9 Mag 2024

Sentite il Richiamo del Bosco? A giugno valli e montagne vi aspettano

Scritto da: Salvina Elisa Cutuli

"La storia di un incontro, tra noi e la natura". Così uno degli organizzatori, Enrico De Luca, definisce la genesi della rete Richiamo del Bosco e dell'omonimo festival che fra il 7 e il 9 giugno animerà le terre alte biellesi con trekking, dibattiti, laboratori, spettacoli e altre iniziative, tutte con un intento comune: recuperare il legame con il mondo naturale.

Salva nei preferiti

Biella - Passione, competenza e amore per il bosco. È nata così la rete Richiamo del Bosco, che unisce operatori attivi nell’accoglienza turistica nelle valli e nelle montagne biellesi che cooperano insieme, ognuno con la propria esperienza, per far conoscere e apprezzare la storia, la bellezza e la natura di un territorio ancora fuori dai circuiti del turismo di massa.

Il richiamo delle terre alte e dei boschi e della pratica di Forest Bathing è il comune denominatore che ha permesso a Enrico, Fabrizio, Diletta, Marco, Fabio e Sara di unirsi in un percorso di esperienze che contemplano calma, silenzio e il tempo lento per vivere la Natura. La rete Richiamo del Bosco ha creato un festival che porta lo stesso nome e che si svolgerà dal 7 al 9 giugno in diverse località del biellese e avrà come campo base il Santuario di San Giovanni d’Andorno, in Alta Valle Cervo.

IMG20230730105823
oplus_32

«Abbiamo sognato un luogo che potesse diventare anche tempo e relazione. Lo abbiamo chiamato Festival, ma è prima di tutto la storia di un incontro, tra noi e la natura. Lo abbiamo riempito di tutta la bellezza che potevamo esprimere dopo anni di attività in bosco, chiamando amici e collaboratori. Lo abbiamo arricchito di visione e contenuti, è diventata una festa di tre giorni», commenta Enrico De Luca, accompagnatore turistico, guida ambientale escursionistica, facilitatore di Forest Bathing e tra gli ideatori della rete Richiamo del Bosco.

Il Festival è un evento culturale che la rete al momento propone nel biellese, ma con la speranza che possa arrivare anche altrove. Un’opportunità per conoscere luoghi semplici, incontaminati e con paesaggi incredibili che per la loro purezza ed essenzialità, sono un vero e proprio nutrimento per il corpo e l’anima, lontani dallo stress della vita quotidiana i cui ritmi ci allontanano da un sentire più profondo delle nostre reali necessità. Sarà possibile, infatti, addentrarsi nei boschi che circondano il Santuario di San Giovanni d’Andorno per una breve passeggiata, per allenare il proprio sguardo alla ricerca del bello grazie alle attività di educazione e natura, esplorazione, ricerca e meraviglia. 

Abbiamo sognato un luogo che potesse diventare anche tempo e relazione

In un’ottica di potenziamento delle capacità espressive e di inclusione delle persone con disabilità sarà possibile partecipare a una passeggiata inclusiva in compagnia dei promoter della cooperativa Tantintenti – un gruppo che ha al proprio interno anche persone con difficoltà relazionali, di movimento e/o con ritardi mentali e i promoter sono stati coinvolti in un percorso di co-progettazione di escursioni in luoghi caratteristici del territorio biellese – alla scoperta di un itinerario turistico/ambientale tra Campiglia Cervo e il santuario di San Giovanni.

Con Alessandro De Guelmi, veterinario, Gabriele Locatelli, fondatore del festival Oltreterra, nuove economie per i territori montani, e Diana Sartori, abitante della montagna e membro della rete d’impresa Si Parte Dal Bosco, si proverà a capire se è possibile un dialogo tra l’uomo e la natura. Un’intera giornata sarà dedicata alla conoscenza di luoghi suggestivi del biellese in bici. Un percorso adatto anche ai principianti permetterà di scoprire nuovi sapori con i prodotti della Comunità Slow Food Travel Montagne Biellesi. E poi ancora musica con Drum Circle, l’evento musicale che aprirà ufficialmente il festival. Pensato per gli adulti, sarà un momento per condividere il ritmo e l’essere in armonia con se stessi e gli altri.

VDAcqua 2023 Enrico 10 1

Ci saranno anche spazi dedicati al movimento e all’ascolto del corpo. Dallo spettacolo di danza, “Il Respiro del Bosco”, al laboratorio di movimento creativo nel bosco basato sulla percezione sensoriale e orientato all’esperienza che favorisce la concentrazione, la creatività e la fantasia, le relazioni sociali, il linguaggio, il rapporto con la natura e il benessere. E poi ancora il risveglio in Natura con il Qi Gong e due eventi di Foresta bathing nei boschi intorno al Santuario.

Tra i momenti culturali, da non perdere l’aperitivo con Marika Ciaccia di My life in Trek, una guida escursionistica ambientale che aiuta le persone ad avvicinarsi alla natura abbandonando la zona di comfort, e il concerto di Emiliano Toso presso il Sagrato della chiesa del Santuario. Un biologo molecolare diventato un musicista famoso in tutto il mondo per la sua Translational Music, una musica vicina alla biologia utilizzata in moltissimi contesti diversi in virtù dei suoi effetti benefici. Non avete scuse, se volete vivere momenti di benessere, semplicità, cultura e natura non potete mancare, il festival Richiamo del Bosco vi aspetta!

Qui trovate il programma completo, tutti gli eventi sono prenotabili scrivendo a info@richiamodelbosco.it

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Agroecologia, sostenibilità, comunità: la Sardegna al centro del festival “Challenge Naturalmente locale”
Agroecologia, sostenibilità, comunità: la Sardegna al centro del festival “Challenge Naturalmente locale”

Primaurora, l’associazione per la tutela e la salvaguardia del Vesuvio
Primaurora, l’associazione per la tutela e la salvaguardia del Vesuvio

Voglia di riconnettersi con la natura? Seguite Il Richiamo del Bosco
Voglia di riconnettersi con la natura? Seguite Il Richiamo del Bosco

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Chi è monsignor Viganò, accusato di Scisma dalla Chiesa (e che c’entra Trump) – #953

|

Richiamo del bosco: dall’arte al forest bathing per vivere la natura tutto l’anno – Dove eravamo rimasti #33

|

Francesco Gesualdi: “Ecco come superare la cultura bellicista e capitalistica”

|

Oro rosso di Sicilia, la cooperativa che ha reintrodotto lo zafferano ennese

|

DIALECT, il progetto che costruisce comunità inclusive sul campo di calcio

|

Garden Sharing: giardini e cortili sono più belli quando sono condivisi

|

Il sogno di Fondalicampania: ripulire il golfo di Napoli dalle microplastiche

|

Flaco, fondatore dei Punkreas: dal punk alla guerra, fino alla musica come impegno sociale

string(8) "piemonte"