4 Feb 2020

Il basket (e non solo) per i bambini di Ostia: i quartieri difficili ripartono dallo sport!

Scritto da: Paolo Cignini
Video realizzato da: Paolo Cignini

Nei quartieri difficili lo sport può rappresentare per bambini e ragazzi uno strumento di educazione, inclusione e riscatto sociale. Ne sono convinti gli allenatori della Fondazione Laureus, impegnati per promuovere attività sportive e percorsi di sostegno ai giovani in particolare in alcuni contesti, come quello di Ostia, in provincia di Roma.

Roma - «Il contesto di Ostia, da sempre, è diviso in due parti: Ostia levante e Ostia ponente, la parte storica di Ostia e quella nuova. Nell’immaginario comune, Ostia levante è la parte più tranquilla, mentre la parte nuova della città è quella con maggiori pericoli. Come tutti i luoghi comuni, è vero e falso allo stesso tempo: noi lavoriamo con i bambini e loro hanno solo voglia di imparare, crescere, confrontarsi e divertirsi. Da qui bisogna ripartire, perché le logiche divisorie le creiamo noi adulti».

Ostia, frazione litoranea del comune di Roma, è uno dei “quartieri difficili” in cui opera la Fondazione Laureus. Un quartiere per modo di dire, perché conta ben ottantacinque mila abitanti e ha una dimensione assimilabile a quella di una cittadina.

Negli ultimi anni è (troppo) spesso rappresentata al pubblico, a livello mediatico, tramite episodi di violenza e malavitosi in generale. Sono veri e tangibili, non dobbiamo negare la realtà: ma sono una parte della storia.

Per questo, Italia che Cambia cerca di raccontare i luoghi da un altro punto di vista e le esperienze di reazione a situazioni di difficoltà e degrado: come ci è capitato a Scampia con Barbara Pierro, il Mammut e il Gridas, lo abbiamo fatto anche ad Ostia soprattutto da un punto di vista legato all’educazione, con le esperienze dei Maestri di Strada e dell’Associazione Manes e con due asili outdoor: l’Asilo nel Bosco e l’Asilo del Mare.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Da qualche settimana a questa parte vi stiamo raccontando la struttura e le attività della Fondazione Laureus, l’organizzazione che promuove lo sport come strumento terapeutico nella prevenzione del disagio e che è attiva in alcune città italiane nel 2005.

Laureus opera anche ad Ostia, in collaborazione con uno degli istituti storici del quartiere romano: l’Istituto Comprensivo “Via Giuliano da Sangallo”. Il lavoro insieme permette a molti bambini e ragazzi di Ostia di poter usufruire di diverse attività sportive, coadiuvate dagli allenatori Laureus con le metodologie che vi abbiamo descritto qui.

Uno degli allenatori Laureus (è sua la dichiarazione in apertura dell’articolo), cresciuto ad Ostia, è l’istruttore di minibasket Marco Ciceroni.

Nel video che segue, insieme al tutor Laureus Gabriele Manca e all’insegnante dell’Istituto Sangallo Anna Franceschini, ci raccontano nel dettaglio come si struttura questo tipo di collaborazione e quali effetti benefici ha sulle principali vittime del disagio nei contesti urbani e non: i bambini.

Articoli simili
La storia di Simone: “Sono tornato in Sardegna per diffondere la cultura dello sport”
La storia di Simone: “Sono tornato in Sardegna per diffondere la cultura dello sport”

Calciosociale, la solidarietà va in rete quattro volte
Calciosociale, la solidarietà va in rete quattro volte

Yoga e sport nella natura per ritrovare se stessi: la storia di Agrilunassa
Yoga e sport nella natura per ritrovare se stessi: la storia di Agrilunassa

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza