Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
8 Ott 2020

Liberi di camminare (ai tempi del Covid-19)

Scritto da: Paolo Piacentini

Camminare è un'azione semplice e alla portata di tutti che comporta benessere individuale e collettivo. È quanto sottolinea Federtrek presentando la Giornata Nazionale del Camminare che si celebra domenica 11 ottobre e che quest'anno, con la pandemia in corso e dopo il lungo lockdown, assume una valenza particolarmente importante.

La Giornata Nazionale del Camminare ai tempi del COVID, nel rispetto dei provvedimenti di prevenzione sanitaria che saranno in vigore per l’11 ottobre, ha un grande significato. La Federtrek ha deciso di mantenere l’appuntamento ritenendo che il camminare in città o lungo i Cammini storico culturali, come attraverso la vasta rete sentieristica oppure visitando i piccoli borghi è un modo per rigenerarsi nel corpo e nello spirito dopo il duro periodo del lockdown.

Come ogni anno anche in questa particolare edizione stanno arrivando adesioni da tutta Italia e siamo sicuri che sarà un crescendo fino agli ultimi giorni. Si cammina per pulire un sentiero, per visitare gli angoli più nascosti delle nostre città o per assaporare il fascino di un piccolo borgo da raggiungere a piedi dopo aver mosso i nostri passi lungo un itinerario storico-culturale.

L’invito della Federtrek è di mettersi in cammino per riprendersi le strade e le piazze del nostre città o alimentare il turismo a piedi immergendosi nei meravigliosi paesaggi italiani.

Domenica 11 ottobre vogliamo che sia solo l’inizio di un nuovo stile di vita individuale e collettivo per fare in modo che, davvero, il semplice gesto del camminare determini uno stato di benessere nelle persone e nelle comunità.

Il 4 ottobre Papa Francesco ha diffuso la nuova Enciclica “Fratelli Tutti” e la sua insistenza sulla necessità di un cambio radicale per curare il profondo male dell’individualismo e del consumismo smisurato, si sposa bene con la grande rivoluzione del camminare come gesto quotidiano che aiuta a “dematerializzare” le nostre vite.

Camminando facilitiamo la riscoperta della prossimità dei luoghi che ospitano il nostro abitare e facilitiamo l’incontro con l’altro per costruire un nuovo noi, passaggio fondamentale verso la ricostruzione di comunità solidali.

La dura esperienza del lockdown alcuni dogmi li ha frantumati e c’è stata un’accelerazione verso lo smart working o la realizzazione di piste ciclabili e l’aumento delle aree pedonali, ma le vecchie abitudini di massa legate all’uso irrazionale dell’auto sembrano riprendere spazio. Se torniamo indietro verso la fruizione insostenibile dello spazio urbano, vuol dire non aver capito che la nostra società malata era malata, come ci ha ricordato Papa Francesco e che la cura va cercata nel coraggio di incamminarci davvero verso un modello socio – economico sostenibile.

Il camminare sta dentro questa grande rivoluzione necessaria perché parte dalla cura di sé per approdare alla cura del mondo che ci circonda e della comunità cui apparteniamo.

A proposito di nuova consapevolezza e cura dei territori invito tutti a riflettere su come l’asfalto e quindi il dominio dell’auto, abbia stravolto anche i centri storici più piccoli. Piazze, vie e perfino vicoli trasformati in nere colate di catrame che impermeabilizzano la rete viaria determinando, tra le altre cose, un’accelerazione del ruscellamento dell’acqua piovana contribuendo ai gravi fenomeni alluvionali a valle.

Invito tutti quelli che cammineranno nei piccoli borghi ad inviare foto che mettano in evidenza sia la bellezza che il degrado, attraverso la pagina della Giornata del Camminare.

Il camminare sta diventando, in molte scuole, parte fondante dell’attività motoria, vista la difficoltà di poter fare sport in spazi chiusi. Speriamo che anche in questo caso di necessità si faccia virtù per arrivare a disegnare nuove strategie per una didattica outdoor all’interno di un progetto istituzionale che dovrebbe vedere innovativi piani formativi legati alla frequentazione dei Cammini italiani.
 
Per aderire alla Giornata o partecipare ai vari eventi in programma basta andare sul sito dedicato.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La crisi umanitaria dei profughi in Bosnia – Io Non Mi Rassegno #294

|

Jean e Sabin, i maestri che camminano quattro ore al giorno per fare lezione ai loro alunni

|

Il ritorno all’agricoltura degli under 35

|

Il cammino che ai tempi del Covid trasforma il turismo lento in nuova economia

|

Temporary cohousing, nasce un nuovo modello di vita in condivisione

|

Da La Spezia alla Svezia: quando un viaggio a piedi cambia la vita

|

Officine Recycle: una nuova vita per uomini e biciclette – Io faccio così #315

|

Ritrovare il contatto con la natura per vivere bene e in salute