma anche di ogni singolo essere umano. Allora partecipiamo anche noi al cambiamento e diventiamo nel nostro piccolo promotori di un modo più sostenibile di vivere sul Pianeta che ci ospita: perché pensare locale è agire globale!

Articoli simili
Una vita seconda natura. Devis Bonanni e l'identikit del “Buon Selvaggio”

A dieci anni puliscono la spiaggia della riviera romagnola

Come state? Come stiamo? Italia che Cambia e il coronavirus
Come state? Come stiamo? Italia che Cambia e il coronavirus

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita

|

Emerging Communities: scopriamo insieme i progetti virtuosi dell’Europa che cambia

|

A House is a Home: il progetto di “re-housing” per persone senza fissa dimora

|

Bice Parodi: “Ciò che gridavamo al G8 è ciò per cui dobbiamo combattere ancora oggi” – #1

|

Il Piccolo Festival della Microfinanza, perché il denaro crei ricchezza per le comunità

|

La disabilità non è un atto eroico, io racconto prima di tutto le persone