14 Giu 2021

La Città della Luce, la comunità in natura dove si cresce insieme

La Città della Luce è un luogo di crescita in cui l’approccio alla vita è basato sulla condivisione delle risorse e di determinati valori, con una particolare attenzione all’ecologia. Qui le persone non solo si vogliono bene, ma si confrontano apertamente su tante tematiche, dalle più comuni e quotidiane fino ai principi di valore. Non manca una corposa e costante attività formativa su discipline come reiki, yoga e medicina cinese.

Ancona, Marche - Il progetto della Città della Luce nasce tra il 1995 e il 1996 dall’esperienza dello scrittore, artista e ricercatore spirituale Umberto Carmignani, noto come Akshara. Dapprima residenti nel nord Italia, nel 2006 i membri della comunità si trasferirono nelle Marche, vicino a Senigallia. Qui ad accoglierli trovarono un contesto ideale: una grande casa su una collina, totalmente immersa nella natura. La presenza di questi terreni permise loro di attuare uno stile di vita ancora più ecologico, coltivando direttamente sul posto o acquistando prodotti da piccole realtà, favorendone così la crescita.

citta della luce 2

Si tratta di una comunità di uomini e donne che hanno scelto di vivere insieme e di orientare la propria vita verso determinati principi strettamente connessi alle attività svolte. Ciò che ha tenuto unito fin dall’inizio il progetto è il Reiki, disciplina di origine orientale che nel tempo si è evoluta e ha aperto le porte ad altre pratiche sempre olistiche, basate quindi su un approccio di crescita personale ma anche di connessione dei diversi piani della realtà: fisico, emozionale, spirituale. Successivamente vengono introdotti lo yoga, le costellazioni familiari, l’astrologia, le rune, l’arte sacra, la medicina cinese, la psicogenealogia e il genosociogramma, consentendo così al progetto di configurarsi, dopo vent’anni, come una vera e propria accademia di arti olistiche.

«La comunità è un organismo vivente che si modella intorno ai componenti stessi», afferma Tulsi Serena Baroni, la presidente dell’associazione. Di fronte a una decisione, infatti, grazie al metodo del consenso e al dialogo, ognuno esprime la propria opinione e se ci sono pareri discordanti si va ad analizzarli e a verificarli, fino a trovare una soluzione che rispecchi i pensieri di tutti. In questo modo si vanno ad approfondire e rafforzare le relazioni dei membri della comunità stessa. Nonostante questa sia una risorsa, può rivelarsi tuttavia anche una criticità: mentre trovare un compromesso tra due persone è facile, trovarlo tra venti o trenta richiede un processo di elaborazione in cui ognuno propone alternative fino a trovare un buon equilibrio.

citta della luce 1

Quello che è avvenuto presso la Città della Luce è stato un processo di creazione continua: inizialmente si trattava di due o tre persone che condividevano un appartamento poi ne sono arrivate altre. Ora, ogni anno, centinaia di persone usufruiscono dei servizi di formazione e dei corsi che propongono. Interessante, peraltro, è il processo di revisione delle risorse economiche.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

A differenza di molte altre comunità che mantengono separate le proprietà personali, chi vive a Città della Luce sceglie di condividere tutto. Oltre a ciò si persegue anche l’obiettivo di entrare sempre di più in sintonia con la natura, impegnandosi a creare e a curare gli spazi, piantare alberi e cibarsi dei prodotti coltivati dai membri della comunità. Un altro obiettivo fondamentale è quello di crescere sempre di più, sperimentando nuovi metodi e nuove tecniche.

citta della luce 3

La situazione epidemiologica ha sicuramente portato un cambiamento: mentre prima i seminari avvenivano in presenza, ora – per mantenere il contatto con i clienti e i piani di studio per gli allievi dell’accademia – anche la Città della Luce ha dovuto adattarsi alla modalità di incontro online. Questo ha costituito un upgrade anche a livello psicologico. Per anni i comunardi hanno cercato un metodo per proporre i loro corsi anche alle persone che risiedono all’estero; il covid ha dato loro una spinta a procedere con un’alternativa che già da prima volevano iniziare a utilizzare.

La Città della Luce offre quindi innumerevoli corsi volti a una crescita spirituale e personale, operando attivamente per l’evoluzione della società e sostenendo il benessere e l’equilibrio globale del pianeta e dei suoi abitanti.

Questo contributo è stato realizzato dagli studenti e dalla studentesse delle scuole secondarie di secondo a conclusione dell’attività “Un giornalista in classe”, percorso di giornalismo ambientale condotto dalle giornaliste e giornalisti di Italia che Cambia all’interno del progetto SOStenibilmente. #SOStenibilmente è un progetto nazionale di educazione ambientale promosso da CIFA ONLUS e co-finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, volto a costruire una cultura basata sul rispetto dell’ambiente e sui principi dello sviluppo sostenibile, promuovendo il protagonismo giovanile e l’integrazione da parte di cittadini e rappresentanti delle istituzioni di una prospettiva rispettosa dell’ambiente nelle proprie scelte quotidiane.

Articolo scritto da Micol Sartini, Sara Giaccaglia e Emilia Barbara Robel dell’ISS Cambi-Serrani di Falconara Marittima (AN).

Vuoi cambiare la situazione
dell'abitare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Gatta Nera, verso la nascita di una nuova comune libertaria
Gatta Nera, verso la nascita di una nuova comune libertaria

Realizzare un ecovillaggio: un weekend da sogno

RIVE 2019, torna il raduno degli ecovillaggi italiani

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Germania, un governo “semaforo”? – #417

|

Il diritto dei bambini all’aria pulita: le strade scolastiche come antidoto a traffico e inquinamento

|

Fuga dalla città. Una seconda vita sulle colline piacentine

|

Assamil: una delle comunità più giovani d’Italia cresce e cerca una nuova casa

|

Re-sisters: l’arte e la cultura per dire no alla violenza sulle donne

|

Il primo Asilo nel Bosco altoatesino, dove le maestre sono la neve e la pioggia

|

La storia di Esma, il musicista che ha lasciato la città per vivere e cantare la campagna

|

Camilla Rossi, educatrice: “Attivismo quotidiano, educazione e messa in discussione per combattere la violenza contro le donne”